31 dicembre 2016

Le Cooperative in medicina una risorsa o una speculazione? A cura di Pierino Di Silverio, Direttivo Naz. Anaao Giovani, Maddalena Zippi, Resp. AG Lazio, Maurizio Cappiello, Consigliere Naz. AG - DIRIGENZA MEDICA N. 10/2016

La cooperazione in medicina in tempi di precarizzazione del lavoro diventa un tema sempre più attuale, erogando servizi sanitari in “appalto” a favore di strutture per lo più private accreditate oppure sul territorio ove vi sono carenze o vuoti da colmare nell’assistenza sanitaria.

23 dicembre 2016

Percorso a ostacoli per le donne medico: il 60% subisce mobbing in corsia. Il servizio contiene un’intervista ad Alessandra Spedicato, Vice Responsabile Nazionale Anaao Giovani - DIRE -TG SANITA’

Il quadro che emerge dall'indagine Anaao Assomed sulle donne in corsia.

21 dicembre 2016

Quei continui “Stop and go” sulla responsabilità professionale - Lettera di Michela Piludu, Responsabile Settore AG Sardegna al Direttore di QUOTIDIANO SANITA'

Il rapporto medico-paziente si è profondamente modificato nel tempo: si è passati dall’era del “paternalismo” in cui la parola del medico era inconfutabile, “all’autonomia di cura” sia del medico che del paziente (1950-1980), “alla parsimonia burocratica” degli anni ’80 nei quali la parola d’ordine era risparmio, sino ai giorni nostri dove impera “l’obbedienza giurisprudenziale”. Il medico si reca a lavoro e, la prima domanda che si pone è “quali sono oggi le novità della Cassazione in materia di responsabilità professionale?”

21 dicembre 2016

Secondo il Rapporto Eurostat: poche donne tra i medici italiani. Anaao giovani: sistema welfare inadeguato - Intervista ad Alessandra Spedicato, Vice Responsabile Nazionale Anaao Giovani su DOCTOR33

19 dicembre 2016

ORARIO DI LAVORO. Nuova diffida alle Università a tutela dei medici specializzandi - Leggi il comunicato e la diffida - Segnalaci le inadempienze della tua scuola

Le Università continuano a non applicare la legge europea sull’orario di lavoro ai medici in formazione. Per questa ragione ad un anno di distanza dalla prima diffida, l’Anaao Assomed ha replicato oggi l’invio a tutti gli atenei di un secondo avviso a seguito di una rilevazione condotta dal Settore Anaao Giovani dalla quale è emerso che presso alcune scuole di specializzazione, non sono ad oggi rispettati, per i medici in formazione specialistica, i limiti in materia di orario di lavoro. L'Elenco delle scuole inadempienti, il testo della diffida e la rassegna stampa

leggi il comunicato stampa
il testo della diffida
la rassegna stampa


In seguito alle numerose richieste ricevute nelle ultime ore, si è deciso di riattivare la scheda di segnalazione online per dar modo ai colleghi (in forma rigorosamente anonima), di denunciare quelle realtà, non incluse nella nostra recente comunicazione, che si ostinano a non rispettare la legge!

Segnalate! Non solo orari di lavoro, con rischio per salute e sicurezza di TUTTI, ma anche aspetti formativi e diritti negati.

COMPILA IL QUESTIONARIO:
https://it.surveymonkey.com/r/H7QPJF9

11 dicembre 2016

Veneto. Turni infiniti in corsia è allarme tra i medici. L’articolo contiene il commento di Andrea Rossi, Responsabile Anaao Giovani Veneto - IL MATTINO DI PADOVA

Medici ospedalieri costretti a turni infiniti e a straordinari non pagati per l'equivalente di un mese di lavoro; specializzandi abituati a saltare non solo i riposi settimanali, ma anche le ferie. E, sempre più diffusa, è la sindrome da burnout (uno stato di indifferenza verso la professione). Succede nelle corsie degli ospedali italiani e di quelli veneti, conseguenza del blocco dei turn over che ha ridotto il numero di camici bianchi. Una situazione destinata ad aggravarsi in futuro visto che, entro il 2023, in Veneto, sarà andato in pensione il 40-45% dell'organico. A lanciare l'allarme sono gli stessi medici, attraverso lettere aperte ai cittadini e attraverso le associazioni di categoria.

22 novembre 2016

Il caso Osservatorio Regionale FVG: no a tentativo dell’università di interpretare le regole a propria discrezione - A cura del Direttivo Nazionale Anaao Giovani - QUOTIDIANO SANITA'

La storia della formazione post-lauream per i medici in Italia è stata, e purtroppo è tutt’ora, un percorso denso di ostacoli, di mancate applicazioni di quanto prescritto dalla legge, non ultimi gli orari di lavoro, maldestre gestioni di idee positive ed innovative, leggasi esame nazionale, e ritardi, spesso inspiegabili ed ostinati. Non fa, purtroppo, eccezione il capitolo dell’Osservatorio per la formazione medica specialistica.

21 novembre 2016

Anaao Giovani fa la mappa delle stabilizzazioni dei precari. Molti protocolli ma ancora pochi bandi e le 7mila stabilizzazioni previste saranno comunque insufficienti - QUOTIDIANO SANITA'

La situazione è molto variegata con dati per lo più parziali. Rilevata molta reticenza a fornire dati aggiornati, senza contare che al momento non è stato possibile calcolare con esattezza il totale dei precari atipici. In ogni caso il quadro che emerge è sicuramente indicativo di una realtà ormai storicizzata nel nostro sistema sanitario nazionale

07 novembre 2016

Il demansionamento riguarda tutte le figure sanitarie, la colpa è dell’organizzazione - di Paola Gnerre, Direttivo Nazionale Anaao Giovani - QUOTIDIANO SANITA'

Quante volte il medico, oltre a prescrivere, è assistente sociale, infermiere o psicologo? Se ognuno lavorasse esclusivamente sulle proprie competenze il malato sarebbe “solo” al centro del complesso di cura. E allora evitiamo di imputare al singolo la responsabilità di simili atti perché non è il singolo, ma è il sistema la “root cause” del demansionamento di tutte le figure sanitarie.

02 novembre 2016

La ‘fuga’ dei medici. Un fenomeno più diffuso di quanto si creda - P. Di Silverio (Direttivo Naz. AG), M. Zippi (Resp. AG Lazio), M. Cappiello (Consigliere Naz. AG) - QUOTIDIANO SANITA'

In questo Paese, la carenza di medici specialisti è divenuta “cronica”, cosicché le varie agenzie si adoperano per reclutare all’estero i propri candidati.

