12 dicembre 2018

#40anni SSN: l'intervento di Nunzia Verde (Anaao Giovani) alla celebrazione al Ministero della salute

"Mi guardo intorno e vedo che tutti parlano dei giovani, ma pochi trovano soluzioni per una valorizzazione effettiva nel mondo del lavoro. Ogni tanto arrivano proposte, leggiamo di idee per risolvere la situazione, ma non si concretizza mai nulla"...

10 dicembre 2018

Aggressioni. Anaao Giovani: “Urgente modifica dell’impianto legislativo nazionale a tutela degli operatori”. QUOTIDIANO SANITA'

La proposta dei giovani medici Anaao per tutelare gli operatori dalle aggressioni. Di Angelo Fioretti, Responsabile Anaao Giovani Campania - Pierino Di Silverio, Responsabile Nazionale Anaao Giovani - Maria Gabriella Coppola, Responsabile Aziendale Settore Anaao Giovani ASL NA 1

05 dicembre 2018

Classifica Bloomberg health care efficiency 2018. Fake news o realtà? Pierino Di Silverio e Vincenzo Cosentini Anaao Giovani su DIRIGENZA MEDICA N. 8/2018

È stata pubblicata recentemente la classifica Bloomberg Health Care Efficiency 2018 che pone l’Italia al 4° posto al mondo in termini di efficienza, analizzando il rapporto tra costi ed aspettativa di vita. Tale classifica si rifà ai dati di Banca Mondiale, Oms, Nazioni Unite e Fmi attraverso cui si è creato un indice di efficienza sanitaria per classificare 56 Paesi al mondo che abbiano come caratteristiche una vita media di 70 anni, un Pil pro-capite superiore a 5mila dollari ed una popolazione minima di 5 milioni.

30 novembre 2018

NO DEI GIOVANI MEDICI ANAAO AI TENTATIVI DI RIDURRE LA DURATA DELLE SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE. Comunicato stampa

Anaao Giovani ribadisce con decisione l’assoluta necessità di un costante coinvolgimento dei legittimi rappresentanti dei medici specializzandi al fine di valutare le criticità dei percorsi formativi, spesso non note a chi si dedica saltuariamente a questi temi, ricercando insieme le metodologie idonee alla risoluzione delle stesse.

leggi il comunicato stampa

il comunicato è stato ripreso da: ANSA, ADNKRONOS, QUOTIDIANO SANITÀ, PANORAMA DELLA SANITÀ, RESPONSABILE CIVILE

28 novembre 2018

L’ANAAO GIOVANI avvia il dialogo con l'Associazione Liberi Specializzandi

Il percorso formativo pre e post-laurea e i problemi ad esso connessi sono stati al centro del recente incontro con i giovani specializzandi rappresentati dall’Associazione Liberi Specializzandi-Fattore 2a (ALS).

24 novembre 2018

#SCIOPERO23NOVEMBRE - ANAAO GIOVANI SUI MEDIA

Sciopero di 24 ore per medici e veterinari. Messaggio di Giulia Grillo. Testimonianze dirette. Intervista a Pierino Di Silverio Responsabile nazionale Anaao Giovani.
RAI 3 - TG3 - Ediz. 14.20 - guarda il video
RAI 3 - TGR Campania - Ediz. 14.00 guarda il video (minuto 2.25)

Medici sciopero per 24 ore. "Contratto bloccato da 10 anni".
IL MANIFESTO - leggi l'articolo

Sciopero dei medici, 90% di adesioni e sale operatorie in tilt. L'articolo contine un'intervista a Pierino Di Silverio, Responsabile Nazionale Anaao Giovani.
MASTER X - leggi l'articolo

23 novembre 2018

Medici in sciopero per 24 ore "Contratto bloccato da 10 anni". Anaao Giovani su IL MANIFESTO

L'articolo contiene un intervista ad Alessandro Conte Vice Responsabile nazionale Anaao Giovani

22 novembre 2018

#SCIOPERO23NOVEMBRE. Il messaggio di Pierino Di Silverio ai giovani medici #IOCISARÒ!

17 novembre 2018

Introdurre il “teaching hospital” nell’ambito della formazione specialistica. Lettera del Direttivo Nazionale Anaao Giovani a QUOTIDIANO SANITÀ

Il recente articolo di Milena Gabanelli pubblicato sul Corriere della Sera, offre un prezioso spunto per riflettere ancora una volta sulla formazione dei giovani medici in Italia. Un dato su tutti: il Ministero dell’Istruzione, di concerto con quello della Salute, ha accreditato 1.123 Scuole di specializzazione, dotate degli standard assistenziali necessari per garantire una buona formazione alla professione dello specializzando nell’ambito di competenza. Sono, invece, 41 le Scuole di specializzazione senza i requisiti minimi, cui sono affidati ogni anno 383 giovani in formazione.

