Consiglio di Stato
22/01/2014

Consiglio di Stato - Sez. VI - ordinanza n. 251/2014 Violazione dell'anonimato nei concorsi pubblici

Nei concorsi pubblici spesso i compiti, sebbene debbano essere “segreti”, sono facilmente attribuibili al candidato. Nel caso di specie, all’ingresso del concorso, i candidati dovevano firmare una griglia dove, oltre alle proprie generalità, dovevano riportare il codice segreto alfanumerico. Tale violazione dell’anonimato rendeva astrattamente conoscibile il compito. Trattasi, dunque, del caso deliberato dall’Adunanza Plenaria ove è stato sostanzialmente statuito che non è più necessario dimostrare la concreta ed effettiva lesione ma che per la violazione dell’anonimato è sufficiente constatare la detta violazione del principio della segretezza e l’astratta potenzialità della lesione e non necessariamente i suoi effetti lesivi.

Allegati
Card image cap
Altri articoli

Segreteria Nazionale sede di Roma
Via San Martino della Battaglia, 31 - 00185 ROMA
Telefono 064245741 - Fax 0648903523
segreteria.nazionale@anaao.it - segreteria.nazionale@anaao.postecert.it