News
31/05/2021

Irccs e Izs: Anaao si batte per la riforma e la riorganizzazione

La gravissima fase pandemica che ha colpito il Paese ha evidenziato i limiti e le carenze complessive e specifiche del SSN in diversi settori, da quello ospedaliero, all’emergenza urgenza, alla sanità territoriale, allo stesso modello organizzativo del sistema caratterizzato da differenze ingiustificabili ed intollerabili della riposta assistenziale tra regione e regione del Paese, rendendo urgente ed indifferibile una riforma complessiva ed articolata del sistema in tutte le sue componenti.

Uno dei cardini delle manovre attese in attuazione del PNNR è quindi incentrato sulla sanità, ribadendo la necessità che le risorse economiche destinate debbano essere adeguate e rese coerenti con i bisogni.

In questo contesto ciò che ha mostrato i limiti di intervento maggiori, proprio quando sarebbe stata richiesta una risposta ai massimi livelli, è stato il sistema delle ricerca biomedica ed al suo interno la rete degli IRCCS che pure hanno risposto ai massimi livelli possibili ma con grande sofferenza per le carenze accumulate negli anni sul versante delle risorse umane, scientifiche, tecnologiche, di capacità di implementazione della ricerca sanitaria finalizzata e ciò anche nel campo delle malattie infettive.

Gli IRCCS, e gli IZS per il settore della sanità veterinaria, costituivano una rete di eccellenza che molti Paesi pur anche all’avanguardia della ricerca scientifica ci invidiavano, ma anch’essi hanno subito negli ultimi lustri un progressivo decadimento sia in termini organizzativi che soprattutto di risorse rese disponibili per la ricerca finalizzata.

Il modello gestionale applicato, simile alle aziende sanitarie, è fallito, le risorse per il reclutamento dei ricercatori e dei clinici sono state costantemente ridotte, le risorse per la ricerca, soprattutto, sono state drammaticamente ridotte spingendo le nostre eccellenze a migrare in altri Paesi che hanno invece sviluppato la ricerca biomedica.

E’ per questi motivi che il riordino degli Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico (Irccs) e degli IZS a supporto del progresso scientifico e tecnologico in ambito biomedico non può essere realizzato con le risorse previste, che vanno almeno triplicate se si vuole dare un senso alla svolta del settore.

Vanno riformati nella gestione, riorganizzati in rete valorizzandone la funzione in collegamento stretto con il sistema sanitario nel suo complesso, integrandoli all’interno in vere dorsali nazionali di open innovation.

I ricercatori vanno ricollocati contrattualmente con urgenza per interrompere la costante “fuga” causata dalla collocazione assurdamente punitiva nel contratto del comparto, come ANAAO chiede da oltre tre anni senza esito. Il riordino degli IRCCS è una delle questioni più urgenti e si rende necessario specificamente in coerenza con l’evoluzione ineludibile del SSN (modifiche del sistema delle “Aziende” aggregate a solo Ente Nazionale della Salute e quindi nelle relazioni tra Governo e Regioni, progressiva parificazione dei livelli di risposta tra le regioni, adeguamento e risposte efficaci ai bisogni reali della popolazione, presa d’atto della transizione epidemiologica, riforma della sanità territoriale secondo modelli avanzati, ecc.), e dei progressi assistenziali legati ai progressi scientifici e tecnologici.

I costi stimabili di una simile riforma e della valorizzazione adeguata delle ricerca biomedica sono di gran lunga superiori a quelli previsti per tali finalità nel PNNR, largamente superiori ai 4 mld di euro.

Il sindacato si sta attrezzando per fare proposte costruttive ed avanzate per la riforma degli Istituti e scenderà in campo con forza per rendere sinergica la riforma del SSN con quella degli IRCCS e degli IZS, siccome delle Agenzie dell’Ambiente che dovranno ritornare ed essere parte integrante del SSN.

Card image cap
Altri articoli

Segreteria Nazionale sede di Roma
Via San Martino della Battaglia, 31 - 00185 ROMA
Telefono 064245741 - Fax 0648903523
segreteria.nazionale@anaao.it - segreteria.nazionale@anaao.postecert.it