20 ottobre 2016

LEGGE DI BILANCIO 2017: dopo le slide i giovani medici chiedono i fatti - Comunicato stampa 

I medici del sistema pubblico sono al limite della pazienza: le mancate assunzioni, il mancato finanziamento del FSN negli anni passati come previsto dal Patto della Salute e il blocco del turnover hanno portato all'esasperazione fisica e psichica i colleghi, costretti a turni di lavoro disumani e, troppo spesso, ad anni e anni di precariato, con contratti illegali e senza tutele. 

16 ottobre 2016

I giovani medici "Cinque anni per un contratto" - LA REPUBBLICA - Ed. Milano - Il commento di Domenico Montemurro (Responsabile Nazionale Anaao Giovani)

«Il problema vale per la Lombardia come per tutta Italia. E non è legato solo al mancato turnover, ma anche all'imbuto formativo tra le università e le scuole di specializzazione.  L'anno scorso in Italia sono stati messi a bando dal ministero 6mila posti per specializzandi, di cui oltre 500 in Lombardia. Il problema? I candidati che si sono presentati erano oltre 14mila: molti non sono riusciti a entrare e ritenteranno l'anno prossimo, intasando ulteriormente le graduatorie. Un cane che si morde la coda, insomma»

14 ottobre 2016

Manovra. Sul fondo sanitario balla ancora 1 miliardo. Il Settore Anaao Giovani su IL SOLE 24 ORE

I giovani medici dell'Anaao commentano la promessa di Renzi di bandire concorsi per 10mila posti (forse anche medici): "Siamo stufi delle parole, vogliamo i fatti su precariato e nuove assunzioni, non proclami stile televendita pre-elettorale".

13 ottobre 2016

SIAMO STUFI DELLE PAROLE. VOGLIAMO I FATTI SU PRECARIATO E NUOVE ASSUNZIONI. Comunicato e rassegna stampa

I giovani medici in attesa di un più fisiologico ricambio generazionale e di una radicale riforma delle modalità di accesso alla professione, non resteranno ad ascoltare passivi un Governo che promette una cosa e ne fa un'altra, ma parteciperanno a tutte le iniziative sindacali che l’Associazione metterà in campo per difendere il diritto alla salute e il lavoro dei professionisti.

12 ottobre 2016

Sindacalisti under 40, seminario Anaao giovani a Roma - SANITÀ24

12 ottobre 2016

Pronta disponibilità ed evoluzione tecnologica, di Bruno Nicora. DIRIGENZA MEDICA n. 7-8/2016. 

L’istituto della reperibilità concontrattazione centrale edecentrata deve crescere allo stesso ritmo di risk management e telecomunicazione.

10 ottobre 2016

CCNL: le richieste dei giovani medici. Contratto si, contratto no.....la terra dei cachi.
DIRIGENZA MEDICA N. 7-8/2016

Dario Amati (Responsabile Piemonte e Coordinatore Area nord Settore Anaao Giovani) firma l'editoriale sull'ultimo numero di Dirigenza Medica, per richiamare l'attenzione sulle aspettative che i giovani medici ripongono nel prossimo contratto di lavoro.

07 settembre 2016

TEST DI MEDICINA. Intervista su RADIO INBLU a Domenico Montemurro, Responsabile Nazionale Settore Anaao Giovani

ascolta l'intervista  (dal minuto 15.27)

06 settembre 2016

TEST MEDICINA - Intervista su RADIO CUSANO CAMPUS ad Alessandro Conte, Direttivo Nazionale Anaao Giovani

 

01 settembre 2016

SINDACATO: i temi in cantiere per l'autunno - Il video di Domenico Montemurro (Responsabile Nazionale AG)

Video-messaggio per gli iscritti e non al Settore Anaao Giovani.

20 luglio 2016

Il lavoro della continuità assistenziale può essere affidato al servizio 118? di Domenico Montemurro (Responsabile Nazionale Anaao Giovani) e Chiara Rivetti (Anaao Assomed Piemonte) - DIRIGENZA MEDICA N. 6

La figura del medico di guardia medica, primo lavoro ad inizio carriera per tanti e lavoro di una vita per altrettanti, potrebbe diventare un malinconico ricordo di tempi passati, come il termometro a mercurio.

12 luglio 2016

Labirinto medici&pensioni. Una bussola per i medici tra Enpam, Onaosi, Inpdap, "quote A e B" - a cura di Matteo D'Arienzo (Responsabile AG Emilia Romagna) su Sole 24 Ore Sanità n. 26/2016

Breve vademecum per orientarsi nel ginepraio del sistema pensionistico, per capire chi sono e cosa fanno gli istituti demandati ultile a coloro che sono prossimi alla pensione (che il calcoli li hanno già fatti). per chi ha più o meno tempo davanti e per chi il posto deve ancora conquistarselo.

INPS, INPDAP, ENPAM, INPS Gestione separata…non ci capisco nulla! Io medico dipendente a quale cassa devo versare i soldi per la mia pensione?
L’ente previdenziale di tutti i medici è l’Enpam.
I dipendenti pubblici sono obbligatoriamente iscritti anche all’Inps (ex-Inpdap).
I medici in formazione specialistica sono obbligatoriamente iscritti anche all’Inps gestione separata.
Tutte le altre categorie versano i contributi in specifici fondi Enpam.

Che cos'è l’ENPAM?
E' una Fondazione di diritto privato, senza scopo di lucro, costituita per assicurare previdenza ovvero pensione e assistenza ovvero sussidi straordinari a favore dei suoi iscritti medici, dei loro famigliari e superstiti. Istituito nel 1932 con decreto regio ”Istituto di previdenza dei medici italiani”, trasformato nel 1965 in Ente di diritto pubblico “Ente nazionale previdenza assistenza medici”, modificata con decreto legge n° 509 del 1994 nell'attuale Fondazione privata.