13 novembre 2018

Manovra. Di Silverio (Anaao Giovani): “Mancano risposte adeguate a carenza specialisti”. QUOTIDIANO SANITA'

La proposta, sostenuta da Anaao, di assumere a tempo determinato medici specializzandi all’ultimo anno in tutte le Aziende sanitarie al fine di tamponare l’emorragia di specialisti rappresenta una soluzione “tampone” ma non definitiva alla questione. L’obiettivo deve restare quello di reperire i fondi necessari ad erogare un numero di contratti di specializzazione adeguato a consentire a tutti i giovani medici di accedere al percorso specialistico per poter diventare operatori del sistema sanitario nazionale garantendo una assistenza sanitaria adeguata ai fabbisogni dei cittadini ed un carico di lavoro idoneo per i medici ospedalieri.

18 ottobre 2018

AGGRESSIONI al personale sanitario. Ecco le "mosse" da attuare. Intervento di Angelo Fioretti (Responsabile AG Campania) su DIRIGENZA MEDICA n.7/2018

Le aggressioni al personale sanitario sono all’ordine del giorno quasi a passare in secondo piano sulle cronache regionali per non parlare di quelle nazionali

18 ottobre 2018

Incontro Anaao Giovani-Ejd. I giovani medici italiani non sono soli. Intervento di Alessandra Spedicato, Michele Negrello, Nunzia Verde, Diliana Beleva, Delegati Anaao Assomed all’Ejd su DIRIGENZA MEDICA n.7/2018

Quante volte nel discutere sulle possibili riforme, per la formazione in Medicina, nel nostro Paese si è sentito parlare di “sistema alla francese”, oppure quanto spesso si guarda oltralpe alla ricerca di nuove soluzioni a problemi italiani di lunga data? Rimane però il dubbio su quanto realmente si conoscano i sistemi sanitari esteri, ed i rispettivi percorsi formativi, per poter operare paragoni o condividere modus operandi.

18 ottobre 2018

Poche borse di specializzazione e un lavoro precario: così i medici italiani fuggono all’estero - BUSINESS INSIDER

Il commento di Pierino Di Silverio, Responsabile Nazionale Settore Anaao Giovani

17 ottobre 2018

GRANDE SUCCESSO DEL SIT-IN. L'ANAAO GIOVANI C'E'!

Il Settore Anaao Giovani al TG5 e su TISCALI NEWS

TISCALI NEWS - leggi l'articolo

TG5 edizioni delle ore 13.00 e delle ore 20.00 del 17 ottobre - Interviste a Bruno Zuccarelli (Vice Segretario Nazionale Anaao), Pierino Di Silverio (Responsabile Nazionale Anaao Giovani), Alessandra Spedicato (Anaao Assomed), Riccardo Brachet (Segretario Anaao Valle d’Aosta) – guarda il video

17 ottobre 2018

Numero chiuso a Medicina - L'Anaao Giovani a RADIO 24 – Due di denari

Intervista a Alessandro Conte, Vice Responsabile Nazionale Anaao Giovani

16 ottobre 2018

Abolizione numero chiuso a Medicina e futuro della professione - L'Anaao Giovani a RADIO CUSANO CAMPUS

Intervista a Pierino Di Silverio, Responsabile Nazionale Settore Anaao Giovani

25 settembre 2018

Medici e formazione. Numero chiuso si o no? RADIO CUSANO CAMPUS

Intervista a Pierino Di Silverio, Responsabile Nazionale Settore Anaao Giovani.

19 settembre 2018

Contro le aggressioni, bene il fondo Fnomceo - Comunicato stampa Anaao Giovani

Dopo le numerose denunce dei continui episodi di aggressione al personale medico, apprendiamo con grande soddisfazione la decisione della FNOMCEO di stanziare un fondo di tre milioni di euro, destinato anche al finanziamento di iniziative degli Ordini provinciali per la sensibilizzazione contro la violenza sui medici, per quanto appaia una chiara azione vicariante di uno Stato che sul tema aggressioni appare ancora molto timido.

leggi il comunicato stampa in pdf

Dopo le numerose denunce dei continui episodi di aggressione al personale medico, apprendiamo con grande soddisfazione la decisione della FNOMCEO di stanziare un fondo di tre milioni di euro, destinato anche al finanziamento di iniziative degli Ordini provinciali per la sensibilizzazione contro la violenza sui medici, per quanto appaia una chiara azione vicariante di uno Stato che sul tema aggressioni appare ancora molto timido.

La scia di violenza contro gli operatori sanitari cresce in modo esponenziale di giorno in giorno ed è sicuramente influenzata dal disagio socio-economico, da una minore offerta dei servizi sanitari causata dal definanziamento del SSN, dai deficit organizzativi e dalla carenza di comunicazione medico-paziente. Occorrono modifiche sostanziali e a breve termine.

A partire dall’applicazione del DGLS 81/08, decreto estremamente complesso e preciso nel tutelare il lavoratore e garantirgli il massimo profilo di sicurezza rispetto ad agenti fisici, biologici, chimici, anche se non c’è menzione della sicurezza rispetto all’“aggressione e violenza” ai danni degli operatori sanitari.

Appare invece chiara la responsabilità a carico del datore di lavoro, il quale secondo il caso di omissione della valutazione dei rischi e della mancata programmazione delle misure ritenute opportune per garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza, è esposto a pene che comprendono l’arresto o in alternativa ammende che possono arrivare ai 150.000 euro (articolo 28, comma 1).

