31 agosto 2018

ORARIO ESTIVO DELLE SEDI NAZIONALI

I giorni di apertura e gli orari del mese di agosto 2018 della Segreteria Nazionale, Ufficio Stampa, Dipartimento Amministrativo e Dipartimento Organizzativo.


DIPARTIMENTO AMMINISTRATIVO - SEDE MILANO
Dal 6 al 24 orario dalle 09.00 alle 16.00
Dal 15 al 17 CHIUSURA UFFICIO
Telefono: 026694767 - e-mail: segr.naz.milano@anaao.it

SEDE NAZIONALE - ROMA
Dal 1 al 24 orario dalle 09.00 alle 17.30
Dal 13 al 17 CHIUSURA UFFICIO
Telefono: 064245741 - e-mail: segreteria.nazionale@anaao.it

SERVIZI
L'assistenza legale con sede a Roma è sospesa dal 6 agosto e riprenderà lunedi 27 agosto.
E' possibile inviare quesiti all'indirizzo servizi@anaao.it con l'avvertenza che le risposte saranno trasmesse a partire dal 30 agosto.

UFFICIO STAMPA
L'aggiornamento del sito verrà sospeso da sabato 11 a martedi 21 agosto. Riprenderà mercoledi 22 agosto.
La pubblicazione della rassegna stampa verrà sospesa da sabato 11 a martedi 21 agosto. Riprenderà mercoledi 22 agosto.
L'invio della newsletter settimanale verrà sospeso venerdi 3 agosto e riprenderà venerdi 7 settembre.
Ufficio stampa - Telefono: 3356324259 - e-mail: ufficiostampa@anaao.it - s.procaccini@anaao.it

DIPARTIMENTO ORGANIZZATIVO - SEDE NAPOLI
Dal 30 luglio al 3 settembre orario dalle 09.00 alle 17.30
Dal 6 al 24 CHIUSURA UFFICIO
Telefono: 0817649624 - e-mail: segr.naz.napoli@anaao.it

Buone vacanze!

22 dicembre 2017

***BUON NATALE 2017***

A tutti i lettori l'augurio di buone feste!

L'aggiornamento del sito riprende mercoledi 27 dicembre 2017.

27 dicembre 2016

Bravi, motivati (e pronti a emigrare). Perchè i giovani medici vanno assunti - CORRIERE DELLA SERA

Una proposta. Assumiamo subito i giovani medici e scompariranno le liste d'attesa.

.

23 dicembre 2016

FABBISOGNO MEDICI E DIRIGENTI: totale dissenso dell'Intersindacale sulle modalità di calcolo Ministero-Regioni. 

In una lettera inviata ai Ministri della Salute e dell'Economia e alle Regioni, l'Intersindacale medica, veterinaria e sanitaria ha chiesto un incontro per una puntuale informazione sulla metodologia tecnica utilizzata per calcolare il fabbisogno dei medici, veterinari e sanitari del Ssn. Contestati il metodo e il merito del lavoro del gruppo Ministero-Regioni.

21 dicembre 2016

FONDI CONTRATTUALI: il tesoretto esiste ed è stato trovato! 
E' accaduto a Ragusa...


Circa 7 milioni di euro ai dirigenti medici e veterinari e 412 mila euro ai dirigenti sanitari, circa 10mila euro lordi a testa: è la cifra dei residui di spesa non utilizzati dei fondi contrattuali corrisposti ai colleghi dell'Asp di Ragusa. Grazie all'azione pressate dell'Anaao Assomed della Sicilia che ha determinato il successo dell'operazione.

La nota in formato pdf

Disposizioni sulla gestione e liquidazione dei residui dei fondi contrattuali

Cari Colleghi,
i Contratti Collettivi Nazionali dell’Area della dirigenza del ruolo sanitario del 5 dicembre 1996 sanciscono in modo chiaro ed inequivocabile (rispettivamente al co. 4 dell’art. 60 ed al co. 5 dell’art. 62 del CCNL dei dirigenti medici e veterinari e al co. 7 dell’art.58 ed al co. 5 dell’art. 60 del CCNL dei dirigenti sanitari) le norme sulla gestione e liquidazione dei residui non spesi dei fondi contrattuali per “particolari condizioni di lavoro” e per la “specificità medica e retribuzione di posizione”.

Dai commi degli articoli, sopra citati, risulta che: “…eventuali risorse che a consuntivo risultassero ancora disponibili nel citato fondo annuale sono temporaneamente utilizzate nel fondo per la retribuzione di risultato relativo al medesimo anno e, quindi, riassegnate al fondo di cui al presente articolo a decorrere dall'esercizio finanziario dell'anno successivo”.

Da quanto sopra esplicitato, si evincono i seguenti principi regolatori per la gestione e liquidazione dei residui non spesi dei fondi contrattuali:
    i residui sono addendi contabili nella costruzione del fondo di risultato;
    il fondo di risultato pertanto è composto da due componenti:
    addendi contrattuali storici utilizzati per la costruzione contabile del fondo all’inizio dell’anno di competenza,
    addendi costituiti dai suddetti residui di spesa utilizzabili per lo stesso fine a posteriore a consuntivo;
    i suddetti residui rientrano nella liquidazione a conguaglio della retribuzione di risultato dell’anno di competenza, nel rispetto degli accordi contrattuali aziendali inerenti tale fondo, se presenti e non in contrasto con le norme nazionali; in caso contrario le norme del CCNL vicariano o prevalgono;
    i dipendenti a cui liquidare tali residui sono quelli in servizio nell’anno di competenza che ne hanno diritto.
Dal suddetto dettato normativo risulta pertanto che tali residui non possono essere utilizzati come:
    addendi del fondo di risultato degli anni successivi;
    retribuzione di obiettivi di risultato lavorati e conseguiti negli anni successivi all’anno di competenza;
    per la retribuzione di ore aggiuntive effettuate negli anni successivi a quello di competenza, in sostituzione degli istituti contrattuali previsti a tale scopo (ore straordinarie, libera professione in favore della azienda).

Si ricorda che qualsiasi pretesa in tal senso da parte dell’Azienda è illecita e che non è nella potestà del tavolo di contrattazione aziendale varare accordi in contrasto con tali principi nazionali.
Si precisa che per il combinato-disposto delle norme legislative e contrattuali nazionali, accordi aziendali in contrasto con le norme contrattuali nazionali sono automaticamente nulli (gli eventuali ricorsi al giudice sarebbe vincenti) e attuazioni diverse da parte delle aziende, mediante interpretazioni strumentali e/o errate di Leggi o di brani di Circolari ministeriali generiche o estrapolate da altri contesti normativi, sono inattendibili e di nessun valore.

