Piemonte
28/01/2020

Carenza di urgentisti ASO di Alessandria: chiediamo soluzioni che tutelino pazienti ed operatori.

La carenza di medici urgentisti nei Pronto Soccorso piemontesi non è una emergenza. E’ un problema gravissimo ma cronico, che si sta inesorabilmente estendendo. 
Anaao Assomed lancia l’allarme da mesi: ha portato il problema all’attenzione di due Assessori alla Sanità e della Commissione Regionale Sanità. 
Mancano specialisti, i molti colleghi raggiungono l’età pensionabile, il lavoro in DEA è usurante e non attrattivo, per cui in molti fuggono e nessuno arriva. Questi i motivi dei turni scoperti in pressoché tutti i PS piemontesi. 
Ora il problema coinvolge l’ASO di Alessandria: dal 1 Febbraio saranno inseriti nei turni in DEA i medici afferenti ai reparti del Dipartimento internistico. Ovvero colleghi che non hanno mai lavorato nell’Emergenza - Urgenza e che per tale lavoro non sono formati. 
La gestione emergenziale di una criticità attesa e conosciuta è la soluzione meno favorevole, sia per i medici che per i pazienti. 
Stiamo aspettando da Aprile 2019 l’attuazione di una Delibera Regionale, ottenuta da Anaao, che favorisce la remunerazione del disagio per i medici del Dea, per render più attrattivo il lavoro.
Stiamo aspettando da Maggio 2019 i Decreti attuativi del Dl Calabria, che permetterebbero l’assunzione degli specializzandi. 
Ma oggi, per coprire i turni in PS, si richiede a medici di altri reparti di lavorare in Pronto Soccorso. 
I colleghi, al solo scopo di garantire i servizi alla popolazione, con un’abnegazione che meriterebbe il riconoscimento dell’azienda, si sono resi disponibili per il periodo strettamente necessario ad attuare provvedimenti organici e definitivi.
 
A tutela dei colleghi l’Anaao Assomed richiede: 
 
1.     che venga chiarita la durata di questa soluzione emergenziale, che rischia di diventare strutturale;
2.     che i medici siano adeguatamente formati per la gestione dei casi urgenti, ben consapevoli che i codici verdi sono notoriamente i più subdoli e rischiosi, sia dal punto di vista clinico che medico-legale;
3.     che si precisi quali servizi dei reparti verranno ridimensionati, in considerazione del fatto che alcune risorse verranno distratte dai servizi per essere destinate al DEA. Il rischio reale è l’allungamento delle liste d’attesa e il rallentamento di tutte le attività di reparto;
4.     che vengano precisate le iniziative che verranno messe in campo per risolvere l’emergenza. 
  Sarebbe per esempio necessario: 
  coinvolgere i medici del 118;
  siglare convenzioni con altri PS per offrire turni a gettone ad urgentisti di altri PS/DEA;
  recepire l’Accordo Integrativo Regionale che disciplina la presenza del Medico di Medicina Generale in DEA/Pronto Soccorso per i codici bianchi;
  favorire le dimissioni dai reparti in lungodegenza, riducendo così l’effetto imbuto e il conseguente sovraffollamento dei DEA.
 
Se lo scopo della Direzione è quello di ottenere la massima collaborazione da parte del personale medico, appare assolutamente necessaria la completa condivisione delle decisioni con i Dirigenti Medici e con le loro Rappresentanze Sindacali. 
Questa ennesima criticità dei Pronto Soccorso, che coinvolge l’ASO di AL dopo numerosi altri DEA piemontesi, dimostra ancora una volta come le soluzioni necessarie debbano essere strutturali e affrontate con urgenza. 
 
 
La Segreteria Regionale Anaao Assomed Piemonte 

 

Card image cap
Altri articoli

Segreteria Nazionale sede di Roma
Via San Martino della Battaglia, 31 - 00185 ROMA
Telefono 064245741 - Fax 0648903523
segreteria.nazionale@anaao.it - segreteria.nazionale@anaao.postecert.it