Perché devo pagarne i contributi, a cosa serve?
L'articolo 38 della Costituzione italiana sancisce che i lavoratori hanno diritto che siano previsti e assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di infortuni, malattie, invalidità, vecchiaia, disoccupazione involontaria. Ai compiti previsti in questo articolo provvedono organi ed istituti (Enpam, Inps ecc.) predisposti e integrati dallo Stato. Quindi l'art. 38 racchiude l'obbligo delle due impostazioni assicurative pensionistica e assistenziale. Obiettivo istituzionale dell'Enpam è quello di sostenere la solidarietà tra generazioni successive in un patto che si proietta nel tempo, ovvero “chi lavora paga con la sua contribuzione la pensione a chi ha cessato di lavorare, maturando così il diritto allo stesso trattamento quando a sua volta cesserà dal lavoro”. Compito dell'Enpam è di mettere a reddito i contributi sia obbligatori che volontari versati dagli iscritti e il patrimonio per erogare, una volta maturati i requisiti, le prestazioni previdenziali e assistenziali.

Chi sono i contribuenti?
Tutti i medici in quanto tali e in quanto iscritti all'Ordine professionale ognuno per il proprio Fondo.

Quota A. Quota B. cosa sono?
La quota A e B costituiscono il Fondo Generale dell'Enpam. La quota A comprende tutti i medici che si iscrivono obbligatoriamente e contestualmente all'iscrizione all'Ordine con versamento di contributi annuali, indicizzati all'Istat e per scaglioni di età; la quota B viene versata in base al reddito derivante dalla libera professione, compresa quella intramoenia dei medici dipendenti ed i redditi derivanti da partecipazione ad attività scientifiche, con contributi proporzionali sul reddito.

Qual è la percentuale sui redditi libero professionali da destinare alla quota B?
In linea di massima:
-    Aliquota intera: i libero professionisti puri e i dipendenti pubblici in extramoenia verseranno il 14,50% del reddito libero-professionale netto sino all’importo di € 100.323,52, e 1% sul reddito eccedente tale limite, di cui solo lo 0,50% pensionabile
-    Aliquota ridotta: i medici dipendenti in intramoenia verseranno il 2% del reddito libero-professionale netto sino a € 100.323,52 e l’1% sul reddito eccedente tale limite, di cui solo lo 0,50% pensionabile. Tale quota ridotta va richiesta esplicitamente all’Enpam, pena applicazione dell’aliquota intera!
È importante ricordare che esiste una “No tax area” se il reddito libero professionale netto, prodotto nell’anno 2015, non è superiore a:
- € 5.268,69 annui per gli iscritti attivi di età inferiore a 40 anni, ovvero ammessi al contributo ridotto alla “Quota A”;
- € 9.730,34 annui per gli iscritti attivi di età superiore a 40 anni.

E' una previdenza facoltativa o obbligatoria?
E' obbligatoria perché sancita dalla Costituzione, inoltre l'obbligo contributivo al Fondo A (sentenza n° 707/88 e 88/95 della Corte Costituzionale) scaturisce dalle “superiori esigenze della solidarietà sociale” rispetto a utilità soggettive e individuali per cui l'onere della contribuzione è giustificato semplicemente dal potenziale esercizio dell'attività libero professionale connesso all'iscrizione all'albo. E' il fondo “storico” dell'Enpam, presupposto giuridico sul quale si fonda la Previdenza Medica e dal quale sono poi sorti il Fondo generale della libera professione quota B e i Fondi Speciali.

Io sono dipendente pubblico e sono iscritto all'INPS; perché devo essere iscritto all'ENPAM?
Per obbligo costituzionale e per solidarietà generazionale. Con i regolamenti e le norme in vigore fino al 2013, 1000 euro investiti in contribuzione Enpam rendono 90 euro in pensione annua, mentre 1000 euro in contribuzione Inps rendono 54 euro in pensione annua. Con la riforma approvata nel 2013, al fine di garantire l'equilibrio gestionale per almeno 50 anni, come richiesto dal decreto “salva Italia”, la rendita di 1000 euro di contribuzione è stata ridotta a 61 euro di pensione, comunque sempre più vantaggiosa rispetto ai 54 dell'Inps.
È importante ricordare che se non ci fosse la Quota B dell’Enpam, i medici dipendenti dovrebbero versare alla gestione separata Inps i loro contributi previdenziali derivanti da reddito libero professionale, con una aliquota del 24% (+22% rispetto a quella Enpam ridotta!).
Infine, dal 01/01/1998 agli iscritti a tutti i Fondi Enpam, nella sventurata e malaugurata evenienza di invalidità assoluta e permanente, è garantito un importo pensionistico complessivo minimo annuo di 14.613 euro indicizzati al 100% delle variazioni Istat. La reversibilità della pensione a favore del consorte superstite per Enpam é pari al 70% di quella spettante al titolare, indipendentemente dall'eventuale reddito del superstite, per l'Inps e pari al 60% e si riduce in proporzione al reddito del superstite.

Sento dire da alcuni Colleghi che per i dipendenti pubblici sono soldi buttati via. E' vero?
Non è vero per le motivazioni già addotte; non sono soldi buttati via, ma un investimento in termini previdenziali: i contributi versati verranno erogati sotto forma di pensione in aggiunta a quella Inps, una volta maturati i requisiti. Certo può dare fastidio pagare Inps ed Enpam assieme, ma la Corte Costituzionale si è già espressa due volte in merito, sancendo e rimarcando l’obbligo della doppia contribuzione per il medico dipendente pubblico. Quindi, volenti o nolenti, è obbligatorio per legge. Inoltre i contributi previdenziali versati al Fondo Generale dell’Enpam (quindi quota A ed eventuale quota B) sono fiscalmente deducibili dal reddito, generando anche un risparmio nel presente.


Io dipendente pubblico devo pagare anche l’ONAOSI: che cos’è, una nuova tassa?
Fortunatamente non è una nuova tassa! L'Opera Nazionale per l'Assistenza agli Orfani dei Sanitari Italiani è un Ente senza scopo di lucro nato da un'idea di un medico di Forlì, Luigi Casati, che nel 1874 la illustra al Primo Congresso Nazionale dei Medici Condotti a Padova.
Rappresenta una sorta di «assicurazione sulla vita» a basso costo, per garantire l’istruzione ai propri figli se malauguratamente dovessimo venire a mancare.
Tutela dunque gli orfani dei sanitari, principalmente permettendogli la prosecuzione degli studi con l’elargizione di borse di studio annuali.
Dal 1° gennaio 2007, non sussiste più l’obbligo di iscrizione e contribuzione per i medici non dipendenti da Enti pubblici, quali ad esempio i liberi professionisti.
Permane l’obbligo per i medici dipendenti pubblici al costo di circa 7 euro netti al mese.
E’ possibile l’iscrizione volontaria  entro 5 anni dall’Iscrizione all’Albo.