Dal momento che il tentativo di utilizzare in modo scorretto i residui dei fondi costituisce una pratica sempre più utilizzata negli ultimi anni dalle aziende che determina danni sempre più rilevanti nei dipendenti sia sul piano retributivo che previdenziale, è necessaria da parte Vostra una attenzione straordinaria su tale criticità e, se occorre, un’azione sindacale perentoria nei riguardi delle aziende articolata nei seguenti punti: 
    pretendere l’urgente rendicontazione analitica a consuntivo dell’utilizzo dei fondi, la contabilizzazione dei residui non utilizzati di questi e la rendicontazione analitica del loro eventuale utilizzo;
    disdire accordi in merito scorretti;
    richiedere la liquidazione urgente dei residui, nel rispetto delle disposizioni contrattuali nazionali sopra ricordate;
    segnalare alle rispettive Segreterie Regionali e all’Esecutivo Nazionale i comportamenti aziendali che perdurano scorretti, malgrado la Vostra azione.

Questa azione impegnativa, da condurre con l’ausilio se occorre del livello sindacale regionale e nazionale, ha già dato dei frutti positivi nelle aziende dove è stata attuata.
A questo proposito per vostro ausilio si allegano i seguenti documenti:
-    lettera informativa in merito del Segretario Aziendale ANAAO ASSOMED dell'ASP di Ragusa (Dott. Bombace) alle Segreterie Nazionale e Regionale (SCARICA IL DOCUMENTO);
-    delibera della ASP (Azienda Sanitaria Provinciale) di Ragusa che dispone la liquidazione dei residui non utilizzati dei fondi contrattuali, inerenti gli anni di competenza ricompresi nel periodo 2011-2014 (SCARICA IL DOCUMENTO).

La delibera e l’informativa del Segretario Aziendale sono documenti molto importanti, poiché costituiscono un chiaro esempio di liquidazione corretta e rispettosa delle norme contrattuali sui residui di spesa non utilizzati dei fondi contrattuali e di come una azione sindacale costante e pressante possa determinare un successo (liquidazione già avvenuta di circa 7 milioni di euro di residui ai dirigenti medici e veterinari e di 412 mila euro ai dirigenti sanitari, circa 10mila euro lordi a testa).

15 dicembre 2016

LE RELAZIONI presentate alla II Conferenza Nazionale Donne Anaao Assomed

Grande partecipazione alla II Conferenza donne che si è svolta a Napoli il 14 dicembre.
Le FOTO dell'iniziativa e le RELAZIONI di Eloisa Betti, Antonella Lotti e Sandra Morano.

Donne, lavoro e salute tra emancipazionismo, femminismo ed esperienze sindacali.
Elosia BETTI - la relazione

Metodologia di lavoro
Antonella LOTTI - la relazione

Saper mettere al mondo come fonte di autorevolezza
Sandra MORANO - la relazione

GUARDA LA GALLERIA DELLE FOTO

14 dicembre 2016

DONNE, SANITA’, SINDACATO.
II CONFERENZA NAZIONALE DONNE ANAAO ASSOMED - Napoli 14 dicembre 2016

L'evento, accreditato Ecm con 3 crediti formativi, si pone l’obiettivo di elaborare una vera e propria “piattaforma di genere” che contenga riflessioni, analisi e proposte per un nuovo modello di organizzazione del lavoro passando per le leggi, la giurisprudenza e il contratto di lavoro affinché alle donne-medico, di oggi e di domani, possa essere offerta l’opportunità di non dover scegliere tra vita familiare e vita lavorativa, e non siano loro preclusi ruoli apicali per inconciliabilità tra famiglia e lavoro. La Conferenza si svolgerà con la nuova metodologia dei gruppi di lavoro, che si riuniranno in contemporanea nella mattinata del 14 dicembre per poi presentare e discutere le riflessioni in sede plenaria.

SCARICA IL PROGRAMMA

ORGANIZZAZIONE E METODO DI LAVORO

DESTINATARI

130 donne iscritte al sindacato

METODI  
Relazioni, Lavoro in piccoli gruppi, Sedute plenarie, Visione di filmati

TEMI
1.
Rappresentanza, Attività sindacale, Leadership  in rapporto con la Femminilizzazione della   Medicina
2. Congruenze e assenze di istanze di genere femminile nel Contratto Nazionale del Lavoro
3. Facilitazioni e barriere nella carriera delle donne medico
4. Criticità della conciliazione vita/lavoro, del welfare e dei luoghi e dell’organizzazione di lavoro

MANDATI
A. Riflettere sulla congruenza tra gli obiettivi sindacali e la femminilizzazione della medicina
B. Individuare (in-)congruenze di genere nel Contratto Nazionale del Lavoro
C. Discutere facilitazioni e barriere della carriera delle donne medico;
D. Analizzare le criticità della conciliazione vita/professione, del welfare e dei luoghi di lavoro
E. Individuare determinanti di genere necessari alla leadership sindacale
F. Illustrare “buone pratiche” a livello nazionale e internazionale
G. Individuare obiettivi realizzabili a breve e medio termine nella propria realtà

13 dicembre 2016

DDL "RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE" A RISCHIO?
SE VUOI CHE SIA APPROVATO SUBITO FIRMA QUI.

Petizione per sollecitare una rapida approvazione del Ddl "Disposizioni in materia di sicurezza delle cure e di responsabilità professionale degli esercenti le professioni sanitarie", già approvato dalla Camera ed ora all'esame del Senato. 

07 dicembre 2016

LO SCIOPERO DEL 16 DICEMBRE NON SI FARA' CAUSA CRISI DI GOVERNO

La repentina crisi di Governo e la nebulosità della sua risoluzione, hanno frustrato i nostri ultimi tentativi di ottenere modifiche alla legge di bilancio 2017. Pertanto le organizzazioni sindacali della dirigenza medica e sanitaria hanno ritenuto opportuno NON procedere all'effettuazione dello sciopero del 16 dicembre.

05 dicembre 2016

Senato: l'Anaao in audizione sui LEA

Si svolgerà martedi 6 dicembre presso la Commissione Igiene e Sanità del Senato l'audizione sui LEA alle ore 11.45.

02 dicembre 2016

CONTRATTO: l'accordo tra Governo e CGIL, CISL e UIL emargina la dirigenza. La posizione della COSMED

L'informativa e il comunicato stampa COSMED contesta nel metodo e nel merito i contenuti dell'accordo sui rinnovi dei contratti di lavoro siglato a Palazzo Vidoni il 30 novembre.

