Corte dei Conti - Sez. Giur. Lazio - sentenza n. 317/2016

Pagamenti per assistiti deceduti, omissione di controllo: condannato direttore generale

Il danno erariale è accertato ed è riconducibile a comportamenti gravemente colpevoli, giacché i convenuti hanno omesso di adempiere ai compiti di controllo e vigilanza loro demandati dalla vigente normativa in materia di aggiornamento degli elenchi degli assistiti.

Corte dei Conti - Sez. Giur. Calabria - sentenza n. 273/2016

La responsabilità per colpa grave che genera il danno erariale

La colpa grave del sanitario è rinvenibile nell'errore inescusabile, che trova origine o nella mancata applicazione delle cognizioni generali e fondamentali attinenti alla professione o nella mancanza di prudenza o di diligenza che non devono mai difettare in chi esercita la professione sanitaria.

Corte dei Conti - Sez. Giur. Veneto - sentenza n. 124/2016

Medico convenzionato: violazione dell'obbligo di esclusiva

La Guardia di Finanza di Trento inviava alla Procura della Corte una denuncia di danno erariale a carico di un medico convenzionato con l'Azienda ULSS perché, nonostante fosse vincolato da un rapporto di esclusività con detta Azienda, avrebbe effettuato numerose prestazioni non autorizzate, in qualità di guardia medica presso una struttura carceraria.

Corte dei Conti - Sez. Giur. Liguria - sentenza n. 98/2016

Medico prescriveva troppi farmaci, condannato a risarcire la Asl

Lo ha deciso la Corte dei conti che ha coinvolto un medico di medicina generale dell’Asl 1 Imperiese. “Prescritte dosi dei farmaci superiori a quelle assumibili dall’assistito nel periodo di tempo considerato, tenuto conto delle indicazioni fornite dal produttore e approvate dal Ministero della salute, sicuramente note al sanitario prescrittore”.

Corte dei Conti - Sez. Giur. Toscana - sentenza n. 232/2016

Contestazione di danno erariale a carico di medico di guardia medica

Ai sensi della normativa posta dall’art. 445, comma 1, c.p.p., la sentenza penale di patteggiamento, pur non facendo stato nei giudizi civili e amministrativi….salvo diverse disposizioni di legge, è equiparata ad una pronuncia di condanna”. L’espressa equiparazione della sentenza di patteggiamento a tacita ammissione di colpevolezza fonda la responsabilità erariale sia per il danno diretto sia, in base al libero convincimento del giudice, in ordine alla sussistenza del danno all’immagine.

Corte dei Conti - Sez. Giur. Toscana - sentenza n. 220/2016

Illecita fruizione congedo straordinario retribuito familiari disabili - Danno erariale

A parere dei giudici contabili, il dipendente che benefici illecitamente dei giorni di congedo straordinario retribuito, per assistere familiari portatori di handicap grave e percepisca indebitamente le somme corrisposte durante i giorni di assenza - secondo le previsioni delle norme dispositive (art. 42 d.lgs. 151/2001) - pone in essere un danno patrimoniale all’amministrazione visto il rapporto funzionale con la stessa, per il quale è tenuto al risarcimento nella misura di quanto indebitamente riscosso.

Corte dei Conti - Sez. Giur. Umbria - sentenza n. 43/2016

La colpa grave deve essere provata dall'accusa

La colpa grave deve essere provata dall’accusa, che deve indicare i necessari parametri di riferimento della condotta virtuosa violata. E questo non si ottiene per mezzo della critica al comportamento, in assenza di qualunque osservazione su cosa il sanitario avrebbe dovuto fare per essere esente da colpa. La critica fine a se stessa rimane un’affermazione apodittica, che non può assumere nessuna rilevanza a sostegno della qualificazione della gravità della colpa.