Ci chiediamo peraltro i tempi di applicazione del DDL che con tanta solerzia era stato inviato alle Camere e che sembrava un’azione bipartisan condivisa e lontana da divisioni e posizioni partitiche.

Anaao Giovani chiede che alla lodevole iniziativa della Fnomceo vengano quindi associati interventi atti ad implementare i sistemi di sicurezza dei presidi di continuità assistenziale, dei pronto soccorso e delle altre sedi con analoghe condizioni di rischio mediante l’incremento delle guardie giurate e dei posti di polizia, sistemi di videosorveglianza, potenziamento degli organici e modifiche strutturali dell’edilizia sanitaria.

Garantire il lavoro in sicurezza del medico garantisce non solo la sua protezione individuale durante l’espletamento della sua attività lavorativa, ma soprattutto garantisce ai pazienti la continuità dell’erogazione di una prestazione sanitaria di qualità.

Anaao Giovani chiede inoltre l’istituzione di Osservatori metropolitani al fine di seguire con puntualità il fenomeno delle aggressioni che appare oggi in pericolosa crescita, crescita che senza i dovuti accorgimenti diventerà inarrestabile e porrà in essere tutte le iniziative necessarie affinché il problema possa esser posto tra le priorità dell’agenda di governo.

17 settembre 2018

Carenza medici. Il problema non è il numero chiuso - P. Di Silverio, Responsabile Nazionale AG e Maria Gabriella Coppola Responsabile AG ASL NA 1 - QUOTIDIANO SANITA'

Si rende evidente la necessità di riformulare una corretta programmazione per non creare in futuro sacche di inoccupati e sottooccupati di lusso, ma anche soprattutto per assicurare che i medici  che le università sforneranno possano avere standard di preparazione di alta qualità.

13 settembre 2018

Violenza a Castellammare. Dottoressa fratturata. L’Anaao giovani chiede più poteri per le guardie giurate - QUOTIDIANO SANITA'

Le proposte dell'Anaao Giovani per fronteggiare le aggressioni, nel commento di Pierino Di Silverio, Responsabile Nazionale Anaao Giovani

12 settembre 2018

Formazione post laurea e carenza medici - RADIO CUSANO CAMPUS

Intervista a Pierino Di Silverio, Responsabile Nazionale Anaao Giovani

04 settembre 2018

Carenza specialisti: aumentare i posti di specializzazione - RADIO CUSANO CAMPUS

Intervista a Pierino Di Silverio, Responsabile Nazionale Settore Anaao Giovani

03 settembre 2018

Cari aspiranti Colleghi......Lettera Anaao Giovani ai candidati al test di Medicina

“Non fatevi spaventare dalle difficoltà. Noi ci siamo e ci saremo con azioni concrete per garantire la salvaguardia del ruolo del medico”.

27 luglio 2018

Concorso specializzazione. Più della metà dei partecipanti tagliata fuori fin dall’inizio. Intervento di P. Di Silverio (Responsabile Nazionale AG) su QUOTIDIANO SANITA'

Su un totale di 16.046 candidati, i posti a disposizione erano solo 6.934. Anche quest’anno, quindi, nonostante la carenza di specialistisia per molte branche già evidente ed allarmante, ben 9.112 giovani medici non potranno continuare il loro percorso di formazione post-lauream, andando ad accrescere il già nutrito gruppo di Colleghi costretti nel cosiddetto imbuto formativo, fatto di precariato ed espedienti

18 luglio 2018

Aggressioni ai sanitari: Anaao giovani chiede un immediato cambio di rotta e, alla luce della proposta di legge parlamentare sull’attribuzione al medico in servizio dello status di pubblico ufficiale. RADIO CUSANO CAMPUS

Intervista radiofonica al Responsabile Nazionale Settore Anaao Giovani, Pierino Di Silverio

18 luglio 2018

Campania. Violenza contro i medici in Campania. Il piano in 6 punti di Anaao Giovani - QUOTIDIANO SANITÀ

Maggiori poteri alle guardie giurate; costituzione dell’Anaao quale parte civile nei processi; una campagna mediatica di sensibilizzazione; fare rete con istituzioni, ordini e forze dell'ordine; un piano di sicurezza intraospedaliero e infine una proposta legislativa di riconoscimento dei Medici e del Personale sanitario nell’esercizio delle proprie funzioni quali pubblici ufficiali

17 luglio 2018

Aumento contratti specializzazione, Di Silverio (Anaao Giovani): «Una farsa. Ci riserviamo di adire la Corte europea» - SANITA' INFORMAZIONE

«Questa situazione è il frutto di una grave incapacità gestionale». Il sindacalista evidenzia l’insufficiente numero di posti per far fronte ai pensionamenti dei medici e lancia l’allarme: «Se passasse “Quota 100” sarebbe la catastrofe»

16 luglio 2018

Aggressioni ai sanitari: Anaao giovani chiede interventi immediati. Comunicato stampa