01 dicembre 2016

Ddl responsabilità medica. Bene le nuove tutele al medico. Ma il paziente? Enrico Reginato (Presidente FEMS) su QUOTIDIANO SANITA'

Nel tentativo di normare più adeguatamente il problema, è pronta a tornare in aula al Senato, dopo la pausa referendaria e il passaggio alla Camera e alla Commissione del Senato, la legge sulla responsabilità medica. Tuttavia nella presente proposta, seppur migliorativa, manca un aspetto che riguarda i tempi di risarcimento alle vittime

30 novembre 2016

CONTRATTO: firmato l'accordo Governo-sindacati. IL TESTO

E' stato raggiunto l'accordo quadro per sbloccare la contrattazione nel pubblico impiego. Cgil, Cisl e Uil, hanno firmato l'intesa con il governo. L'impegno finanziario per rinnovare i contratti in tutta la Pubblica Amministrazione sarà pari 5 miliardi nel triennio 2016-18, hanno detto i sindacati al termine dell'incontro. Per l'anno prossimo la cifra prevista è di 850 milioni. 

28 novembre 2016

Nessuna apertura concreta del governo su finanziaria e contratti. La Cosmed all'incontro a Palazzo Vidoni - La nota informativa della Confederazione

Nessun chiarimento da parte degli esponenti del Governo presenti all'incontro sull’effettiva consistenza degli aumenti contrattuali oggi confinati in maniera indistinta in un “fondo per i pubblico impiego”: non è chiaro quanto sarà riservato ai contratti e quante risorse verranno destinate alle assunzioni e ad altri interventi.

25 novembre 2016

LEGGE DI BILANCIO 2017: il testo su cui la Camera vota la fiducia

Il ministro Maria Elena Boschi, ha annunciato questa mattina all'Aula della Camera la questione di fiducia posta dal Governo sull'articolo unico del ddl Bilancio 2017 nel testo approvato ieri dalla commissione Bilancio. 

23 novembre 2016

IL TESTO DEL DECRETO sulle scuole di specializzazione di area sanitaria e la circolare Miur sulle procedure di avvio

Il testo del decreto interministeriale n. 716 firmato da Università e Salute pronto per la pubblicazione in Gazzetta ufficiale

il testo del decreto
la circolare del Miur
"Apertura della banca dati sull'offerta formativa delle Scuole di specializzazione si area sanitaria ad accesso riservato ai "non medici".

22 novembre 2016

Il Segretario Nazionale Anaao visita le zone colpite dal sisma

Giovedi 24 novembre Costantino Troise si recherà nelle zone colpite dal sisma insieme al Segretario Anaao Marche Oriano Mercante dove incontrerà i colleghi che operano in condizioni disagiate negli ospedali di Tolentino e Amandola.

PROGRAMMA
- Ore 13.00 circa visita Ospedale di Tolentino; sarà a riceverlo Alessandro Marini (Direttore Generale ASUR) o Nadia Storti (Direttore Sanitario ASUR) e il Direttore AV3 Alessandro Maccioni;
- Ore 14.30 circa visita Ospedale Amandola di Largo Plebani; sarà a riceverlo il Direttore AV4 Licio Livini;
- Ore 15.00 circa visita sistemazione provvisoria PS e ambulatori vicino campetto di calcio;
- Ore 15.30 Consiglio Regionale ANAAO Marche straordinario aperto presso il campetto di calcio coperto; OdG: 1) situazione di lavoro nelle aree terremotate; 2) aggiornamenti sulle tematiche contrattuali; 3) varie ed eventuali;
- Alla fine del Consiglio Regionale merenda con prodotti tipici locali.

Partecipazione libera a tutti gli operatori sanitari.

21 novembre 2016

ASSEMBLEA DAY LUNEDI 21 NOVEMBRE 2016: IL MATERIALE PER PREPARARE LE ASSEMBLEE

#MOBILITIAMOCI #ASSUNTISUBITO #PRECARIMAIPIU'
SCARICA E DIFFONDI LA LOCANDINA CON LE INIZIATIVE DI NOVEMBRE 


I DOCUMENTI PER LE ASSEMBLEE DEL 21 NOVEMBRE 2016
I COMUNICATI STAMPA, LE SLIDE DI SINTESI, LE LETTERE, LA LOCANDINA

La locandina con le date della mobilitazione - stampa il documento

Le slides con le ragioni della protesta e la sintesi delle richieste dell'Intersindacale - stampa il documento

Finanziamento dei contratti di lavoro: le richieste a Governo e Parlamento. Documento del 15 novembre 2016 - stampa il documento

La locandina con le 5 richieste dell'Intersindacale per finanziare il contratto - stampa il documento

Per rinnovare il contratto servono fatti. Comunicato stampa Anaao del 9 novembre 2016 - stampa il documento

Finanziamento dei contratti pubblici: uno schiaffo alla Corte Costituzionale. Comunicato stampa Anaao del 7 novembre 2016 - stampa il documento

Lettera aperta ai medici, veterinari e dirigenti sanitari del Ssn del 4 novembre 2016 - stampa il documento

Legge di Bilancio 2017: poche luci e molte ombre per la sanità. Comunicato stampa Intersindacale del 28 ottobre 2016 - stampa il documento

Richiesta di incontro al Ministro Lorenzin del 24 ottobre 2016 - stampa documento

Legge di Bilancio 2017: un conto salato per cittadini e medici. Comunicato stampa Anaao del 15 ottobre 2016 - stampa il documento

Documento intersindacale a Governo e Regioni del 6 ottobre -  stampa il documento

18 novembre 2016

L'ANAAO A PIAZZA MONTECITORIO: le foto del sit-in del 17 novembre

Come sempre la presenza dell'Anaao si è fatta notare. Anche al sit-in del 17 novembre: molte le bandiere a testimonianza della partecipazione degli iscritti all'Associazione

17 novembre 2016

#LEGGE DI BILANCIO 2017 - PROTESTA MEDICI VETERINARI, DIRIGENTI SANITARI - Conferenza stampa e sit-in intersindacale a Roma giovedì 17 novembre 2016

I medici, i veterinari e i dirigenti sanitari di ANAAO ASSOMED – CIMO – AAROI-EMAC – FP CGIL MEDICI E DIRIGENTI SSN – FVM – FASSID (AIPAC-AUPI-SIMET-SINAFO-SNR) – CISL MEDICI – FESMED – ANPO-ASCOTI-FIALS MEDICI – UIL FPL MEDICI daranno vita ad un SIT IN a Roma giovedi 17 novembre a Piazza Montecitorio con inizio alle ore 11.00. Contemporaneamente (ore 11.00 presso l'Hotel Nazionale a Piazza Monte Citorio) i segretari nazionali delle organizzazioni sindacali presenteranno alla stampa le ragioni della protesta e le ulteriori iniziative.