I medici più anziani continuano a consigliarmi il “riscatto di laurea” INPS: ma che cos’è?
Il riscatto degli anni di laurea ai fini pensionistici Inps è una metodica per innalzare gli anni di contribuzione e il monte contributivo totale, così da ottenere la possibilità di andare in pensione prima “per anzianità” e per aumentare la quota contributiva con il quale andare in pensione (col sistema contributivo puro più si versa, più si avrà di assegno).
E’ molto costoso e più si attende, più diventa oneroso (sono circa 35000 euro se si fa domanda subito dopo la laurea, ma rateizzabili in 10 anni e interamente deducibili dal reddito ai fini Irpef).
Potrebbe essere conveniente in un’ottica di pensionamento per anzianità, ma le regole potrebbero cambiare molte volte nei lunghi anni verso la pensione, soprattutto se si è giovani…
Col sistema contributivo bisogna considerare il riscatto di laurea come un investimento: a seconda dell’andamento del Pil italiano, il montante contributivo (cioè quanto versato per la pensione) potrà rivalutarsi o rimanere tale e quale. Attenzione, inoltre, all’inflazione: se il Pil fosse molto basso e l’inflazione alta, il montante contributivo si svaluterebbe rovinosamente.
La regola d’oro è: chiedere il riscatto appena laureati, quando ancora non si ha reddito, perché la quota richiesta dall’Inps è la più bassa possibile.

Retributivo, contributivo, contributivo misto…che significa?
Per il raggiungimento della pensione sono attuabili due tipologie differenti di calcolo applicato: retributivo e contributivo. Nel sistema retributivo verrà calcolata la nostra pensione in misura percentuale, in rapporto alla media di retribuzione percepita durante gli ultimi anni di lavoro, mentre nel sistema contributivo pensionistico, tale calcolo verrà attuato basandosi sull'ammontare totale dei contributi versati nell'arco dell'attività lavorativa.
Il sistema retributivo si basa su tre elementi: l'anzianità contributiva, la retribuzione o il reddito pensionabile, l'aliquota di rendimento (pari al 2% alla retribuzione/reddito pensionabile che rientrano in alcuni limiti, che poi decresce). Il sistema contributivo tiene in considerazione più elementi. Si parte dalla retribuzione annua/redditi conseguiti; è necessario calcolare ogni anno i contributi, determinare il montante individuale e applicare ad esso il coefficiente di trasformazione, che varia in funzione dell'età del soggetto al momento della pensione.
I campi in cui si applica l'uno o l'altro sistema o anche un sistema misto tra i due, dipendono dall'anno in cui è entrata in vigore la nuova legge e dalla situazione retributiva del lavoratore in quel periodo. I lavoratori che prima del 31 dicembre del 1995 avevano già versato diciotto anni di contributi, rientrano nel sistema di pensionistico con calcolo basato sulla retribuzione, ovvero nel sistema retributivo. Coloro che, invece, entro la stessa data (quindi dal 1 gennaio 1996), non hanno raggiunto i diciotto anni di contributi versati prestabiliti dalla legge, rientrano nel sistema pensionistico contributivo. In altri casi verrà applicato il sistema definito "pro - rata", ossia un misto tra le due tipologie di calcolo pensionistico.

Cos’è la previdenza complementare?
E’ una forma di previdenza integrativa per aumentare la propria futura pensione Inps. Rappresenta un vero e proprio investimento per il futuro.
Esistono vari enti o assicurazioni che la offrono. I contributi versati alla previdenza complementare sono interamente deducibili dal reddito fino a 5164,57 euro/anno.
La regola d’oro è: prima si comincia il versamento previdenziale complementare, più alta sarà la pensione integrativa.

11 luglio 2016

Medicina, il ritorno del tormentone sui test d'ingresso - La Repubblica Affari&Finanza - L'articolo contiene le dichiarazioni di Domenico Montemurro (Responsabile Nazionale Anaao Giovani)

L'ipotesi del sistema francese sarebbe possibile solo aprendo ai corsi di medicina anche le strutture del sistema sanitario nazionale che andrebbero accreditate come luoghi di formazione.

05 luglio 2016

Terapia del dolore e cure palliative, non sono un diritto per tutti? Lettera di Maurizio Cappiello (Consigliere Nazionale Anaao Assomed-Settore Anaao Giovani) al Direttore di QUOTIDIANO SANITA'

Il rispetto di un fondamentale diritto alle cure in ambiente dedicato, anche e soprattutto per i pazienti terminali ed affetti da dolore, richiede che il numero dei posti letto previsti dal piano Ospedaliero della Regione Campania per la struttura di TDCP dell’Ospedale “A. Cardarelli” sia tale da permettere di continuare a fornire quelle cure tanto necessarie alla dignità dell’essere umano, evitando di considerare tale tipologia di assistenza un puro costo ma un elemento essenziale di un diritto alla salute tutelato dalla normativa ordinaria e costituzionale.

28 giugno 2016

Brexit e camici bianchi, quei 4mila dottori «made in Italy» - L'Anaao Assomed su SANITA'24

L'effetto Brexit potrebbe avere un impatto anche sulla circolazione del personale sanitario, in particolare sui camici bianchi italiani che hanno deciso di lavorare per il NHS. E che non sono affatto pochi, come spiega in un'intervista al giornale Domenico Montemurro, Responsabile Nazionale Settore Anaao Giovani.

27 giugno 2016

PRECARI in sanità in Campania - Guarda il video di Maurizio Cappiello (Consiglio Naz. Anaao - Settore AG)

Video spot sul problema del precariato in Campania. Da maggio 2016 sopratutto per volere dell'Anaao Assomed, è stato istituito un tavolo tecnico intersindacale allo scopo di redigere un documento di proposta per la stabilizzazione dei precari da sottoporre alla controparte politica.

24 giugno 2016

DONNE IN CORSIA: pari opportunità o discriminazione? Guarda i video di Alessandra Spedicato (Vice Resp. Naz. AG) e Matteo d'Arienzo (Resp. AG Emilia Romagna) e RISPONDI ALLA SURVEY!

Cosa accade davvero nei luoghi di lavoro? E’ possibile per una donna medico conciliare i tempi di lavoro con i tempi di vita? Quanto pesa la gestione dei figli, e ancor prima la gravidanza, nel percorso professionale? E ancora, discriminazione e mobbing sono sempre fenomeni di genere?

