Corti d'Appello
03/06/2016

Corte d'Appello Torino - sentenza 3 giugno 2016 Respiro autonomo non può più essere considerato unico indice di vitalità

Nell'attuale contesto di conoscenze mediche e di possibilità di intervento anche tecnologico in ogni momento della vita umana, a partire da quello iniziale, il respiro autonomo non può più essere di per sé considerato unico significativo indice di vitalità o di mortalità, dovendosi avere riguardo anche ad altri parametri quali il battito cardiaco o le funzioni dell'encefalo. Ai sensi della 1. 29 dicembre 1993 n. 578 e relativo regolamento, la morte cerebrale si identifica con la cessazione irreversibile di tutte le funzioni dell'encefalo.

Allegati
Card image cap
Altri articoli

Segreteria Nazionale sede di Roma
Via San Martino della Battaglia, 31 - 00185 ROMA
Telefono 064245741 - Fax 0648903523
segreteria.nazionale@anaao.it - segreteria.nazionale@anaao.postecert.it