Legge di Bilancio 2017
MEDICI, VETERINARI, DIRIGENTI SANITARI

PER un contratto di lavoro che garantisca dignità professionale e qualità dei servizi sanitari ai cittadini
PER la stabilizzazione del precariato e nuova occupazione

17 novembre 2016

LUNEDI 28 NOVEMBRE 2016 SCIOPERO NAZIONALE 

La mobilitazione per il contratto di lavoro, assunzioni e precariato prosegue fino a 24 ore di sciopero proclamate per lunedi 28 novembre.

Dopo il SIT-IN di oggi la prossima tappa della mobilitazione sarà l'ASSEMBLEA DAY di lunedi 21 novembre e po lo sciopero nazionale se il maxiemendamento alla legge di bilancio non conterrà nero su bianco le richieste dei medici, veterinari e dirigenti sanitari.

LA VIDEO INTERVISTA A COSTANTINO TROISE

16 novembre 2016

CINQUE RICHIESTE PER FINANZIARE IL CONTRATTO

La locandina con le richieste che l'intersindacale ha inviato a Governo e Parlamento. 
#PIÙSOLDIPERILCONTRATTO

15 novembre 2016

Finanziamento dei contratti di lavoro: le richieste dell'intersindacale proposte a Governo e Parlamento.

Diventa fondamentale non solo assicurare finanziamenti idonei a frenare il progressivo impoverimento delle retribuzioni e la dilagante demotivazione professionale, ma intervenire anche con misure che rendano disponibili risorse già presenti nelle realtà aziendali, lascito dei precedenti contratti, per valorizzare il merito, retribuire il disagio, incentivare la produttività, finanziare innovazioni organizzative e gestionali. La lettera e il comunicato stampa

14 novembre 2016

Problematiche medicina SSN: i Sindacati al ministero mercoledi 16 novembre

Appuntamento alla presenza del Ministro della salute, Beatrice Lorenzin, alle ore 11.30 presso la sede di Lungotevere Ripa 1.

Le organizzazioni sindacali della dirigenza medica, veterinaria e sanitaria sono state convocate mercoledi 16 novembre alle ore 11.30. Presiderà l'incontro il Minsitro della salute.

12 novembre 2016

DECRETO SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE AD ACCESSO PLURICATEGORIALE: la Corte dei Conti approva il decreto

Si attende l'immediata pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale e l’avvio da parte del MIUR delle procedure finalizzate a garantire l’avvio dal 2016.
 

Ieri novembre è stato registrato dalla Corte dei Conti il Decreto relativo agli ordinamenti didattici delle scuole di specializzazione ad accesso pluricategoriale di cui il MIUR aspettava l’esito. È stato registrato al numero 4142 del 11/11/2016. Ora si attende l'immediata pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale e l’avvio da parte del MIUR delle procedure finalizzate a garantire, come previsto dall’art.2 dello stesso decreto, l’avvio dal 2016.

Termina un lavoro estremamente complesso di oltre un anno e mezzo portato avanti dall’Anaao Assomed e dall’Ordine Nazionale dei Biologi, ma inizia una ulteriore fase di lavoro orientata a garantire che i Ministeri dell’Università e della Sanità sviluppino, di concerto con gli Atenei, le azioni necessarie per pubblicare i bandi e garantire i necessari livelli quantitativi di accesso. Resta il problema dell’Ateneo di Bologna che pare inopinatamente mantenere, nonostante il decreto e l’abrogazione della norma concernente le borse di studio, un atteggiamento negativo rispetto alla ripresa delle scuole.

03 novembre 2016

Le 10 sigle sindacali (ANAAO ASSOMED – CIMO – AAROI-EMAC – FP CGIL MEDICI E DIRIGENTI SANITARI – FVM – FASSID (AIPAC-AUPI-SIMET-SINAFO-SNR) – CISL MEDICI – FESMED – ANPO-ASCOTI-FIALS MEDICI– UIL FPL MEDICI) chiamano a raccolta i medici, i veterinari e i dirigenti sanitari del Ssn per un contratto che garantisca la qualità dei servizi ai cittadini e per l'occupazione.

Sitin a Roma a Piazza Montecitorio giovedi 17 novembre e assemblea day in tutti gli ospedali lunedi 21 novembre.

Cari Colleghi,
siamo stati facili profeti a paventare il rischio che i grandi assenti dalla legge di bilancio 2017 fossero i Medici, i Veterinari, i Dirigenti sanitari dipendenti del SSN, ed il loro lavoro.
Lo scampato pericolo di ulteriori tagli, o mancati incrementi, sul fronte del finanziamento di parte corrente del SSN per il 2017, è certo un dato positivo. Il FSN a 113 miliardi, ancora al di sotto della media UE ed all’ultimo posto tra i paesi del G7, appare coerente con il finanziamento dei nuovi LEA e dei farmaci innovativi. Ma non con il necessario ricambio generazionale, lo sviluppo delle risorse umane, la valorizzazione del personale. 

continua a leggere...

02 novembre 2016

SISMA 2016: #DONAORADONA1ORA. RIPARTE LA CAMPAGNA DI SOLIDARIETA'

L'Anaao aderisce a raccolta FNOMCEO. Gli iscritti all'Associazione possono versare il valore economico di un ora di lavoro sul conto corrente attivato dalla FNOMCEO.
Contro corrente UNICREDIT, con il codice IBAN IT59M0200805240000104430752 causale SISMA CENTRO ITALIA 2016.

Il sisma che ha già provocato lutti e dolore nel centro Italia, continua a colpire duramente popolazioni e territori. L’Anaao Assomed esprime ancora una volta la solidarietà dell’Associazione ai cittadini ed ai Colleghi impegnati a prestare soccorso ed assistenza in condizioni difficilissime.

Credo, però, che sia anche opportuno rilanciare l’impegno dei medici e dei dirigenti sanitari italiani, a partire dagli iscritti Anaao, ad esprimere un segno visibile di partecipazione agli aiuti devolvendo “un’ora di lavoro” a favore delle necessità sanitarie delle persone e delle strutture.

Vi ricordo che è’ ancora attivo il conto corrente della Fnomceo (UNICREDIT con il codice IBAN IT59M0200805240000104430752 causale SISMA CENTRO ITALIA 2016) sul quale stiamo raccogliendo i versamenti in favore delle popolazioni colpite dal sisma del 24 agosto, per cui vi invito ad utilizzare lo stesso mezzo per convogliare i nuovi attestati di solidarietà.