E’ di pochi giorni fa la notizia dell’ennesima aggressione perpetrata ai danni di un medico, ancora una volta al Sud, ancora una volta in Campania. Siamo ormai in un vero e proprio stato di emergenza con tremila aggressioni che ogni anno subiscono medici e personale sanitario. Anaao Giovani chiede un immediato cambio di rotta e, alla luce della proposta di legge parlamentare inerente l’attribuzione al medico in servizio dello status di pubblico ufficiale, chiede tempi brevissimi di applicazione della stessa, al fine di continuare a salvaguardare l’equità nell’accesso alle cure nel rispetto della sicurezza, sia per il cittadino che per l’operatore sanitario.

leggi il comunicato in pdf

E’ di pochi giorni fa la notizia dell’ennesima aggressione perpetrata ai danni di un medico, ancora una volta al Sud, ancora una volta in Campania. Siamo ormai in un vero e proprio stato di emergenza con tremila aggressioni che ogni anno subiscono medici e personale sanitario.

Da un’analisi condotta dall’Anaao Assomed su 1280 operatori sanitari, emerge che Il 65% circa del campione ha dichiarato di essere stato vittima di una aggressione. Un approfondimento a livello regionale evidenzia che la percentuale di aggressioni, sia fisiche che verbali, si incrementa al 72,1% nel Sud e nelle Isole. Dato ancora più allarmante per i Medici che lavorano in Pronto Soccorso e 118, dove le stesse percentuali salgono all’80,2%.

Elemento preoccupante è che oltre il 50% dei responder ignora che le aggressioni dovrebbero essere identificate come evento sentinella dalla propria Direzione aziendale, come previsto dalla raccomandazione n. 8 del 2007 del Ministero della Salute, mentre il 18% asserisce che addirittura non vengono riconosciute.

Sono dati allarmanti, che caratterizzano una dirompente escalation di violenza, espressione della crescente difficoltà con cui i cittadini accedono alle prestazioni sanitarie erogate dal SSN e la cui insoddisfazione e disperazione si riversa sugli inermi operatori esposti in prima linea.

Anaao Giovani chiede con forza un intervento da parte delle Istituzioni locali, regionali e nazionali.
Non può essere sufficiente la creazione di un osservatorio per studiare il fenomeno, né possono bastare espedienti momentanei che talvolta sembrano solo un modo per mettere a tacere l’opinione pubblica.
Occorre invece smuoverla l’opinione pubblica, sensibilizzarla, stimolarla al rispetto per il lavoro dell’operatore sanitario.
Occorrono modifiche legislative, affinché il medico venga considerato pubblico ufficiale nell’esercizio delle proprie funzioni permettendo di agire di ufficio nel caso di aggressioni nei suoi confronti.
Occorre che i presidi di P.S. vengano resi sicuri, che le forze dell’ordine abbiano la possibilità di intervenire qualora venga messa a rischio l’incolumità dell’operatore, e che siano presidiati, ove necessario, i punti di cura, e, soprattutto, agire sulla sensibilità e sulla coscienza dei cittadini.

Anaao Giovani, esprime massima solidarietà per i medici vittima di violenza e non starà a guardare.

Chiediamo l’immediata presa di posizione da parte dei Sindaci, quali autorità sanitarie locali, dei Prefetti, delle Regioni e del Ministero al fine di individuare rimedi immediati e concreti atti ad arginare un fenomeno che pone a serio rischio la fruibilità di cure da parte dell’utenza.
I medici non possono rischiare la propria vita mentre lottano per salvare quella di altri; i medici non possono osservare inerti lo sgretolamento dello stato sociale insieme alla decomposizione di quel che resta del sistema di welfare; i medici non possono essere capro espiatorio del disfacimento di un servizio sanitario fatto di precariato non risolto, carenze croniche di organico occultate utilizzando giovani medici come tappabuchi, infrastrutture fatiscenti non atte ad accogliere pazienti e operatori, disorganizzazione ed incapacità gestionale.

Anaao Giovani chiede un immediato cambio di rotta e, alla luce della proposta di legge parlamentare inerente l’attribuzione al medico in servizio dello status di pubblico ufficiale, chiede tempi brevissimi di applicazione della stessa, al fine di continuare a salvaguardare l’equità nell’accesso alle cure nel rispetto della sicurezza, sia per il cittadino che per l’operatore sanitario.

11 luglio 2018

Pierino Di Silverio è il nuovo Responsabile Nazionale Anaao Giovani.

Rinnovato anche il Direttivo Nazionale e i Coordinatori di Macro Regioni. Il comunicato stampa e tutti gli eletti


IL COMUNICATO STAMPA
Pierino di Silverio è il nuovo Responsabile Nazionale del Settore Anaao Giovani dell’Anaao Assomed e resterà in carica fino al 2022. Medico di Direzione Sanitaria, 40 anni, prende il posto di Domenico Montemurro.

“Sono orgoglioso di questo incarico pur nella consapevolezza della sua complessità perché i temi dei giovani medici sono molti e di difficile soluzione, ma l’impegno mio e del nuovo Direttivo Nazionale del Settore sarà totale e in sinergia con l’intera Associazione”.

