Dicono di noi
23/09/2021

Via dal Ssn 8mila medici l'anno tra pensione e dimissioni. E' emergenza - ADNKRONOS SALUTE 

Palermo (Anaao), sospensioni no vax? 'Davvero poche ma in alcune strutture possono aggravare carenze di vecchia data'

Milano, 22 set. (Adnkronos Salute) - E' una 'emorragia' di medici quella che sta vivendo il Servizio sanitario nazionale, un'emergenza nell'emergenza, in era Covid, con 8mila medici in meno ogni anno.

"Siamo sotto il limite. La situazione attuale riferita al 2019 è che ordinariamente per raggiunti limiti previdenziali vanno via 5mila persone", in pensione. "Ma purtroppo ne vanno via pure altre 3mila che si dimettono", lasciano volontariamente il Ssn, "ed è preoccupante perché è espressione del malessere che si vive negli ospedali". E' la denuncia di Carlo Palermo, segretario nazionale del sindacato Anaao-Assomed, sentito dall'Adnkronos Salute.

A questo si aggiunge un numero, seppure piccolo, dei medici che, a causa delle loro posizioni no vax, sono sospesi o rischiano la sospensione dal servizio. "Sono un'assoluta minoranza - premette il segretario del sindacato dei medici Ssn - Stiamo parlando di numeri ridicoli, forse 200 persone in Italia. La stragrande maggioranza di chi aveva dubbi ora si sta vaccinando contro Covid. Ma è chiaro che in singole realtà, e in una già manifesta carenza di personale anche una piccolissima percentuale" di personale che viene a mancare per le sospensioni, "può incidere negativamente", osserva.

Stress da sovraccarichi di lavoro, peggiorati con la crisi Covid e i suoi strascichi, anni di turnover insufficiente a compensare le uscite. "Abbiamo già perso circa 50mila operatori sanitari dal 2009 al 2019, numero importante che ha reso problematica anche la gestione dell'epidemia" di Covid. E ormai, dice Palermo "ci sono tante persone che preferiscono lasciare, perché non hanno possibilità di ferie, hanno tutti i weekend occupati, hanno un numero esagerato di turni notturni. E' difficile da reggere da un punto di vista fisico e psichico soprattutto in alcune realtà, come il pronto soccorso". (segue)

SANITA': VIA DA SSN 8MILA MEDICI L'ANNO TRA PENSIONE E DIMISSIONI, 'E' EMERGENZA' (2) =
'Stracciare limiti anacronistici ad assunzioni, portare in reparti i quasi specialisti'

 (Adnkronos Salute) - In alcune strutture poi a mettere un carico possono arrivare le sospensioni per il mancato assolvimento dell'obbligo vaccinale da parte dei sanitari. E preoccupazioni su questo sono state espresse anche fra le regioni, che sperano in linee guida per gestire eventuali situazioni problematiche. "L'obbligo vaccinale non può essere aggirato - puntualizza Palermo - Che si debba assumere questo è poco ma sicuro. Bisogna stracciare lacci e lacciuoli sulle assunzioni se è a rischio la salute delle persone e l'erogazione dei servizi".

"Noi siamo già sotto il limite, perché siamo a 10mila medici in meno - ragiona Palermo - Poi andiamo ad aggiungere le uscite annuali che continueranno a un livello molto alto ancora per 3-4 anni, e le uscite impreviste espressione del malessere. Qui a Firenze abbiamo avuto le dimissioni di 6 persone del pronto soccorso" che "sono andate a fare i medici di medicina generale scegliendo condizioni di vita più umane e compatibili con una vita sociale e familiare degna".

E' un problema che va affrontato, incalza, "perché io posso avere il più bell'ospedale del mondo, con tutte le tecnologie perfette, digitalizzato, antisismico e antincendio, come prevede il Pnrr", Piano nazionale di ripresa e resilienza, "ma se non ho il personale che lo manda avanti vale zero". Il capitale umano "va curato e i limiti che ci sono nelle assunzioni oggi sono anacronistici e contrari all'articolo 32 della Costituzione, e vanno stracciati".

Card image cap
Altri articoli

Segreteria Nazionale sede di Roma
Via San Martino della Battaglia, 31 - 00185 ROMA
Telefono 064245741 - Fax 0648903523
segreteria.nazionale@anaao.it - segreteria.nazionale@anaao.postecert.it