Il valore economico di 1 ora di lavoro, considerata la media delle retribuzioni per le diverse qualifiche, è pari a circa 30€, al netto degli oneri previdenziali evidenti e dell’IRPEF.
I fondi raccolti saranno utilizzati per ripristinare la regolare assistenza sanitaria nei territori colpiti dal sisma e sarà nostra cura dare conto dell’utilizzo di tali fondi.

Certo di poter contare ancora una volta sul senso di solidarietà e responsabilità che da sempre ci contraddistingue, e su di una generosità inversamente proporzionale all’avarizia che il Governo mostra nei nostri confronti, vi invio cordiali saluti.

Costantino Troise
Segretario Nazionale Anaao Assomed

02 novembre 2016

#CAMPAGNAISCRIZIONIANAAO2017
#IOSONOISCRITTOPERCHÈ....

....ognuno ha il suo motivo e ne abbiamo raccolti solo alcuni. A testimonianza di quanto l'Associazione sia espressione comune di intenti e di sentimenti, capace di raccogliere e soddisfare i bisogni dei professionisti e pronta a raccogliere le sfide di una sanità e di una professione che cambiano.

Scarica le locandine e diffondile insieme al video che raccontano la nostra Associazione!

LE LOCANDINE 


         

  
     


  

IL VIDEO CON TUTTE LE TESTIMONIANZE RACCOLTE

02 novembre 2016

LEGGE DI BILANCIO 2017: i testi del ddl e della relazione tecnica

Parte il 2 novembre dalla Commissione Bilancio della Camera l'esame della legge di bilancio con un iter complessivo di due settimane.

Gli articoli che riguardano la dirigenza medica e sanitaria:
Articolo 25 – Anticipo finanziario a garanzia pensionistica (Ape sociale)
Articolo 30 – Lavori precoci
Articolo 31 – Lavori usuranti
Articolo 52 – Fondo per il pubblico impiego
Articolo 58 – Efficientamento della spesa del Servizio Sanitario Nazionale
Articolo 59 – Disposizioni in materia di assistenza sanitaria
Articolo 60 – Misure di efficientamento della spesa per acquisti

leggi il testo del ddl
leggi la relazione tecnica

02 novembre 2016

Accertamento della rappresentatività: Anaao al primo posto nella Sanità con il 23,38%

Il 26 ottobre scorso, il Collegio di indirizzo e controllo dell’ARAN ha deliberato l’accertamento della rappresentatività sindacale per il triennio  2016-2018, che tiene conto dei mutamenti associativi effettuati dalle organizzazioni sindacai operanti nei comparti “Funzioni centrali” ed “Istruzione e ricerca” e nelle relative aree dirigenziali, ai sensi degli articoli 9 e 11 del CCNQ del 13 luglio 2016.
La tabella che vede l'Anaao al primo posto nella sanità.

scarica la tabella

PREMESSA ARAN
Formato il quadro della rappresentatività sindacale nella Pa per il triennio 2016-2018 ma resta ancora sospesa la ratifica per alcune nuove aggregazioni associative.E per il comparto sanità, l'Anaao è in testa col 23,38% di rappresentatività. L'Aran ha deliberato le tabelle di accertamento tenendo conto dei mutamenti associativi derivanti dal Contratto collettivo nazionale del 13 luglio scorso che ha dato la possibilità alle organizzazioni sindacali operanti nei comparti «Funzioni centrali» e «Istruzione e ricerca» e nelle relative aree dirigenziali di effettuare, entro un mese dalla firma dell'accordo, nuove aggregazioni o fusioni. Il nuovo elenco è dunque aggiornato alle trasformazioni associative ma ammette con riserva le organizzazioni sindacali che pur avendo dato vita a nuove aggregazioni «non hanno ancora presentato la documentazione attestante la ratifica da parte degli organismi statutariamente preposti». Per sciogliere la riserva le organizzazioni sindacali dovranno inviare i documenti di ratifica entro il termine perentorio del 31 dicembre 2017.
La lista sostituisce quella pubblicata all'indomani della firma del nuovo contratto: i dati avevano infatti carattere provvisorio proprio perché comparti e aree «Funzioni centrali» e «Istruzione e ricerca» erano stati modificati «in modo incisivo» (si veda l'articolo pubblicato sul Quotidiano degli enti locali e della Pa del 18 luglio 2016).

Gli articoli 9 e 11 del Contratto collettivo nazionale quadro del 13 luglio 2016, che ha ridotto da 11 a 4 i comparti e le aree dirigenziali, ha previsto che le organizzazioni sindacali di «Funzioni centrali» e «Istruzione e ricerca» potessero entro un mese dalla sottoscrizione «dar vita, mediante fusione, affiliazione o in altra forma, ad una nuova aggregazione associativa cui imputare le deleghe delle quali risultino titolari, purché il nuovo soggetto succeda effettivamente nella titolarità delle deleghe che ad esso vengono imputate». Inoltre è stato consentito alle organizzazioni sindacali che si sono avvalse di queste disposizioni di modificare la Confederazione di riferimento.

In base all'articolo 43 del Dlgs 165/2001 possono partecipare alla contrattazione collettiva nazionale le organizzazioni sindacali che hanno ottenuto una rappresentatività non inferiore al 5% «considerando la media tra il dato associativo e il dato elettorale». Ma il nuovo contratto ha dato la possibilità «in via eccezionale» ai sindacati dei nuovi comparti o aree che hanno deciso di avviare le nuove aggregazioni di sommare oltre alle deleghe anche «i voti ottenuti singolarmente nelle elezioni delle Rsu del 3-5 marzo 2015. Conseguentemente le Rsu elette restano in carica fino alla naturale scadenza delle stesse».
Il nuovo accertamento riporta degli asterischi che indicano le aggregazioni in “sospeso” ovvero quelle organizzazioni sindacali o confederazioni che pur avendo adottato e trasmesso all'Aran tutti gli atti necessari ad accertare l'avvenuta fusione non hanno ancora perfezionato la ratifica da parte degli organismi statutariamente preposti da inviare entro il termine perentorio del 31 dicembre 2017. 

Le ammissioni con “riserva” sono contraddistinte nell'elenco con un asterisco (*) quando in caso di mancata ratifica dei mutamenti associativi effettuati l'organizzazione o una confederazione potrebbe perdere, con riguardo al singolo ambito, il requisito della rappresentatività. Due asterischi (**) indicano invece che, sempre in mancanza della ratifica, l'organizzazione rimarrebbe comunque rappresentativa ma con una percentuale di rappresentatività inferiore.