Il primo atto che porta la firma del neo eletto è la lettera trasmessa ai Ministri della Salute e dell’Università per contestare la scelta del MIUR di incrementare il numero di immatricolazioni ai Corsi di Laurea in Medicina e Chirurgia, senza procedere, come da sempre chiesto dall’Anaao, a un incremento parallelo dei posti nelle Scuole di Specializzazione Medica e di Formazione specifica in Medicina Generale.

“Quello della formazione post laurea è un tema importante dell’azione sindacale dell’Associazione – ribadisce Di Silverio - e continueremo a batterci finchè la politica non abbandonerà quell’atteggiamento miope, comune purtroppo a tutti i governi, che sta portando al tracollo del nostro sistema, l’assenza di una programmazione dei fabbisogni formativi coerente con le necessità del Ssn”.

L’imbuto formativo diventerà ancora più stretto nei prossimi anni accademici, dal momento che negli anni 2013/2014 e 2014/2015 sono stati iscritti quasi 30.000 aspiranti Medici, grazie al sovrannumero legittimato dai ricorsi al TAR. Ad invarianza del numero di contratti di formazione specialistica, il numero di medici esclusi dal percorso formativo post-lauream raggiungerà nell’anno 2020-2021 la preoccupante cifra di oltre 20.000 unità. Una condanna alla sotto occupazione o alla emigrazione, con una perdita netta non solo economica, ma soprattutto di conoscenze e capacità tecniche fondamentali e preziose per il futuro del nostro sistema sanitario.

Ci aspettiamo – conclude Di Silverio – che i Ministri accolgano la nostra richiesta di incontro per verificare la fattibilità di un percorso condiviso di cambiamento del sistema della formazione post laurea.

Oltre al Direttivo Nazionale del Settore sono stati eletti i nuovi Coordinatori per le regioni del Nord, Centro e Sud, rispettivamente Federico Masserano Zoli (Lombardia), Vinicio Rizza (Abruzzo) e Silvia Porreca (Puglia).

Il nuovo Direttivo Nazionale:
Pierino DI SILVERIO (Campania) Responsabile Nazionale
Alessandro CONTE(Friuli Venezia Giulia) Responsabile Nazionale Vicario
Francesco FELETTI (Emilia Romagna)
Gemma FILICE (Calabria)
Anna Maria FODALE (Sicilia)
Fabrizio MEZZASALMA (Umbria)
Fabio RAGAZZO (Veneto)

12 giugno 2018

Carenza medici specialisti, Comanducci (Rettore Università di Genova): “Intervenire ora per evitare il peggio” - BIZJOURNAL LIGURIA

Nell’articolo viene commentata la soluzione Anaao-Settore Anaao Giovani

11 giugno 2018

LETTERA AL MINISTRO DELLA SALUTE: chiediamo un tavolo permanente per la riforma della formazione.

I giovani dell'Anaao presentano al neo Ministro la loro idea di riforma del sistema formativo post laurea per migliorare i test di accesso alle scuole di specializzazione e, soprattutto, per consentire l’ingresso del giovane medico negli ospedali già all’inizio o durante il percorso di specializzazione.

leggi la lettera

Le citazioni sulla stampa:
ANSA
ADNKRONOS SALUTE
QUOTIDIANO SANITÀ
INSALUTE NEWS
PANORAMA DELLA SANITÀ
leggi gli articoli
DOCTOR33
RESPONSABILE CIVILE

16 maggio 2018

SOS specialisti. Intervista a Pierino Di Silverio (Direttivo Nazionale AG) su RADIO CUSANO CAMPUS

14 maggio 2018

FABBISOGNO SPECIALISTI: il rinvio dell'intesa mina la sopravvivenza del Ssn. Comunicato Anaao Giovani e rassegna stampa

Appare sempre più necessario ed urgente una riforma del sistema di formazione che permetta al medico di accedere immediatamente dopo la laurea al mondo del lavoro tramite l’inserimento in un percorso di formazione garantito a tutti i laureati in Medicina e Chirurgia. Senza rimanere intrappolato in un imbuto formativo, frustrante per lui e dannoso per la comunità che ha investito una quantità enorme di risorse per permetterne la formazione.

leggi il comunicato

le citazioni sulla stampa:
ADNKRONOS
DIRE
REGIONI.IT
IMGPRESS
INSALUTENEWS
QUOTIDIANO SANITÀ
SANITÀ24 (intervista a Pierino Di Silverio – Direttivo Nazionale AG)
DOCTOR33 (intervista a Pierino Di Silverio – Direttivo Nazionale AG)
HEALTHDESK
PANORAMA DELLA SANITÀ
RESPONSABILE CIVILE
leggi gli articoli

11 maggio 2018

Specializzandi, Governo e Regioni chiedono 2500 posti in più. La palla passa al Mef. Il commento di Pierino Di Silverio, Direttivo Nazionale Anaao Giovani. DOCTOR33

08 maggio 2018

SPECIALIZZAZIONI MEDICHE 2017-2018: ultima chiamata per il Ssn. Comunicato Anaao Giovani e rassegna stampa

Anaao Giovani torna a chiedere, con la forza dell’emergenza creatasi in molte aree del Paese, un consistente incremento del numero dei contratti di specializzazione, da fissare in numero non inferiore ad 8.000 unità, ed un raddoppio del numero dei posti in medicina generale da portare almeno a 2000. Anaao Giovani auspica una presa di coscienza da parte del Governo che verrà e di tutte le forze politiche rispetto alle criticità causate dall’assenza di un’adeguata programmazione del percorso di formazione post-lauream e dalla caduta della qualità formativa perpetuatasi nel tempo, chiedendo una urgente inversione di rotta rispetto al modus operandi passato.

leggi il comunicato stampa

Il MIUR sembra avere avviato l’iter procedurale per l’emanazione del bando di concorso per l’accesso alle scuole di specializzazione per l’anno accademico 2017/18 che, si auspica, possa rispettare la tempistica prevista.
 
