Comunicati stampa
10/01/2007

Intesa Mussi-Turco: le buone e le cattive intenzioni

10 gennaio 2007

L'Anaao Assomed saluta con soddisfazione la decisione dei ministri competenti di ri-mettere mano ai rapporti tra Ssn e Facoltà di medicina augurandosi, però, che alle parole seguano i fatti, e fatti coerenti con quanto la società civile giustamente "pretende" dal sistema integrato formazione medica-ricerca-assistenza sanitaria.

Non basta però richiamare la necessità di una piena applicazione del dlgs 517/99, che non ha certo risolto i molteplici problemi legati alla convivenza di componenti mediche con diritti e doveri differenti, per fare decollare un  processo di integrazione tra parti che si trovano a rispondere a logiche non sempre conciliabili.

Occorre porsi l'obiettivo del superamento delle criticità manifestatesi in questi anni, soprattutto nella versione “arlecchino” prodotta dalle singole regioni.

A partire da una presenza universitaria entro le strutture del SSN avvertita come minacciosa a causa della vaghezza dei limiti, spostati di volta in volta in sede di intesa regionale, fino alla pretesa che siano la provenienza istituzionale e  l'autoreferenzialità ad orientare il processo di organizzazione e di gestione delle  Aziende Integrate .

In questi anni si è configurata di fatto la subordinazione delle necessità assistenziali a quelle didattiche, vere o presunte, fermi restando per il SSN tutti gli obblighi connessi al finanziamento. Alla fine i ruoli istituzionali appaiono confusi e sovrapposti .

Le conflittualità esistenti sono difficilmente risolvibili in assenza di regole, e della volontà di farle rispettare, non solo nuove ma capaci di definire in maniera trasparente, cogente e condivisa, le condizioni di pari dignità per un processo di integrazione considerato da molte parti un valore aggiunto per le Aziende Sanitarie in grado di rendere i rapporti Università-SSN meno conflittuali e più rispettosi dei reciproci fini istituzionali.

Questo è quanto ci aspettiamo da un remodelling che non si limiti alla facciata o ai problemi di quel pozzo senza fondo diventato il policlinico di Roma!!

La formazione del medico e degli altri professionisti sanitari,  primario interesse di chi fornisce l'assistenza sanitaria pubblica, richiede certo il coinvolgimento del SSN e dei medici ospedalieri ma all'interno di un forte rinnovamento dei percorsi formativi. Il modello non può più essere quello tradizionale delle facoltà, insufficiente per logiche e dimensioni a far fronte alla continua espansione di una domanda a carattere eminentemente pratico. I futuri luoghi della didattica medica devono prendere in considerazione nuovi contenitori che abbiano come base metodologica e supporto organizzativo la Rete Formativa Regionale, presupposto per la realizzazione di quell'Ospedale d'Insegnamento, nucleo portante di una vera integrazione tra SSN e Università,che oggi rappresenta una realtà legislativa negata.

In questo quadro di buone intenzioni singolare è il riaffacciarsi di un vecchio demone  quale quello della esclusività di rapporto del  personale medico apicale. Come se esistesse una relazione causale tra un quadro normativo insufficiente, inapplicato e violentato e la attività libero professionale dei medici. Non si fa buona politica inseguendo emergenze vere o presunte o lasciando che siano le inchieste giornalistiche a dettare l'agenda governativa,e la sua scansione temporale.

I medici ospedalieri rimangono in fiduciosa attesa, ma non forniscono deleghe in bianco e non intendono avallare, al di fuori del necessario confronto, provvedimenti inerenti le modalità organizzative del loro lavoro magari inseriti alla chetichella in un qualunque contenitore legislativo.

Card image cap
Altri articoli

Segreteria Nazionale sede di Roma
Via San Martino della Battaglia, 31 - 00185 ROMA
Telefono 064245741 - Fax 0648903523
segreteria.nazionale@anaao.it - segreteria.nazionale@anaao.postecert.it