28 ottobre 2016

Chiusura uffici Anaao Nazionale 31 ottobre

In occasione della festività di Ognissanti, gli uffici della Segreteria Nazionale e dell'Ufficio Stampa di Roma e del Dipartimento Amministrativo di Milano rimarranno chiusi il 31 ottobre.
Riapriranno mercoledi 2 novembre con i consueti orari.

24 ottobre 2016

FONDAZIONE PIETRO PACI. Ripartono i corsi sul rischio clinico.

Il 21 novembre a Verona. Il programma completo sul sito della Fondazione.
Guarda il video

21 ottobre 2016

Ecco l'iter della legge di Bilancio 2017

lavoce.info illustra nella newsletter la tempistica della legge di Bilancio che sarà presentata alle Camere lunedi 24 ottobre.

18 ottobre 2016

LEGGE DI BILANCIO 2017: il giudizio dei medici, veterinari e dirigenti. Conferenza stampa mercoledi 19 ottobre

Domani presso la sede Enpam di via Torino 38 a Roma, i sindacati della dirigenza medica sanitaria e veterinaria illustreranno la loro posizione sulle misure previste dalla legge di bilancio.

Parteciperanno i segretari nazionali di ANAAO ASSOMED – CIMO – AAROI-EMAC – FP CGIL MEDICI E DIRIGENTI SANITARI - FVM – FASSID (AIPAC-AUPI-SIMET-SINAFO-SNR) – CISL MEDICI – FESMED – ANPO-ASCOTI-FIALS MEDICI – UIL FPL MEDICI.

12 ottobre 2016

Renzi: riapriamo i concorsi per Carabinieri e sanità

Nell'intervista a Politics il premier ha annunciato che per due categorie, forze dell'ordine e personale medico, si faranno concorsi veri.

"Abbiamo messo regole di turn over molto dure negli uffici delle burocrazie romane per cui non possiamo assumerne uno fino a che non vanno in pensione quattro lavoratori. Ma su due categorie, forze dell'ordine e personale medico, faremo dei concorsi veri, sacrosanti, in modo che si possano avere più Carabinieri sulle strade e più personale sanitario. Perché in queste categorie non possiamo permetterci di avere lavoratori troppo avanti con gli anni". 

11 ottobre 2016

PRECARI DELLA RICERCA: prorogare i rapporti in scadenza. Lettera Anaao al Ministro Lorenzin

In attesa della legge di stabilità che dovrebbe stabilizzare il personale precario della ricerca, è necessario garantire la proroga dei rapporti in essere. Da qui la richiesta dell'Associazione al Ministro Lorenzin di emanare le opportune direttive agli Irccs.

07 ottobre 2016

La mia vita in pronto soccorso. Il racconto di un medico tra passione e frustrazione. GUARDA IL VIDEO

In questo video realizzato dall'Anaao Assomed la testimonianza di una giornata di lavoro di un medico di pronto soccorso 

06 ottobre 2016

LEGGE DI STABILITA' 2017. INVESTIRE NEL SSN E NEL CONTRATTO DI LAVORO. L'appello dei medici, veterinari e dirigenti sanitari a Governo e Regioni

Nella lettera inviata oggi al Presidente del Consiglio e al Sottosegretario alla Presidenza, ai Ministri della Salute e della Funzione pubblica e al Coordinatore delle Regioni le richieste della categoria. "In caso di mancate o non soddisfacenti risposte nella legge di stabilità, daremo vita, dopo aver già dichiarato lo stato di agitazione, ad iniziative di informazione e sensibilizzazione di tutto il personale della sanità e dei cittadini, spiegando loro quanto fallimentari siano le scelte politiche riguardanti il SSN ed i loro destini, finalizzate alla mobilitazione sociale e a una o più giornate di sciopero nazionale."

05 ottobre 2016

INTRAMOENIA. Relazione al Parlamento 2016 (dati 2014)

Leggi la relazione sulla libera professione intramuraria, del Ministero della Salute.

26 settembre 2016

ORARIO DI LAVORO EUROPEO: il governo impugna la legge della Basilicata

Il Cdm di venerdi 23 settembre ha deliberato di impugnare la legge della regione perchè in contrasto con la normativa europea sull'orario di lavoro.

22 settembre 2016

“Progettiamo il futuro”: il documento di “Rimini” approvato dal Consiglio nazionale della Fnomceo

Dieci punti per una revisione della Governance in Sanità; sei ambiti di assunzione di responsabilità della Fnomceo a livello istituzionale; otto direttrici di azione politica; altrettante linee di impegno dei singoli Ordini nei confronti dei Cittadini, della Professione, degli Iscritti. Il documento

È questa la struttura del Documento “Progettiamo il futuro”, una vera e propria Dichiarazione programmatica per lo Sviluppo della Professione che, partendo dalle risultanze della III Conferenza Nazionale della Professione Medica e Odontoiatrica di Rimini, e dopo un complesso lavoro di revisione e implementazione, disegna, in maniera organica e articolata, le rotte, le strategie, gli impegni dei prossimi anni.

Il Documento è stato presentato in tutti i suoi aspetti a Bari il 16 settembre scorso e, dopo ampio dibattito, approvato all’unanimità dal Consiglio Nazionale Fnomceo.

leggi il documento

19 settembre 2016

L'ANAAO AL FORUM DELLA SOSTENIBILITÀ E OPPORTUNITÀ NEL SETTORE DELLA SALUTE - Stazione Leopolda Firenze 23-24 settembre 2016.

Il Segretario Nazionale Anaao Assomed parteciperà alla sessione di venerdi 23 settembre. Il programma e le modalità di iscrizione.

16 settembre 2016

FIRMATO IL DECRETO PER LE SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE AD ACCESSO PLURICATEGORIALE

Dopo anni di blocco si riaprono gli accessi alla formazione specialistica grazie all'azione dell'Anaao Assomed - commenta Alberto Spanò, Responsabile Nazionale Settore Dirigenza Sanitaria dell'Anaao Assomed - impegnata in una vertenza complessa e difficile che si è risolta anche per la modifica legislativa che il sindacato ha patrocinato e che ha reso possibile la ripresa dell’iter.

Dopo un blocco poliennale delle scuole di specializzazione di patologia e biochimica clinica, di microbiologia e virologia, di genetica medica, di fisica sanitaria, di scienze dell’alimentazione e di farmacologia e tossicologia, che ha pregiudicato le scelte ed il futuro di migliaia di laureati magistrali, e dopo un anno e mezzo dal Decreto relativo agli ordinamenti didattici delle scuole aperte ai medici, il Ministro della Salute, dopo la firma del Ministro dell’Università, ha finalmente firmato il Decreto che reca i nuovi ordinamenti didattici delle scuole ad accesso pluricategoriale, peraltro sovrapponibili per contenuti e modalità a quanto previsto per le stesse scuole nel primo decreto varato ad inizio 2015. Si tratta di un evento di grande rilievo, che restituisce le prospettive di formazione e dei carriera alle categorie interessate, che segue ad un vero e proprio calvario del percorso istituzionale, caratterizzato da lunghi ritardi immotivati e probabilmente dovuti ad interventi tendenti a danneggiare in modo irreversibile il ruolo e le prospettive di intere categorie fondamentali per il SSN.