In questo clima di grande incertezza sulle sorti del nostro SSN, in cui si registra una drammatica e massiccia carenza su tutto il territorio italiano del numero di medici specialisti, oltre che di quelli di medicina generale, appare di assoluta necessità una revisione completa dei fabbisogni ospedalieri e territoriali che riveda in maniera radicale il numero dei posti messi a disposizione.
 
Pertanto Anaao Giovani torna a chiedere, con la forza dell’emergenza creatasi in molte aree del Paese, un consistente incremento del numero dei contratti di specializzazione, da fissare in numero non inferiore ad 8.000 unità, ed un raddoppio del numero dei posti in medicina generale da portare almeno a 2000.
Appaiono inoltre improcrastinabili modifiche del regolamento di concorso, atte a correggere le falle del sistema di selezione già evidenziate e denunciate negli scorsi anni. Come garantire un congruo periodo di tempo dalla data di pubblicazione del bando alla data di svolgimento del concorso e la pubblicazione di un adeguato programma d’esame. Ed eliminare la possibilità di iscrizione e conseguente partecipazione al concorso dei medici non ancora abilitati, evitando in questo modo l’ammissione per ricorso come avvenuto nel corso di quest’anno accademico.
Il solo aumento del numero di borse, e le dovute correzioni all’attuale regolamento, produrranno effetti tra 3-5 anni e non sono sufficienti ad assicurare la disponibilità di risorse umane necessarie alla sopravvivenza di un sistema sanitario al collasso.
 
Per salvare il SSN occorrono scelte lungimiranti ed immediate, atte a promuovere non solo la qualità formativa ma anche, seguendo quel modello europeo che in tanti campi ci viene indicato, l’ingresso anticipato dei giovani medici nel mondo del lavoro.
Tale processo non può prescindere da una reale integrazione tra Università-Ospedali e Territorio, che passa per la promozione del Teaching Hospital. Si tratta di realizzare un percorso di formazione sul campo negli ospedali accreditati, attraverso veri contratti di lavoro a tempo determinato finalizzati al completamento del percorso formativo ed al conseguimento del titolo specialistico, che veda la compartecipazione di due istituzioni, Università e SSN, in eterno conflitto. Questa rimane l’unica soluzione per garantire l’acquisizione della esperienza imprescindibile per formare un buon professionista e rispondere nell’immediato alla carenza di risorse professionali.
 
Anaao Giovani auspica una presa di coscienza da parte del Governo che verrà e di tutte le forze politiche rispetto alle criticità causate dall’assenza di un’adeguata programmazione del percorso di formazione post-lauream e dalla caduta della qualità formativa perpetuatasi nel tempo, chiedendo una urgente inversione di rotta rispetto al modus operandi passato.
 
La qualità di un SSN pubblico passa inevitabilmente la quantità e la qualità dei suoi professionisti che necessitano di una corretta programmazione. Invertire la rotta è possibile, noi ci crediamo! Basta volerlo!

le citazioni sulla stampa:
ADNKRONOS SALUTE
IMGPRESS
INSALUTENEWS
DOCTOR33
QUOTIDIANO SANITÀ
PANORAMA DELLA SANITÀ
leggi gli articoli

18 aprile 2018

Medici sempre più in crisi. Non ci resta che scrivere a Ippocrate - Lettera di P. Di Silverio (Direttivo Nazionale AG) al Direttore di QUOTIDIANO SANITA'

Caro Ippocrate, se vedessi oggi il mondo medico come è ridotto penso che preferiresti aver vissuto l’epoca del paternalismo medico. Ma sapessi quanto è difficile oggi esercitare la medicina in “…libertà e indipendenza di giudizio e di comportamento rifuggendo da ogni indebito condizionamento”. Si perché oggi, il medico che ai tuoi tempi aveva un ruolo sociale salvaguardato e definito, oggi è vittima di quotidiane aggressioni politiche, sociali, verbali e fisiche, che inevitabilmente soffocano e condizionano lo svolgimento della propria missione.