16 giugno 2016

PRECARI SANITA'. Cosa si è fatto dopo le promesse del Governo? Poco o nulla. La mappa Regione per Regione - A cura di Bernadette Macchione (AG Lazio), Ester Reggio (AG Sicilia), Maurizio Cappiello (Consiglio Naz. Anaao - Settore AG) - QUOTIDIANO SANITA'

A distanza di 15 mesi dal DPCM del 6 Marzo 2015 nonché a distanza di 6 mesi dall’approvazione del Comma 543 dell’Art.1 della Legge n. 208 del 28/12/2015 (Legge di Stabilità 2016) per quanto ci risulta poco o nulla è stato ancora fatto sulla risoluzione del precariato in sanità.

14 giugno 2016

TESSERA PROFESSIONALE EUROPEA. Lavorare all'estero è più facile - L’articolo contiene intervista ad Alessandra Spedicato Vice Resp. Naz. Anaao Giovani - TECNICA OSPEDALIERA

Dal 18 gennaio 2016 è stata introdotta nei Paesi dell'UE la Tessera Professionale Europea (EPC), con il principale obiettivo di facilitare la libera circolazione di una fascia di professionisti mobili, rendendo più semplice la procedura per il riconoscimento delle qualifiche in un altro Paese europeo.

07 giugno 2016

European Junior Doctors Spring Meeting 2016 - Intervento di Alessandra Spedicato, Direttivo Nazionale AG e Maurizio Cappiello, Consiglio Nazionale Anaao Assomed - Settore AG - DIRIGENZA MEDICA n. 5

Si è svolto il 13 e 14 Maggio a Vilnius in Lithuania, il meeting primaverile della Ejd (European Junior Doctor) ai cui incontri Anaao Assomed prende parte da Ottobre 2015.

01 giugno 2016

ANAAO RISPONDE! Scarica anche su IOS l'APP dell'Anaao. Basta un clic per inviare un quesito al consulente legale dell'Associazione

Tutte le news e gli aggiornamenti in tempo reale a portata di cellulare! Scarica la app su Android e anche su IOS. Guarda il nuovo promo

GUARDA IL PROMO



Come navigare nella APP?
Quali sono le sue caratteristiche? (scarica il documento)

30 maggio 2016

Gli Studi Anaao Assomed. Ecco perchè è da rivedere il MODELLO H16 - A cura di Domenico Montemurro (Responsabile Nazionale Anaao Giovani) e Chiara Rivetti (Anaao Assomed Piemonte)

L'analisi e i suggerimenti su come superare le difficoltà in caso si realizzasse il modello H16 voluto dalla convenzione della medicina convenzionata in uno studio realizzato dall'Anaao Assomed.

24 maggio 2016

Ma è possibile prevedere il fabbisogno di personale sanitario tra vent’anni? - Intervento di  Alessandra Spedicato (Direttivo Nazionale AG) e Maurizio Cappiello (Consiglio Nazionale Anaao Assomed - Settore AG) - QUOTIDIANO SANITA'

Fare previsioni non significa pianificare ma significa immaginare uno o più dei futuri possibili (scenari) dove andare ad allocare le risorse. Dunque è prima una azione politica e dopo una attività tecnica o meglio statistica di individuazione dei dati necessari (minimum data set) a meglio descrivere ed interpretare un determinato scenario

23 maggio 2016

FORMAZIONE MEDICA. Quando non si può difendere l’indifendibile - Matteo d’Arienzo (Resp. AG Emilia Romagna), Alessandro Conte (Direttivo Naz. AG), Domenico Montemurro (Responsabile Naz. AG) - Lettera al Direttore di QUOTIDIANO SANITA'

E' da anni che la formazione medica in Italia necessita di uno svecchiamento, di un aggiornamento 2.0 che la renda al passo degli altri Paesi europei. Come Anaao in questi anni abbiamo fatto alcune
proposte migliorative del sistema, che, inutile nasconderlo, così proprio non va.

23 maggio 2016

UNIVERSITA'&LAVORO. All’Europa serve un milione di dottori - L’articolo riporta il commento di Domenico Montemurro, Responsabile Nazionale Anaao Giovani - LA REPUBBLICA - Le Guide

Da qui al 2020 ci sarà bisogno di neurologi, internisti, oncologi, geriatri e molti altri. Ecco gli specialisti più richiesti. In Italia e all’estero.

Il quotidiano in edicola oggi dedica un inserto agli scenari di occupazione per le aree mediche, riprendendo ampiamente la posizione dell'Anaao Assomed. Una fotografia delle specializzazioni più richieste e del fenomeno migratorio in sanità.

Da qui al 2020 ci sarà bisogno di neurologi, internisti, oncologi, geriatri e molti altri. I nostri medici sono apprezzati a livello internazionale. Dal 2014 a oggi oltre tremila hanno fatto la scelta di emigrare. Ecco gli specialisti più richiesti. In Italia e all'estro.

Università&lavoro. Medicina. All'Europa serve un milioni di dottori - leggi l'articolo

I paradossi della Sanità. Ospedali ostaggio dei budget. Quindici minuti per un paziente - leggi l'articolo

16 maggio 2016

La Sanità italiana al bivio tra il nord e l’est dell’Europa - di Alessandra Spedicato (Vice Responsabile Nazionale Anaao Giovani) - QUOTIDIANO SANITA'

In un recente convegno Anaao la marcata eterogeneità dei sistemi sanitari in Europa, frutto di scelte politiche, economiche ed organizzative estremamente variegate. Tanta disparità permette a noi italiani di guardare all’Europa come ad una sfera di cristallo dove possiamo immaginare il nostro futuro (almeno in sanità), a seconda delle scelte che decideremo di fare.

05 maggio 2016

Nuove ASSUNZIONI in sanità. Ecco le proposte di Anaao Giovani - A cura di: Ester Reggio (AG Sicilia), Maurizio Cappiello (Consigliere Naz. AG Campania), Bernardette Macchione (AG Lazio), Maddalena Zippi (Resp. AG Lazio), David Giannandrea (Resp. AG Umbria), Matteo D'Arienzo (Resp. AG Emilia Romagna), Domenico Montemurro (Responsabile Nazionale Anaao Giovani) - Lettera al Direttore di QUOTIDIANO SANITA'

Le proposte del Settore Anaao Giovani sulle assunzioni del comparto sanità, in particolar modo sul reclutamento di figure della dirigenza medica e sanitaria, alla luce del quadro normativo generale, sulla scorta delle disposizioni legislative in materia di occupazione nella pubblica amministrazione recentemente approvate dal Consiglio dei Ministri.

