Cassazione Sezione Penale
26/05/2020

Cassazione Penale - Sez. V - sentenza n. 15816/2020 Configurabilità del rapporto di causalità

In caso di comportamento omissivo, la verifica della sussistenza del nesso di causalità è sottoposta a regole identiche a quelle applicabili in caso di comportamento commissivo, dato che, nella condotta omissiva, nel violare le regole cautelari, il soggetto non sempre è assolutamente inerte, ma non infrequentemente pone in essere un comportamento diverso da quello dovuto. L'unica distinzione attiene soltanto alla necessità di fare ricorso, per verificare la sussistenza del nesso di causalità, ad un giudizio controfattuale meramente ipotetico, anziché fondato sui dati della realtà.

Allegati
Card image cap
Altri articoli

Segreteria Nazionale sede di Roma
Via San Martino della Battaglia, 31 - 00185 ROMA
Telefono 064245741 - Fax 0648903523
segreteria.nazionale@anaao.it - segreteria.nazionale@anaao.postecert.it