Corte dei Conti - Sez. Giur. Lombardia - sentenza n. 64/2016

Esclusione di responsabilità per condotta prescrittiva difforme nelle rispettive Asl

L'assenza di documentazione che dimostri l'esistenza delle patologie che avrebbero giustificato la prescrizione dei farmaci non costituisce dimostrazione, neppure di tipo presuntivo, del danno erariale, considerando, per un verso, che non è obbligo del medico conservare copia di referti o prescrizioni di medici specialisti o quant'altro, per altro verso che l'assenza di riscontro negli archivi della Asl di esami o visite specialistiche non è significativa (non potendosi escludere che il paziente li abbia effettuati a proprie spese).

Corte dei Conti - Sez. Giur. Emilia Romagna - sentenza n. 49/2016

È gravemente colpevole il medico che non si sia attenuto alle linee guida?

L'art. 3, primo comma, L. n. 189 del 2012 si riferisce espressamente alle ipotesi colpose delle fattispecie penali cui possono incorrere i medici, sia nel settore pubblico che i liberi professionisti, nell'esercizio della professione sanitaria. Secondo la prospettazione attorea questa disciplina distinguerebbe tra colpa lieve e colpa grave, ritenendo normativamente sussistente quest'ultima in caso di mancata osservanza delle linee guida e dei consueti protocolli di approccio al paziente. La funzione delle linee guida, quindi, si manifesta sul piano meramente difensivo, nel senso che esse possono costituire un valido argomento per far attivare, sempre nel caso di un procedimento penale, l'esimente di cui all'art. 3, primo comma, L. n. 189 del 2012.

Corte dei Conti - Sez. Giur. Toscana - sentenza n. 58/2016

Violazione di obblighi di servizio e azione di rivalsa dell'Azienda ospedaliera universitaria

Dalla ricostruzione dei fatti, suffragata dalle risultanze della C.T.U. medico-legale resa in sede penale, emerge, in modo risolutivo, come il sanitario non sia incorso in una condotta connotata da colpa medica, avendo eseguito l’intervento che ebbe a causare il decesso della paziente nel rispetto delle linee guida e delle procedure previste; al riguardo giova rilevare come è lo stesso consulente del P.M. che chiarisce che …..il verificarsi di una lesione vascolare non è necessariamente correlato a problemi di tecnica chirurgica durante la rimozione del disco. Vi sono altri fattori che contribuiscono ad aumentarne il rischio.

Anaao ti tutela
Pronto soccorso medico-legale e assicurativo
Medici in pensione
Informazioni parlamentari
Banca dati normativa in sanita
Anaao Card
Anaao ti assiste
Assistenza legale
Assistenza fiscale
Anaao ti assicura
Copertura tutela legale gratuita
Polizza responsabilità civile professionale "colpa grave"
Polizza unica
Copertura contagio ospedaliero
Servizio Doctor Help Desk
Anaao ti informa
Newsletter
Iniziativa Ospedaliera
Dirigenza medica
Editoria
Segreteria Nazionale sede di Roma
Via San Martino della Battaglia, 31 - 00185 ROMA
Telefono 064245741 - Fax 0648903523
segreteria.nazionale@anaao.it
segreteria.nazionale@anaao.postecert.it
Dipartimento Amministrativo
Via Scarlatti, 27 - 20124 MILANO
Telefono 026694767 - Fax 0266982507
segr.naz.milano@anaao.it
segr.naz.milano@anaao.postecert.it
Dipartimento Organizzativo
Via Sant'Aspreno, 13 - 80132 NAPOLI
Telefono 0817649624 - Fax 0817640715
segr.naz.napoli@anaao.it
segr.naz.napoli@anaao.postecert.it
Ufficio stampa
Via San Martino della Battaglia, 31 - 00185 ROMA
Telefono 064245741 - Fax 0648903523
ufficiostampa@anaao.it
Coordinamento servizi agli Associati
Via San Martino della Battaglia, 31 - 00185 ROMA
Telefono 064245741 - Fax 0648903523
servizi@anaao.it