Tribunale di Pistoia - Sezione lavoro - sentenza n. 245/2019

Fondi Aziendali

La Asl di Pistoia è stata condannata a rideterminare i fondi aziendali a far data dal 1998 al 2007 e a liquidare le eventuali differenze retributive dovute a titolo di retribuzione accessoria.

Tribunale di Alessandria - Sezione lavoro - sentenza n. 62/2019

Trasformazione del rapporto in part time per accudire la prole in caso di particolare valenza sociale

Posto che è previsto, per l’ipotesi di necessità di accudire prole di età inferiore ai tredici anni, non già un diritto perfetto alla trasformazione del rapporto di lavoro, ma solo alla precedenza laddove il datore di lavoro intenda procedere ad assunzioni a termine o trasformazioni di contratti da tempo pieno a termine, va tuttavia affermato che il lavoratore, qualora verta in una delle situazioni ritenute dall’azienda di “particolare valenza sociale”, tra cui l’accudimento di prole di età inferiore agli atto anni, ha un diritto alla trasformazione al part time per un periodo non superiore ai 24 mesi.

Tribunale di Venezia - Sezione lavoro - sentenza n. 136/2019

Congedo per malattia in assenza di certificazione: le visite di controllo non rientrano nell'assenza

Si considera malattia tutelabile l'alterazione dello stato di salute (“infermità”) che abbia come conseguenza un'assoluta o parziale incapacità al lavoro, e la tutela va riferita ad ogni fase del fenomeno morboso, dalla manifestazione iniziale dell'evento alla cura dello stesso (esempio: ricoveri ospedalieri svincolati dall'esistenza di uno stato patologico o predisposti per accertamenti diagnostici o per esami di laboratorio necessari per la cura di una patologia).

Tribunale di Rovigo - sentenza n. 330/2019

IL Giudice del lavoro riammette i medici al concorso per la direzione di distretto

Per il giudice la scelta di bandire il concorso solo per i dirigenti dell'area professionale, amministrativa e tecnica non viola le norme di legge e di contratto. Ma se la decisione della Ulss era di affidare ai dirigenti sanitari le competenze di carattere clinico e agli amministrativi le competenze gestionali, questa doveva essere esplicitata nell’atto aziendale. Per tale motivo il giudice ha ordinato alla Ulss di ammettere al concorso anche i dirigenti sanitari.

Tribunale di Tivoli - sentenza del 14 febbraio 2019

Il rispetto delle linee guida va sempre rapportato alle circostanze concrete

Nell'ambito della colpa medica, un ruolo peculiare è assunto dalle linee guida dettate dalla comunità scientifica. Esse costituiscono un nucleo di regole di azione per il medico da cui il Giudice può trarre le regole cautelari rilevanti per il giudizio di colpa, quantomeno nei casi in cui occorra apprezzare l'imperizia del personale medico.

Tribunale di Roma - Sezione II civile - sentenza n. 3027/2019

Specializzandi, nessuna differenza economica per gli iscritti ai corsi dopo il 1998 e prima del 2006/2007

Il legislatore, nel disporre il differimento dell'applicazione delle disposizioni contenute negli artt. da 37 a 42 del d.lgs. 368/1999 e la sostanziale conferma del contenuto del d.lgs. 257/1991, ha esercitato legittimamente la sua potestà legislativa, non essendo vincolato dalle norme comunitarie a disciplinare il rapporto dei medici specializzandi secondo un particolare schema giuridico; il riconoscimento, da parte del d.lgs. 368/1999 in favore dei medici specializzandi, di un maggior importo a titolo di adeguata remunerazione costituisce il risultato di una scelta discrezionale riservata al legislatore nazionale e non vincolata o condizionata da obblighi d'adeguamento alla normativa comunitaria.

Tribunale di Bologna - Sezione lavoro - sentenza n. 1/2019

Monetizzazione ferie

Le problematiche di armonizzazione dei contrastanti principi di irrinunciabilità delle ferie e di divieto di monetizzazione delle stesse, sorgono in tutti quei casi in cui il rapporto di lavoro si interrompe improvvisamente senza alcuna programmazione ed il dipendente si trova nella situazione di non aver potuto usufruire delle ferie dell’anno in corso e degli anni passati per ragione di servizio. La circostanza che le ferie pregresse, maturate e non godute dal ricorrente sono state maturate tutte in un periodo anteriore alla legge 135/2012, norma che ha vietato la monetizzazione delle ferie maturate e non godute, con la conseguenza che la reiezione della domanda del ricorrente comporterebbe un’applicazione retroattiva della norma in questione, in aperto contrasto con il principio secondo cui la norma non prevede alcuna retroattività del principio.

