Comunicati stampa
02/02/2021

Contratto, retribuzioni adeguate, dignità e ruolo. Fermiamo la fuga dagli ospedali

Aprire la stagione contrattuale 2019/2021 dei medici e dirigenti sanitari da concludere prima della scadenza. Programmare interventi articolati e progressivi per recuperare il gap di circa 40 mila€ nelle retribuzioni con gli altri Paesi dell’Europa occidentale. Attribuire una dirigenza “speciale” ai medici e dirigenti sanitari del Ssn. Completare la legge sulla responsabilità professionale verso un sistema ”no fault” prevedendo la tutela giuridica per gli eventuali eventi avversi verificatesi durante il periodo dell’emergenza. Maggiore proporzione tra esigenze di cura e risorse umane e strutturali disponibili. 

È questa la ricetta che l’Anaao Assomed propone nel triste compleanno dell’epidemia da Sars-Cov-2 nel nostro Paese. Un appello alla politica e alle istituzioni per fermare l’emorragia di camici bianchi che è a un punto di non ritorno.

“Nella nostra recente survey “Il lavoro in ospedale ai tempi del Covid”, - commenta Carlo Palermo Segretario Nazionale Anaao Assomed - è emersa una sofferenza che viene da lontano, amplificata dalla pandemia, che ha reso insostenibili intensità assistenziale e carichi di lavoro, tanto che il 46% dei medici pensa di abbandonare l’ospedale pubblico nei prossimi 2 anni. E oltre il 75% ritiene che il proprio lavoro non sia stato valorizzato a dovere, sia prima che durante la crisi pandemica. Già ora in molte aziende sanitarie le uscite dal SSN non avvengono solo per raggiunti limiti pensionistici: in particolare del Nord Italia, si può arrivare fino ad un 30-40% di uscite per licenziamento. Le ragioni che spingono ad abbandonare gli ospedali sono riassumibili in un comprensibile spirito di sopravvivenza: l’eccesso dei carichi di lavoro, legato a una carenza numerica persistente al di là della giostra dei numeri sulle recenti assunzioni, peraltro tutte in forme precarie; la rischiosità del lavoro sia sotto il profilo biologico che medico-legale; la sua cattiva organizzazione; lo scarso coinvolgimento nelle decisioni che li riguardano”.

“I numeri – prosegue Palermo - ci aiutano a comprendere la portata del fenomeno: 

 con il 2021 raggiungiamo l’acme della curva pensionistica dei medici dipendenti del Ssn, circa 7.000 quiescenze ogni anno. 

 il blocco del turnover, se confrontiamo i dati del Conto annuale dello Stato del 2009, punto più alto per le dotazioni organiche nel SSN, con quelli del 2018, ha determinato nel decennio una riduzione di circa 6 mila medici e 2 mila dirigenti sanitari (biologi, farmacisti, chimici etc). 

 la riorganizzazione dei servizi in area critica, in applicazione del DL “Rilancio”, richiederebbe l’assunzione in forma stabile di almeno 5.000 specialisti tra anestesisti rianimatori e medici di emergenza-urgenza, internisti, infettivologi, pneumologi”. 

“Un apprezzabile passo in avanti è stato fatto con l’approvazione nell’ultima Legge di Bilancio di un incremento del 27% dell’indennità di esclusività. Una misura economica richiesta da anni dall’Anaao Assomed, fortemente sostenuta dal Ministro Speranza come tangibile segno di vicinanza nei confronti di operatori che durante tutta la fase pandemica hanno lottato contro il Sars-CoV-2 e la sua malattia Covid-19”. 

“Restituire motivazioni ai medici ospedalieri e ai dirigenti sanitari – conclude Palermo - deve passare attraverso adeguati riconoscimenti retributivi, sblocchi del turnover del personale, maggiore considerazione dei carichi di lavoro ma ancora di più dovrà fondarsi sul recupero e la valorizzazione della dignità e del ruolo di chi cura all’interno del Ssn”.

leggi la versione integrale dell'editoriale di Carlo Palermo su Dirigenza Medica n. 1/2021

Card image cap
Altri articoli

Segreteria Nazionale sede di Roma
Via San Martino della Battaglia, 31 - 00185 ROMA
Telefono 064245741 - Fax 0648903523
segreteria.nazionale@anaao.it - segreteria.nazionale@anaao.postecert.it