04 maggio 2016

SPECIALIZZAZIONI, 27 nuove scuole targate Lorenzin e 6.133 contratti per il 2015-16. Ecco il decreto - L'articolo contiene il commento di Domenico Montemurro, Responsabile Nazionale Anaao Giovani - SANITA'24

Prende forma la nuova rete formativa Ssn dei camici bianchi con 27 nuove scuole accreditate da nove decreti appena firmati dalla ministra Lorenzin.

26 aprile 2016

ACCESSO A MEDICINA: tanti no al “sistema francese”. Anaao Giovani: “Così si rischiano ulteriori ricorsi. Già 11mila quelli accolti nel 2015”. L’articolo contiene il commento di Domenico Montemurro, Responsabile Nazionale Anaao Giovani - SANITA' INFORMAZIONE

La posizione del Settore Anaao Giovani, dopo che il Miur ha fatto trapelare di essere al lavoro su una revisione del sistema di ingresso a Medicina e di guardare con particolare interesse al cosiddetto “sistema francese".

20 aprile 2016

PRECARI, la mappa di Anaao giovani per superare l’anomalia sanità - di Maddalena Zippi (Responsabile Anaao Giovani Lazio) Maurizio Cappiello (Consigliere Nazionale Anaao Giovani Campania) Ester Reggio (Anaao Giovani Sicilia) - IL SOLE 24 ORE SANITA' N.15/2016

La mappa di Anaao Giovani sulle procedure per la stabilizzazione dei camici bianchi. Una babele di rapporti giuridici sconosciuta ad altri settori della Pa.

19 aprile 2016

FORMAZIONE POST LAUREA. Senza riforma il rischio è di 30mila laureati senza specializzazione - Lettera al Direttore di Alessandro Conte (Direttivo Nazionale Anaao Giovani) e Matteo d’Arienzo (Responsabile Anaao Giovani Emilia Romagna) - QUOTIDIANO SANITA'

La riposta del Settore Anaao Giovani all’intervento congiunto di SIGM e Federspecializzandi.

15 aprile 2016

Come funziona e cosa si rischia con un PROCEDIMENTO DISCIPLINARE - Intervento di Mirko Schipilliti (Anaao Giovani Veneto) - QUOTIDIANO SANITA'

Un procedimento disciplinare è sempre legittimo? Dovremmo dire di sì, per la sua natura intrinseca, ma la materia è alquanto spinosa per le delicate implicazioni che richiama e gli allarmismi che suscita nei potenziali “incolpati”.

12 aprile 2016

DDL EX ART. 22. Formazione, il no degli atenei - L'articolo riporta il commento di Costantino Troise, Segretario Nazionale Anaao Assomed e Domenico Montemurro Responsabile Nazionale Anaao Giovani - IL SOLE 24 ORE SANITA’ N.14/2016

L’accesso anticipato al Ssn divide le sigle. Dopo il vertice sindacati-Governo-Regioni i primi punti di frizione. Laurea abilitante: ok Miur.

09 aprile 2016

FORMAZIONE SPECIALISTICA, è contesa tra atenei e sindacati. Il punto sulle proposte - DOCTOR33 - Il commento di Domenico Montemurro (Resp. Naz. Anaao Giovani)

Anaao Giovani e Fimmg Formazione replicano al Sigm: "Proprio grazie alla proposta dei sindacati, le strutture formative ora debbano soddisfare criteri d'accreditamento ulteriori, quali ampio volume complessivo d'attività, casistica complessa e strutture d'alto livello tecnologico".

07 aprile 2016

ART. 22 e FORMAZIONE. Intervista a Domenico Montemurro (Responsabile Nazionale Aanaao Giovani) «Continuando con i no 31mila medici inoccupati nel 2020» - SANITA'24

Sulla formazione dei medici serve una svolta e la bozza ex art. 22 è una strada praticabile, da costruire insieme con le Regioni. L'emergenza occupazione per i neo medici è già una realtà. E va sgombrato il campo da facili demagogie e soprattutto dalle resistenze del mondo accademico.

È questa in sintesi la posizione espressa da Anaao giovani: «Riguardo al doppio binario formativo per i medici specializzandi – sottolinea il responsabile nazionale di Anaao giovani, Domenico Montemurro - la bozza del ddl ex art 22 non ne parla, anzi si parla di un biennio formativo dei medici specializzandi in strutture della rete formativa che abbiano come prerequisito l'accreditamento. È chiaro che si tratta di un percorso formativo più articolato rispetto a quello attuale e che necessita anche dell'intervento da parte delle regioni, che ne debbono sostenere parte dei finanziamenti, soprattutto come oneri riflessi. Quindi evitiamo qualsiasi demagogia e cerchiamo di essere pragmatici e soprattutto guardiamo a un emergenza sociale formativa. Di fatto è indubbio che occorre ridurre ancora di più l'accesso a Medicina per assorbire l'impatto di oltre 11mila ricorsi al Tar e aumentare i contratti di formazione specialistica fino a un totale di circa 9mila/10 mila borse, compresa la scuola di medicina generale».

leggi l'intervista pubblicata su SANITA'24

05 aprile 2016

FONDI UE, la spesa è ingolfata. Solo Italia e Grecia non hanno rispettato i livelli stabiliti con un gap che supera il 20% - A cura di Pierino Di Silverio (Direttivo Nazionale Anaao Giovani) - IL SOLE 24 ORE SANITA' N. 13/2016

In sospeso 30mld tra scarse competenze e deficit di programmazione.

04 aprile 2016

DELEGA LAVORO IN SANITA'. I giovani di Anaao e Fimmg replicano a Sigm: “Evitare inutili spauracchi” - Lettera al Direttore di Domenico Montemurro (Resp. Nazionale Anaao Giovani) e Giuliana Arciello (FIMMG-Formazione) - QUOTIDIANO SANITA'

Questa nostra lettera è per esprimere stupore in merito a quanto scritto dal Segretariato Italiano Giovani Medici (SIGM). Nel suddetto articolo, infatti, l’Associazione entra nel merito delle proposte dei Sindacati di categoria riguardanti il Decreto Delega ex art. 22 del Patto per la Salute per “accusarli” di non essere rappresentativi degli interessi dei giovani medici e chiedendo di poter prendere parte ai lavori del tavolo politico sindacale.