La risoluzione del problema, caratterizzato da interventi diretti del C.U.N. e dei Ministeri coinvolti, ha visto l’Anaao Assomed impegnata in una vertenza complessa e difficile che si è risolta anche per la modifica legislativa che il sindacato ha patrocinato e che ha reso possibile la ripresa dell’iter, nelle more della prevista successiva definizione delle modalità di erogazione delle borse di studio per la formazione secondo modalità specifiche per le categorie interessate al percorso formativo. In tal seno l’impegno delle forze parlamentari, sollecitato dal sindacato, è stato determinante, ancorchè costellato di rigurgiti corporativi insostenibili da parte di singole categorie che per anni hanno ignorato il problema della formazione e del trattamento degli specializzandi.

Oggi si apre un nuovo scenario che potrà consentire agli Atenei di predisporre i nuovi bandi di accesso alle scuole in tempo per l’avvio dell’anno accademico 2016/2017, consentendo un ripresa degli accessi che tenga altresì conto del lunghissimo blocco, che in alcune regioni, è stato di oltre cinque anni e che ha anche prodotto un lungo contenzioso sviluppato da Anaao Assomed e risolto, almeno sul piano formale, dal Consiglio di Stato nel 2013.
Il Sindacato resterà comunque impegnato nel monitoraggio delle condizioni di ripresa delle formazione e nell’avvio del confronto relativo alla previsione delle borse di studio.

di Alberto Spanò - Responsabile Nazionale Settore Dirigenza sanitaria

Il testo sarà pubblicato non appena disponibile.

07 settembre 2016

Atti di indirizzo, fumata grigia del Comitato di settore. Garavaglia: «Risposta al Mef nel prossimo incontro» - SANITA'24

Obiettivo delle Regioni è quello di chiudere la partita al massimo entro fine mese. E per evitare confronti estenuanti con il ministero dell’Economia, a colpi di lettere e contro-lettere l’idea è quella di avviare nei prossimi giorni un confronto informale con i tecnici del Mef per concordare una versione accettabile del documento, in modo da procedere speditamente all’approvazione del testo da parte del Comitato di settore di giovedì prossimo.

di Ro. M.

Fumata grigia dal Comitato di settore Regioni Sanità sulle risposte alle osservazioni del Mef in merito agli atti di indirizzo per il rinnovo del contratto 2016-2018 relativo al personale dei diversi livelli e alla dirigenza, medica, veterinaria e sanitaria. La definizione del documento è rimandata al prossimo Comitato di settore, che dovrebbe essere giovedì prossimo, ma la data è ancora da confermare.

«Dopo il lavoro avviato positivamente nelle scorse settimane - ha dichiarato l'assessore Massimo Garavaglia che ha presieduto oggi il Comitato di settore - oggi abbiamo proseguito il confronto sull'atto di indirizzo per il personale del comparto sanitario e per la dirigenza medica, veterinaria e sanitaria. In particolare ci siamo confrontati sulle osservazioni formulate dal Ministero dell'Economia e abbiamo condiviso le risposte da fornire. Torneremo però ad incontrarci la prossima settimana per concludere il lavoro. Faremo altri approfondimenti tecnici – ha concluso Garavaglia - e spero già che in occasione del prossimo incontro potremo inviare al dicastero le risposte puntuali e definitive».

Obiettivo delle Regioni è quello di chiudere la partita al massimo entro fine mese. E per evitare confronti estenuanti con il ministero dell’Economia, a colpi di lettere e contro-lettere l’idea è quella di avviare nei prossimi giorni un confronto informale con i tecnici del Mef per concordare una versione accettabile del documento, in modo da procedere speditamente all’approvazione del testo da parte del Comitato di settore di giovedì prossimo.

02 settembre 2016

L'autunno caldo del precariato medico e sanitario

Eleonora Albanese, componente dell'Esecutivo Nazionale Anaao Assomed, propone alcune riflessioni sul tema del precariato rilanciando l'impegno del sindacato ad avviare una vertenza nazionale per contrastare il tentativo di penalizzare, anche attraverso la precarizzazione permanente, il lavoro medico.

Dopo una lunga fase di confronto nelle sedi regionali sulle modalità applicative del DPCM 6 Marzo 2015 per i precari con rapporto a tempo determinato, e della Legge di Stabilità 2016 con i concorsi riservati comprensivi dei rapporti atipici, si apre nella prossima fase autunnale una nuova fase vertenziale, per certi aspetti più complessa, finalizzata ad ottenere dalle Regioni e dalle Aziende l’avvio delle procedure assunzionali.

Ben poco infatti è avvenuto sino ad oggi, tranne rari casi, e non vanno sottovalutate le difficoltà legate alle inerzie degli Enti che troppo spesso hanno disatteso precise disposizioni normative per svariati motivi. E’ per questi motivi e per la gravità che caratterizza la situazione dei precari medici e sanitari, per molti aspetti più grave di quella di altri settori e comparti, che dovremo aprire una vertenza strutturata ed articolata, a partire dal livello nazionale, per la ricerca di ulteriori norme di sostegno anche nello scenario del nuovo contratto, quindi a livello delle Regioni, con la stipula di protocolli cogenti che garantiscano l’avvio della concorsualità ai diversi livelli, e quindi a livello delle Aziende che vanno obbligate ad adottare le procedure.

L’impegno del Sindacato nella vertenza del precariato medico e sanitario costituisce certamente uno dei pilastri del confronto sindacato governo e sindacato istituzioni per eliminare uno dei punti più caldi dello scenario di crisi, costituito dal diffuso tentativo di penalizzazione, anche attraverso la precarizzazione permanente, del lavoro medico.
Eleonora Albanese (Esecutivo Nazionale Anaao Assomed)

01 settembre 2016

L'Anaao partecipa al cordoglio per la scomparsa di Roberto Lala

Il Segretario Nazionale dell'Anaao Assomed esprime il cordoglio suo e dell'Associazione tutta, alla famiglia, ai colleghi del Sumai e dell'Ordine dei medici di Roma per la immatura scomparsa del Dott. Roberto Lala, ricordando l'impegno e la passione con cui per molti anni ha difeso diritti e ruolo dei medici italiani.

