Editoriali

Contratto 2006-2009: sicurezza, merito, salario, di Carlo Lusenti

Dirigenza Medica n. 1/2008

I rinnovi contrattuali, sempre troppo a lungo attesi in un Paese perennemente in ritardo, producono ad ogni tornata un vasto ed eterogeneo elenco di aspettative tra i lavoratori interessati (entro certi limiti è fisiologico che l'attesa alimenti il desiderio, al di là di questi determina diversi sentimenti).

Speranze e richieste naturalmente tutte legittime e motivate, ma a volte non pertinenti, perché riferite a temi che trovano orientamento e soluzione in fonti legislative nazionali e regionali, a volte eccedenti il quadro economico e normativo all'interno del quale si sviluppa il confronto tra le parti, a volte troppo specifiche e puntiformi, non percepite come problemi di categoria.

Questo è il primo problema da risolvere alla vigilia di una trattativa per il rinnovo del contratto nazionale di lavoro: fare una sintesi ed un elenco di priorità, essere in sintonia con i bisogni della categoria che si rappresenta senza scrivere l'elenco del telefono, essere ambiziosi e ragionevoli, rigorosi e realisti.

Le priorità si esprimono con parole che diventano bandiere, e quindi quali sono le parole d'ordine del prossimo contratto? dietro quali insegne ci incamminiamo?

Penso ne bastino tre: sicurezza, merito e salario.

 

Più sicurezza vuol dire:

- lotta al precariato anche negli ospedali, che da tempo giunto a livelli inaccettabili interrompe la catena di trasmissione delle competenze, riducendo la qualità dei servizi oltre a mortificare e spegnere le più giovani energie professionali;

- puntuale rispetto di norme contrattuali e legislative, per superare una deregulation che non serve a garantire più efficienza, ma piuttosto crea condizioni diffuse di illegittimità che non raramente sfociano nell'illegalità;

- sostenere una politica degli organici che, al netto della necessaria riorganizzazione della rete ospedaliera, e dopo anni di blocco sancito da leggi di bilancio fatte con puri fini di razionamento, garantisca condizioni organizzative sicure per medici e pazienti;

- il puntuale rispetto delle norme nazionali ed europee che definiscono i criteri per una organizzazione del lavoro che salvaguardi la salute degli operatori e garantisca ai cittadini di essere assistiti da personale in condizioni psicofisiche adeguate ai difficili compiti che svolgono;

- la diffusione in tutte le aziende sanitarie di sistemi di prevenzione e salvaguardia del rischio clinico, dalle unità di risk management ad adeguate coperture assicurative, da procedure affidabili di gestione del contenzioso alla definizione di procedure validate dalle istituzioni (aziende o regioni) per l'informazione dei pazienti e l'acquisizione del consenso ai trattamenti sanitari;

- riconoscere e valorizzare, dopo nove anni di fermo, l'impegno di chi liberamente sceglie di dedicare tempo e competenza professionale in modo esclusivo all'ospedale pubblico. 

 

Riconoscere e premiare il merito significa:

  • liberare dalle influenze della politica partitica la gestione delle aziende sanitarie, a partire dai sistemi che scelgono i clinici chiamati ad assumere responsabilità gestionali, lasciando alla responsabilità politica delle istituzioni il difficile compito di definire risorse e strategie;
  • rafforzare i contenuti contrattuali che si occupano di valorizzare la crescita professionale legata al saper fare, che riguarda tutti i medici e che prescinde dall'assunzione di responsabilità gestionali;
  • diffondere in tutte le aziende sanitaria e rendere omogenei e condivisi i percorsi di valutazione, professionale e produttiva, già ampiamente ed analiticamente definiti nel contratto vigente, ma spesso ignorati o applicati in modo distorto e punitivo;
  • di nuovo premiare adeguatamente chi, con una scelta che è prima di tutto di valore, riconosce l'ospedale come il luogo privilegiato per l'impegno professionale.

 

Infine il salario.

Il tema dell'adeguamento salariale, dopo quindici anni di stretta politica dei redditi contemporanea a 3 lustri di inflazione reale molto distante da quella certificata, attraversa tutte le categorie di lavoratori, in particolar modo quelli dipendenti che non hanno usufruito dei vantaggi (più autonomia e più furbizia, se non meno onestà) di cui godono i lavoratori autonomi.

I medici, seppur in condizioni meno drammatiche, vivono allo stesso modo questo problema, acuito dall'eccezionale sacrificio a cui sono stati chiamati in questi anni dalla leva fiscale.

Un salario adeguato a compiti e responsabilità, a impegno e competenza, a investimento umano e professionale, è un obiettivo ineludibile il cui raggiungimento non solo riconosce un diritto ma anche rafforza motivazioni e senso di appartenenza, opponendosi ad una spirale di frustrazione e marginalità che corrompe le fondamenta del servizio sanitario pubblico.     

 

Per il momento solo tre parole, ma almeno che siano chiare.       

 

Carlo Lusenti

Allegati
Card image cap
Altri articoli

Segreteria Nazionale sede di Roma
Via San Martino della Battaglia, 31 - 00185 ROMA
Telefono 064245741 - Fax 0648903523
segreteria.nazionale@anaao.it - segreteria.nazionale@anaao.postecert.it