01 aprile 2016

Choosing wisely: APPROPRIATEZZA in medicina - di Paola Gnerre (Dir. Naz. AG), Domenico Montemurro (Resp. Naz. AG), Chiara Rivetti (Anaao Piemonte) e Carlo Palermo, Vice Seg. Naz. Vicario Anaao Assomed - DECIDERE IN MEDICINA n.1

In Sanità il termine “appropriatezza” indica la misura di quanto una scelta o un intervento diagnostico/terapeutico sia adeguato rispetto alle esigenze del paziente.

23 marzo 2016

SPECIALIZZANDI: LE SCUOLE ITALIANE SONO IN REGOLA CON L’ORARIO DI LAVORO EUROPEO?
Partecipa all’indagine Anaao Giovani

Se sei specializzando partecipa all'indagine Anaao Giovani: ci aiuterai a far rispettare i tuoi diritti!

12 marzo 2016

ORARIO DI LAVORO: la normativa europea si applica anche agli specializzandi. Comunicato stampa Anaao Giovani

Il ministero della salute, rispondendo ad una precisa richiesta dell'Associazione, ha chiarito gli ambiti di applicazione mettendo una pietra tombale su ogni diversa interpretazione. Ora i direttori di scuola devono rispettare la legge! Il testo del parere.

11 marzo 2016

La sanità europea sotto la lente - Intervento di Maurizio Cappiello (Consigliere Naz. AG) - DIRIGENZA MEDICA N. 2/2016

Repost sulla 3° Conferenza della Joint Action Health Workforce Planning and Forecasting che si è tenuta a Varna in Bulgaria.

07 marzo 2016

Tutte quelle promesse non mantenute sulle liste d’attesa - Tania Serri (Anaao Giovani) - QUOTIDIANO SANITA'

02 marzo 2016

I cinque errori da evitare per tagliare i costi in sanità? Se in Italia sono stati commessi tutti - Intervento di Costantino Troise (Segretario Nazionale Anaao) e Domenico Montemurro (Responsabile Anaao Giovani) sullo studio della Harvard Business - QUOTIDIANO SANITA'

29 febbraio 2016

Lazio. Le nuove assunzioni, i concorsi e le politiche clientelari che non si riescono a rottamare - QUOTIDIANO SANITA' - Lettera al Direttore di Maddalena Zippi e Bernadette Macchione Anaao Giovani Lazio

23 febbraio 2016

Caldo record e calo dei vaccini antinfluenzali le cause del picco di mortalità nel 2015. L’articolo cita uno studio Anaao Assomed - OK SALUTE E BENESSERE

09 febbraio 2016

Quei tagli che fanno aumentare la mortalità - Studio Anaao a cura di A. Rossi (Resp. AG Veneto), C. Rivetti (Segreteria Anaao Piemonte), D. Montemurro (Resp. Naz. AG), C. Troise (Seg. Naz. Anaao), C. Palermo (Vice Segr. Naz. Vicario Anaao), P. Gnerre (Dir. Naz. AG) - SANITA'24

04 febbraio 2016

Tar e soprannumero a Medicina, Anaao giovani: «Senza una riforma pensata si rischia il corto circuito» - SANITA'24 - di Domenico Montemurro, Responsabile Nazionale Anaao Giovani

La presenza di oltre 28mila matricole a Medicina tra gli aa 2013/14 e 14/15 compresi gli ammessi dal Tar minaccia seriamente la carriera di questi futuri colleghi. Vari i motivi. Adesso ed entro il 2023 servono medici specialisti. Successivamente anche se sarà risolta la questione del basso numero di contratti di specialità, vi saranno disoccupati con il rischio di una nuova pletora medica.

03 febbraio 2016

Facoltà di Medicina romena a Enna, disco verde del Tribunale di Caltanissetta. Il Miur paga le spese processuali - SANITA'24 - L'articolo contiene il commento di Domenico Montemurro, Responsabile Nazionale Anaao Giovani

Duro il commento di Anaao Giovani: «Ancora una volta si resta basiti verso questa ordinanza che di fatto se il Miur non si opporrà, aprirà le porte ai furbetti che vogliono aggirare il numero chiuso in Italia. [...]"

02 febbraio 2016

Personale. Anaao Giovani: “Con legge di Stabilità solo ulteriori sacche di precariato” - QUOTIDIANO SANITA' - Lettera al Direttore, di Maddalena Zippi (Resp. AG Lazio), Bernadette Macchione (AG Lazio), Ester Reggio (Resp. Az. AG Sicilia), Maurizio Cappiello (Consigliere Naz. AG)

In sanità ed in particolare per i medici, i numeri sul precariato da una recente indagine Anaao ammontano ad almeno 14.000 con un arrotondamento in difetto, con una età media stimata di 34 anni, una non trascurabile presenza di over 40 e un tempo d’ingresso con un contratto stabile in media di 10 anni.

02 febbraio 2016

What is the gender gap? di Paola Gnerre (Direttivo Naz. Anaao Giovani), Cecilia Politi (Dir. UOC Medicina Interna Osp. Veneziale-Isernia), Domenico Montemurro (Responsabile Naz. Anaao Giovani) - DIRIGENZA MEDICA N. 1/2016

Nel 2006 il “World Economic Forum Report” ha introdotto il “Global Gender Gap report”, con l’obiettivo di riportare i dati sulla disparità e sulle differenze di genere per ogni paese.

02 febbraio 2016

La difficile vita del medico tra stess, tagli alla sanità e precarietà - Le indagini Anaao Giovani nel 2015 - DIRIGENZA MEDICA N. 1/2016

Nell’anno appena trascorso AG si è cimentata in tre survey che hanno indagato i disagi della professione medica mettendo in evidenza sia le difficoltà umane e professionali sia le conseguenze dei
continui tagli alla sanità sulla professione.

31 gennaio 2016

Se i tagli alla sanità colpiscono anche i medici. La survey Anaao Giovani su PANORAMA DELLA SANITA'

30 gennaio 2016

RESPONSABILITA' PROFESSIONALE MEDICA: pensiero clinico e diritto a confronto - Corso di formazione a cura dell'Anaao Assomed Sicilia - Settore Giovani

Catania - 30 gennaio 2016 dalle 8,30 alle 16,30 c/o il Palazzo della Cultura, Via V. Emanuele, 121

L’obiettivo del corso è quello di fornire un contributo alla conoscenza dei risvolti penali e civili della propria professione, di porgere gli strumenti utili a saper gestire il contenzioso, in ultima analisi di incoraggiare verso atteggiamenti che ottimizzino l’appropriatezza delle cure minimizzando le scelte dettate da una medicina difensiva.