16 aprile 2018

Il sindacato che noi vogliamo: coraggioso, aperto, eclettico - P. Di Silverio (Direttivo Nazionale) DIRIGENZA MEDICA n. 3/2018

Tra i turni massacranti in corsia, le notti insonni, le voci e le storie dei pazienti che ti ritornano in mente, di tanto in tanto, come flash back nella tua quotidianità, arrivi ad un certo punto e ti chiedi se esista una qualche forma di tutela per il nostro lavoro, per la nostra missione, una tutela che può dare dignità a quel lavoro, tanto massacrante quanto unico e ricco di sentimentali ed orgogliose sensazioni… a quel punto mi ritrovo a leggere storie, come bambini che non riescono a dormire, come bambini che vogliono sognare. Tra le storie, la deformazione professionale, mi ha portato a leggere la storia del sindacato, la forma più democratica di rappresentanza e tutela del lavoro.

leggi l'articolo

10 aprile 2018

I giovani medici chiedono la laurea abilitante. Perchè? Andrea Rossi (AG Veneto) a RADIO CUSANO CAMPUS

Lo ha spiegato Andrea Rossi (Responsabile AG Veneto) nell'intervista andata in onda su Radio Cusano Campus.
E sulle tangenti in sanità ha commentato: “Episodi simili anche in Veneto. Non tutti i medici si comportano correttamente. Quelli onesti non possono fare finta di niente alla luce anche del giuramento che abbiamo fatto. Il paziente prima di tutto”.  

09 aprile 2018

FORMAZIONE MEDICA: una nuova laurea abilitante piuttosto che un nuovo esame di Stato. Comunicato Anaao Giovani e rassegna stampa

La riduzione dei tempi per conseguire l’abilitazione per i neo-medici laureati nel nostro Paese non può essere garantito unicamente dall’aumento delle sessioni di esame o dal mutamento dell’esame stesso. Un tale condivisibile obiettivo è conseguibile solo imitando le altre realtà europee, nelle quali la laurea in Medicina è di per sé abilitante, consentendo ai neo-medici di entrare subito nel mondo del lavoro o di accedere alla formazione post laurea.

leggi il comunicato

le citazioni sulla stampa:
ADNKRONOS SALUTE
QUOTIDIANO SANITÀ
PANORAMA SANITÀ
SANITÀ24
INSALUTENEWS
HEALTHDESK

RADIO CUSANO CAMPUS – ascolta l’intervista a Andrea Rossi, Responsabile AG Veneto
DOCTOR33
UNIVERSITA.IT
leggi gli articoli

22 marzo 2018

La crisi al “fronte” Cardarelli - Maurizio Cappiello (Consigliere Nazionale Anaao Assomed) su QUOTIDIANO SANITA'

Lettera al Direttore, sulle criticità che si stanno affrontando negli ultimi giorni nel pronto soccorso deIl’Ospedale Antonio Cardarelli di Napoli. Il fallimento trasversale di una organizzazione esterna all’ospedale che nel nome o meglio sotto lo slogan di “ospedale sicuro” hanno determinato la chiusura di diversi pronto soccorso nonché il depotenziamento di nosocomi sia cittadini che periferici, hanno  reso in realtà  “poco sicuro” l’unica vera struttura dedicata all’emergenza di Napoli e Provincia.

21 marzo 2018

Il giovane medico e la previdenza: un connubio impossibile? Intervento di Matteo D'Arienzo (Responsabile AG Emilia Romagna) su DIRIGENZA MEDICA n.2/2018

La pensione viene vista, dalla maggior parte dei giovani medici di oggi, come un miraggio talmente lontano da risultare quasi una chimera. Le numerose riforme pensionistiche degli ultimi 25 anni hanno fatto sì che le regole del gioco cambiassero continuamente, tanto che gli under 40 hanno smesso di credere che l’ultima riforma delle pensioni possa essere quella con la quale essi potranno  congedarsi dal lavoro.

19 marzo 2018

Utilizzo dei farmaci: quanti ne compriamo? E quanti ne sprechiamo? - Andrea Rossi (Responsabile AG Veneto) a RADIO CAPITAL

Intervista sui dati dell'indagine Anaao Giovani (minuti da 5:53 a 11:29)

16 marzo 2018

Scaduti o di troppo, che spreco quei farmaci - Lo studio Anaao Giovani su IL VENERDI' DI REPUBBLICA

Se ne comprano moltissimi e non si utilizzano tutti. Provocando un danno economico ma anche ambientale. Uno studio curato dalla sezione giovani dell'Anaao, quantifica in seimila tonnellate i farmaci che gettiamo ogni anno.

04 aprile 2018

CARENZA MEDICI: la soluzione c'è. La proposta Anaao Giovani sulla stampa

La soluzione per superare le criticità della formazione e del fabbisogno di medici specialisti nel Servizio Sanitario Nazionale c'è e Anaao Giovani in un recente studio propone la sua ricetta in 5 passaggi: 1) facilitare il precoce ingresso nel Ssn; 2) svincolare il percorso formativo dall’Università, almeno in parte; 3) confrontarsi con l’Europa; 4) prevedere una forma di part time ospedaliero in cui il giovane medico, adeguatamente tutorato, gradualmente “sostituisce” l’over 60 che potrà su base volontaria lavorare nel territorio; 5) migliorare l’inquadramento previdenziale.

