Comunicati stampa
08/06/2010

Pensioni a 65 anni per le donne del PI: le risorse sottratte vanno restituite alle donne in termini previdenziali

8 giugno

leggi il comunicato stampa in pdf

leggi la rassegna stampa in pdf

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Nonostante le rassicurazioni dei Ministri competenti, il Governo riferisce di “non aver trovato margini di trattativa con l'Unione Europea” e che si vedrà “costretto” ad elevare l'età pensionabile delle donne a 65 anni a partire dal 2012.
Sembrerebbe di una decisione presa a malincuore contro la volontà del Governo stesso.

Se così è il Governo lo dimostri mettendo in opera adeguate compensazioni che consentano, tra l'altro, di pervenire al vero obiettivo della sentenza della Corte europea: l'abolizione delle discriminazioni pensionistiche tra uomini e donne.

Si richiedono provvedimenti concreti quali:
- l'abolizione per le pensioni di vecchiaia delle donne delle finestre di uscita recentemente introdotte
- l'incremento delle pensioni di vecchiaia delle donne di una percentuale pari alla differenza media tra le pensioni tra uomini e donne
- compensazioni in termini di anzianità contributiva con provvedimenti quali il riconoscimento gratuito di un ulteriore anno di contribuzione per ogni gravidanza
- accesso agevolato all'istituto del riscatto.

Il problema del differenziale pensionistico tra uomini e donne non può certo esaurirsi con il solo prolungamento dell'età pensionabile, ma con adeguate compensazioni.

Verificheremo se il “il rammarico del Governo” esiterà in provvedimenti concreti o se la sentenza UE rappresenta solo un'ulteriore ghiotta occasione per recuperare risorse a scapito delle donne del pubblico impiego. 

Card image cap
Altri articoli

Segreteria Nazionale sede di Roma
Via San Martino della Battaglia, 31 - 00185 ROMA
Telefono 064245741 - Fax 0648903523
segreteria.nazionale@anaao.it - segreteria.nazionale@anaao.postecert.it