Temi trattati nel corso: la formazione universitaria adeguata, primum movens per un ingresso consapevole del giovane medico nel mondo del lavoro; la responsabilità professionale in ambito penale ed in ambito civile con una completa e dettagliata panoramica delle problematiche legali più rilevanti rispetto al tema.

Docenti: Simona Bonaccorso, Responsabile Anaao Giovani Sicilia; Domenico Montemurro, Responsabile Nazionale Anaao Giovani; Dott. Maria Licata Avvocato penalista - Foro di Catania.

leggi il programma


 

25 gennaio 2016

I nuovi lazzaretti e i gironi danteschi del nuovo millennio nei Pronto Soccorso Italiani - Lettera di M. Cappiello (Consigliere Naz. AG) al Direttore di QUOTIDIANO SANITA'

Pensiamo che i lazzaretti del secolo scorso, di memoria manzoniana, siano solo un ricordo letterale o che i gironi dell’inferno descritti da Dante nella Divina Commedia solo un’opera letteraria? Ebbene ci sbagliamo di grosso! Basta fare un giro nei tanti Pronto Soccorso italiani e vivere l’esperienza di un solo turno...

22 gennaio 2016

Professione medica, nuove regole per evitare lo stress - CRONACA & DOSSIER

L’articolo cita l’indagine realizzata dal Settore Anaao Giovani

21 gennaio 2016

Migliaia di decessi in più in Italia nel 2015. Cosa accade. Intervista a D. Montemurro, Resp. Naz. Anaao Giovani - RADIO RETE EDICOLE

15 gennaio 2016

I CONFERENZA ANAAO GIOVANI LOMBARDIA - Milano - 15 gennaio 2016 ore 14,00

L'evento organizzato dall'Anaao Giovani Lombardia è rivolto a tutti i giovani medici e si terrà presso la sede dell'Anaao Assomed, Via Scarlatti, 27 alle ore 14,00.
Partecipa Domenico Montemurro, Responsabile Nazionale Settore Anaao Giovani

15 gennaio 2016

Concorsi straordinari in sanità. Anaao Giovani: “Sono una goccia nel mare” - QUOTIDIANO SANITA' - Lettera al Direttore, di M. Zippi (Resp. AG Lazio) e M. d'Arienzo (Resp. AG Emilia Romagna)

Con l’entrata in vigore, il 25 Novembre scorso, della Direttiva Europea 2003/88/CE sull’orario lavoro e riposi, stanno emergendo numerose preoccupazioni da parte di tutte le Aziende Sanitarie italiane, che rischiano una drastica diminuzione delle prestazioni o addirittura la completa interruzione dei servizi.

13 gennaio 2016

Cosa rischiamo davvero con i tagli alla sanità. L'articolo riprende la survey Anaao Giovani con il commento di Domenico Montemurro (Resp. Naz. AG) - DONNA MODERNA

12 gennaio 2016

Quando si confonde Management con Clinical Leadership - di A. Spedicato (Vice Resp. Naz. AG) - DIRIGENZA MEDICA 10/2015

I numeri primi hanno la particolarità di essere divisibili solo per se stessi e per uno. Noi medici siamo come i numeri primi: le nostre scelte possiamo condividerle solo con noi stessi e con un "Uno" che è la Medicina, intesa come scienza e conoscenza. Questa indipendenza professionale non significa solitudine.

12 gennaio 2016

Mini-proroghe della direttiva sull'ORARIO DI LAVORO e riposi: l'Anaao dice "no grazie" - di M. Zippi (Resp. AG Lazio), C. Pozzi (Coord. AG Macro Regione Centro), D. Montemurro (Resp. Naz. AG), C. Palermo (Vice Seg. Naz. Vicario Anaao) - DIRIGENZA MEDICA n.10/2015

Dal 25 Novembre, l'Italia è tenuta a dare applicazione alla  Direttiva 2003/88/Ce (orario lavoro e riposi), che fissa un limite massimo di 12,50 ore di lavoro giornaliere, seguite da 11 ore continuative di riposo nell'arco delle 24 ore. Un documento-bozza delle Regioni prima e un emendamento adesso alla Legge di Stabilità 2016, espongono al rischio di multe fino a 250mila euro al giorno.

11 gennaio 2016

I MASTER UNIVERSITARI ED IL "COMMA 566": la faccia nascosta della questione - Lettera di M. Cappiello (Consigliere Naz. AG) e D. Montemurro (Resp. Naz. AG) al Direttore di QUOTIDIANO SANITA'

L'argomento è stato trattato in tutte le sue sfumature, per cui, evitando di riprendere quanto già più volte espresso, e da più parti, ci sembra il caso di riflettere su un aspetto trascurato, vale a dire i veri beneficiari di questa tanto famigerata riforma epocale delle competenze.

Anaao ti tutela
Pronto soccorso medico-legale e assicurativo
Medici in pensione
Informazioni parlamentari
Banca dati normativa in sanita
Anaao Card
Anaao ti assiste
Assistenza legale
Assistenza fiscale
Anaao ti assicura
Copertura tutela legale gratuita
Polizza responsabilità civile professionale "colpa grave"
Polizza unica
Copertura contagio ospedaliero
Servizio Doctor Help Desk
Anaao ti informa
Newsletter
Iniziativa Ospedaliera
Dirigenza medica
Editoria
Segreteria Nazionale sede di Roma
Via San Martino della Battaglia, 31 - 00185 ROMA
Telefono 064245741 - Fax 0648903523
segreteria.nazionale@anaao.it
segreteria.nazionale@anaao.postecert.it
Dipartimento Amministrativo
Via Scarlatti, 27 - 20124 MILANO
Telefono 026694767 - Fax 0266982507
segr.naz.milano@anaao.it
segr.naz.milano@anaao.postecert.it
Dipartimento Organizzativo
Via Sant'Aspreno, 13 - 80132 NAPOLI
Telefono 0817649624 - Fax 0817640715
segr.naz.napoli@anaao.it
segr.naz.napoli@anaao.postecert.it
Ufficio stampa
Via San Martino della Battaglia, 31 - 00185 ROMA
Telefono 064245741 - Fax 0648903523
ufficiostampa@anaao.it
Coordinamento servizi agli Associati
Via San Martino della Battaglia, 31 - 00185 ROMA
Telefono 064245741 - Fax 0648903523
servizi@anaao.it