04 aprile 2018

CARENZA di MEDICI, la cura di Anaao: contributi delle Regioni, teaching hospital e libera professione per gli specializzandi - L'indagine Anaao Giovani commentata da Pierino Di Silverio, Direttivo Nazionale AG - SANITA'INFORMAZIONE

Pierino Di Silverio di Anaao Giovani a Sanità Informazione: «Abbiamo sviluppato un algoritmo che consente di calcolare il fabbisogno reale di medici nei prossimi anni. Dobbiamo ridurre gli accessi a medicina ed aumentare le borse per la formazione post lauream».

30 gennaio 2018

SPECIALISTI SSN, il rebus tra formazione e fabbisogni. Ecco l’algoritmo dell’Anaao - IL SOLE 24 ORE SANITA' N. 3/2018

A cura di Piero Di Silverio Anaao Giovani Campania, Alessandro Conte Anaao Giovani Friuli Venezia Giulia, Matteo D’Arenzio Anaao Giovani Emilia Romagna, Fabio Ragazzo Anaao Giovani Veneto, Daniela Atzeni Anaao Giovani Sardegna, Annamaria Fodale Anaao Giovani Toscana

23 gennaio 2018

OSPEDALI SENZA DOTTORI. L'articolo contiene il commento di Domenico Montemurro, Responsabile Anaao Giovani - LA REPUBBLICA SALUTE

La carenza di medici tra pensionamenti, inadeguatezza dei numeri di posti nelle scuole, mancate assunzioni e fughe all'estero.

18 gennaio 2018

Medicina, quale specializzazione scegliere dopo la laurea? Pierino Di Silverio, Direttivo Nazionale Anaao Giovani su REPUBBLICA DEGLI STAGISTI

«Le specializzazioni più favorevoli sono sicuramente pediatria, anestesiologia, medicina interna e medicina di base che, stando agli ultimi dati, avrà in futuro una grande carenza. Ma attenzione! Gli immatricolati a Medicina sono circa 10mila l’anno, con un tasso di laurea in 6 anni del 93%. Se si considera che i contratti formativi erano quest’anno 6.700, a cui si aggiungono circa mille posti per la  medicina generale, il gap che ne deriva è enorme. In questo modo circa 1500/2000 colleghi restano fuori ogni anno da canali formativi».

15 gennaio 2018

NO ALL'ABOLIZIONE DEL NUMERO CHIUSO. Comunicato Anaao Giovani e citazioni sulla stampa

Preoccupazione e disappunto per la proposta in campagna elettorale di abolire il numero chiuso per l'accesso ai corsi di laurea. Anaao Giovani spiega perchè va mantenuto.

leggi il comunicato stampa

il comunicato è stato ripreso da: ADNKRONOS SALUTE, AGENPARL, INSALUTENEWS, HEALTHDESK, IMGPRESS, QUOTIDIANO SANITÀ, PANORAMA DELLA SANITÀ, SANITÀ24 leggi gli articoli
DOCTOR33, MEDICALIVE leggi gli articoli

08 gennaio 2018

Il silenzio....dei colpevoli, di Dario Amati, Responsabile Settore Anaao Giovani Piemonte e Macro Regione Nord - DIRIGENZA MEDICA N. 8

Correva l’anno 2014 precisamente il 14 aprile quando io e Domenico Montemurro con una lettera aperta ci rivolgevamo all’allora premier Matteo Renzi per denunciare e stigmatizzare la grave situazione in cui versava il Ssn nazionale, l’assoluta assenza di una politica lungimirante per i giovani medici in formazione, la vessatoria penalizzazione economica che tutti i medici dipendenti (e guarda caso soprattutto i più giovani) avevano subito negli anni precedenti.

Anaao ti tutela
Pronto soccorso medico-legale e assicurativo
Medici in pensione
Informazioni parlamentari
Banca dati normativa in sanita
Anaao Card
Anaao ti assiste
Assistenza legale
Assistenza fiscale
Anaao ti assicura
Copertura tutela legale gratuita
Polizza responsabilità civile professionale "colpa grave"
Polizza unica
Copertura contagio ospedaliero
Servizio Doctor Help Desk
Anaao ti informa
Newsletter
Iniziativa Ospedaliera
Dirigenza medica
Editoria
Segreteria Nazionale sede di Roma
Via San Martino della Battaglia, 31 - 00185 ROMA
Telefono 064245741 - Fax 0648903523
segreteria.nazionale@anaao.it
segreteria.nazionale@anaao.postecert.it
Dipartimento Amministrativo
Via Scarlatti, 27 - 20124 MILANO
Telefono 026694767 - Fax 0266982507
segr.naz.milano@anaao.it
segr.naz.milano@anaao.postecert.it
Dipartimento Organizzativo
Via Sant'Aspreno, 13 - 80132 NAPOLI
Telefono 0817649624 - Fax 0817640715
segr.naz.napoli@anaao.it
segr.naz.napoli@anaao.postecert.it
Ufficio stampa
Via San Martino della Battaglia, 31 - 00185 ROMA
Telefono 064245741 - Fax 0648903523
ufficiostampa@anaao.it
Coordinamento servizi agli Associati
Via San Martino della Battaglia, 31 - 00185 ROMA
Telefono 064245741 - Fax 0648903523
servizi@anaao.it