Dicono di noi
10/05/2022

Palermo su crisi dei Pronto Soccorso: assumere subito tutti i precari. Anaao su ADNKRONOS

"La questione dei pronto soccorso non può essere ridotta ad una sola causa. Il problema del personale dei dipartimenti di emergenza-urgenza è sicuramente uno dei motivi che pesano di più nella situazione di attuale difficoltà. Certamente è qualcosa che viene da lontano, parliamo di un decennio di spending review che aveva ridotto le borse di specializzazione per i medici a 5 mila l'anno. Bene ha fatto il ministro Speranza ad impegnarsi su questo fronte e in pochi anni siamo passati ai programmati 18 mila contratti di formazione post laurea. Ma i nuovi colleghi li vedremo tra 5 anni, per cui oggi abbiamo una situazione intermedia da superare: mancano infatti 4.500 medici nei pronto soccorso. A questo si aggiunge un circolo vizioso legato ai turni massacranti di chi oggi lavora in prima linea, spesso con tutti i weekend lavorativi e difficoltà anche a fare le ferie". Così Carlo Palermo, segretario nazionale Anaao Assomed, il sindacato dei medici dipendenti del Servizio sanitario nazionale (Ssn), commenta all'Adnkronos Salute la situazione dei pronto soccorso italiani.

"Che fare? - si chiede Palermo - La prima cosa è assumere tutto il precariato che si è sviluppato nel settore durante la pandemia e quindi andare oltre i limiti imposti alla spesa sul personale. Dei 50-60mila operatori assunti a tempo determinato per l'emergenza Covid, 1.350 sono medici. Pochi, ma servono. Anche perché - ricorda il segretario dell'Anaao - tra pensionamenti e licenziamenti sono circa 7.000 le uscite annuali dal sistema. Ma si deve fare ancora di più: allargare le assunzioni nel Ssn a medici specializzandi a partire dal terzo anno. E' l'unica arma che abbiamo".

Secondo l'Anaao, c'è un "serio" problema di "accesso improprio nei pronto soccorso", avverte Palermo che cita un dato: "Oltre l'80% degli accessi è fatto di codici bianchi e verdi che dovrebbero essere affrontati fuori dal pronto soccorso". Ma dove? "Nelle case di comunità - risponde il sindacalista - previste nel Pnrr". Il problema evidenziato spesso negli anni dall'Anaao è quello dei posti letto. "Abbiamo risolto l'imbuto formativo e ora ci ritroviamo quello ospedaliero, mancano i posti letto di Medicina e Chirurgia e i pazienti rimangono nei pronto soccorso, sulle barelle spesso, perché non c'è il letto nel reparto". Infine, Palermo evidenzia anche la necessità di "rendere appetibile il lavoro ospedaliero e in pronto soccorso, trovo scandaloso che non si riesca a dare attuazione ai contratti che non sono applicati, quelli firmati nel 2019 sono stati bloccati dalla pandemia, quello del biennio 2019-21 è arrivato al tavolo dell'Aran e quello 2022-2024 dovremmo discuterlo in queste condizioni".

Card image cap
Altri articoli

Segreteria Nazionale sede di Roma
Via San Martino della Battaglia, 31 - 00185 ROMA
Telefono 064245741 - Fax 0648903523
segreteria.nazionale@anaao.it - segreteria.nazionale@anaao.postecert.it