Tribunale di Rieti - Sez. lavoro - sentenza del 22 gennaio 2019

La qualificazione della ipotesi di "mero dissenso diagnostico"

Nell'ipotesi in cui le censure mosse alla perizia, dal ricorrente, non denunciano precise carenze o deficienze diagnostiche, bensì semplici difformità tra la valutazione del consulente circa l'incidenza e l'entità del dato patologico ed il valore diverso allo stesso attribuito dalla parte, si verte, nell'ipotesi di c.d. mero dissenso diagnostico, in cui le contestazioni non evidenziano deficienze diagnostiche o affermazioni scientificamente errate della perizia, bensì fondamentale difformità nella valutazione della condizione sanitaria della parte.

Tribunale di Latina - sentenza del 21 gennaio 2019

Limiti alla risarcibilità del danno biologico per lesioni di lieve entità

In tema di risarcibilità del danno biologico per lesioni di lieve entità, la ratio dell'art. 139 c. assicur. e delle finalità perseguite dal legislatore, deve essere intesa nel senso che la legge esiga che il danno alla salute di modesta entità sia accertato e valutato dal medico-legale e dal giudice secondo criteri di assoluta e rigorosa scientificità, senza che sia possibile fondare l'affermazione dell'esistenza del danno in esame sulle sole dichiarazioni della vittima. Pertanto, deve ritenersi risarcibile anche il danno i cui postumi non siano "visibili".

Tribunale di Imperia - sentenza del 21 gennaio 2019

L'unicità del fatto dannoso da condotte convergenti o divergenti configura responsabilità

L'unicità del fatto dannoso richiesta dall'art. 2055 c.c., ai fini della configurabilità della responsabilità solidale degli autori dell'illecito, va intesa in senso non assoluto ma relativo, in coerenza con la funzione propria di tale istituto di rafforzare la garanzia del danneggiato, sicché ricorre tale responsabilità pur se il fatto dannoso sia derivato da più azioni o omissioni, costituenti fatti illeciti distinti, e anche diversi, sempre che le singole azioni o omissioni abbiano concorso in maniera efficiente alla produzione dell'intero danno.

Tribunale di Nola - Sezione I - sentenza del 18 gennaio 2019

La sussistenza della responsabilità della struttura sanitaria in caso di complicanza

Secondo la prevalente giurisprudenza di merito e di legittimità, "la complicanza, quale evento avverso correlato all'atto medico e statisticamente noto, per esentare il sanitario da responsabilità, deve essere o imprevedibile o inevitabile, perché, altrimenti, ove cioè sia prevedibile ed evitabile, non ha rilievo giuridico, pur se, in linguaggio medico, resta comunque definibile quale complicanza.

Tribunale di Roma - Sezione XIII - sentenza del 16 gennaio 2019

Non corretta asepsi dell'ambiente chirurgico e dello strumentario: risarcisce la clinica e il primo operatore

Né la Casa di cura né il primo operatore durante il parto e dunque responsabile quale capo equipe della gestione della sala operatoria e dell'intervento, hanno dimostrato la corretta asepsi dell'ambiente chirurgico e dello strumentario.

Anaao ti tutela
Pronto soccorso medico-legale e assicurativo
Medici in pensione
Informazioni parlamentari
Banca dati normativa in sanita
Anaao Card
Anaao ti assiste
Assistenza legale
Assistenza fiscale
Anaao ti assicura
Copertura tutela legale gratuita
Polizza responsabilità civile professionale "colpa grave"
Polizza unica
Copertura contagio ospedaliero
Servizio Doctor Help Desk
Anaao ti informa
Newsletter
Iniziativa Ospedaliera
Dirigenza medica
Editoria
Segreteria Nazionale sede di Roma
Via San Martino della Battaglia, 31 - 00185 ROMA
Telefono 064245741 - Fax 0648903523
segreteria.nazionale@anaao.it
segreteria.nazionale@anaao.postecert.it
Dipartimento Amministrativo
Via Scarlatti, 27 - 20124 MILANO
Telefono 026694767 - Fax 0266982507
segr.naz.milano@anaao.it
segr.naz.milano@anaao.postecert.it
Dipartimento Organizzativo
Via Sant'Aspreno, 13 - 80132 NAPOLI
Telefono 0817649624 - Fax 0817640715
segr.naz.napoli@anaao.it
segr.naz.napoli@anaao.postecert.it
Ufficio stampa
Via San Martino della Battaglia, 31 - 00185 ROMA
Telefono 064245741 - Fax 0648903523
ufficiostampa@anaao.it
Coordinamento servizi agli Associati
Via San Martino della Battaglia, 31 - 00185 ROMA
Telefono 064245741 - Fax 0648903523
servizi@anaao.it