31 agosto 2016

Ospedali nelle zone a rischio, servirebbero 4 miliardi - IL SOLE 24 ORE

Nel 2009 il Welfare stimava i costi di una messa a norma che raramente è andata oltre il lifting: 30 milioni per tutta l’Italia.
La fotografia è quella di un patrimonio vecchio: il 35% delle strutture ospedaliere è sorto prima del 1940 e un altro 40% tra il 1940 e il 1940.

31 agosto 2016

Nuovi contratti, il 7 settembre la risposta al Mef del Comitato di settore Regioni-Sanità - SANITA'24

Il presidente del Comitato di settore Regioni-Sanità Massimo Garavaglia ha convocato per il 7 settembre il Comitato di settore. All’ordine del giorno la formulazione di una risposta da parte delle Regioni alle osservazioni del Ministero dell’economia sugli atti di indirizzo per il rinnovo del contratto 2016-2018 relativi al personale dei diversi livelli e alla dirigenza, medica, veterinaria e sanitaria. Il Mef nei giorni scorsi - anche se non è ancora pronto un documento ufficiale - ha frenato le Regioni sugli eventuali impegni di spesa per finanziare progressioni di carriera e contratti innovativi in nome delle incompatibilità economiche. Garavaglia fa sapere di voler chiudere la questione in tempi brevi, entro la stessa giornata del 7 o al massimo per metà settembre.

30 agosto 2016

Nuovi Lea, contratti, Governance del farmaco, riforma Ordini e responsabilità professionale. E poi Referendum e legge di Bilancio. Tutti i ‘nodi’ da sciogliere nei prossimi mesi. Ecco l’agenda - QUOTIDIANO SANITÀ

Con il riavvio dell'attività politica e istituzionale dopo la pausa estiva si riaccendono i riflettori su molte partite ancora aperte per la sanità. Ma la massima attenzione è ovviamente sul referendum e la legge di Bilancio che potrebbero segnare il destino del Governo Renzi impegnato anche nella difficilissima gestione del post terremoto. Ecco l'agenda che vedrà impegnati nei prossimi mesi Parlamento, Governo, Sindacati e stakeholder del sistema sanità.

26 agosto 2016

Dirigenza Pa. Addio al posto a vita. Ma norme non riguardano medici e sanitari. Ok dal Cdm - QUOTIDIANO SANITA'

Primo via libera ieri sera dal Governo al dlgs previsto dalla Riforma Madia. Alla dirigenza si accederà per corso-concorso o per concorso. Le graduatorie finali saranno limitate ai vincitori e non comprendono gli idonei. Gli incarichi dirigenziali avranno invece durata di 4 anni e potranno essere rinnovati per altri 2. Chi non centra gli obiettivi rischia di perdere fino al 40% della retribuzione.

Leggi il testo del Dlgs

Primo semaforo verde dal Cdm al Decreto legislativo previsto dalla Riforma della Pa che contiene le nuove norme per la dirigenza pubblica. In sostanza viene un mercato unico degli incarichi, con paletti precisi per la durata di ciascun mandato (4 anni rinnovabili per altri 2) e uno stretto collegamento tra obiettivi e stipendio. 
 
“Un nuovo modello di dirigenza pubblica, che insiste sul premio di risultato anziché sulla posizione”. Ha detto il premier Matteo Renzi parlando a palazzo Chigi dopo il Cdm che ha approvato il decreto Madia. Il premier ha sottolineato come nel decreto si investa in "formazione", perché non servono "solo ottime professionalità ma un sistema con uno scheletro forte di presenze".
 
Nello specifico, il sistema della dirigenza è costituito dal ruolo dei dirigenti statali, dal ruolo dei dirigenti regionali e dal ruolo dei dirigenti locali. Ogni dirigente può ricoprire qualsiasi ruolo dirigenziale; la qualifica dirigenziale è infatti unica. Ma le norme non riguarderanno la dirgenza medica, veterinaria e sanitaria degli Enti del Ssn. "Il presente decreto - si legge nel testo - non si applica ai dirigenti scolastici, né ai dirigenti medici, veterinari e sanitari del Servizio sanitario nazionale, per i quali rimane ferma la vigente disciplina". Le misure varranno invece per la dirigenza amministrativa, professionale e tecnica del Servizio sanitario nazionale. 
 
Alla dirigenza si accede per corso-concorso o per concorso. Le graduatorie finali sono limitate ai vincitori e non comprendono gli idonei. La Scuola nazionale dell’amministrazione (Sna) è trasformata in Agenzia senza maggiori o nuovi oneri per la finanza pubblica, è sottoposta alla vigilanza della Presidenza del Consiglio dei ministri, svolge funzione di reclutamento e formazione del personale della PA. Ha come obiettivo quello di assicurare una formazione omogenea della dirigenza.
 
Presso il Dipartimento della funzione pubblica è istituita la Commissione per la dirigenza statale (analogamente è istituita anche la Commissione per la dirigenza regionale e la Commissione per la dirigenza locale). La Commissione, costituita entro 90 giorni dall’entrata in vigore del decreto, opera in piena autonomia e con indipendenza di giudizio e di valutazione. In particolare, preseleziona i candidati ai fini del conferimento degli incarichi dirigenziali generali ed effettua la valutazione ex post delle scelte effettuate dalle amministrazioni per altri incarichi.
 
Gli incarichi dirigenziali hanno durata di 4 anni e possono essere rinnovati per altri 2 nel caso di valutazione positiva o per il periodo necessario al completamento delle procedure per il conferimento del nuovo incarico. I dirigenti privi di incarico, concluso il mandato, devono partecipare ad almeno 5 interpelli all’anno; in assenza di incarico, il primo anno percepiscono il trattamento economico fondamentale e il secondo anno lo stesso decurtato di un terzo.
 
Successivamente il Dipartimento della funzione pubblica li può collocare d’ufficio in posti vacanti. Il dirigente a cui è revocato l’incarico per inadempienza ha un anno di tempo per avere un nuovo incarico altrimenti scatta la licenziabilità. Secondo quanto si apprende chi non centra gli obiettivi rischia di perdere un'abbondante quota della retribuzione.

“Il trattamento economico accessorio complessivo deve costituire almeno il 50 per cento della retribuzione complessiva del dirigente, e la parte di tale trattamento collegata ai risultati deve costituire almeno il 30 per cento della predetta retribuzione complessiva. Per i dirigenti titolari di incarichi dirigenziali generali, le predette percentuali devono costituire, rispettivamente, almeno il 60 e il 40 per cento della retribuzione complessiva come sopra determinata”.

Camere di commercio. Oltre al dlgs sulla dirigenza il Consiglio dei ministri, su proposta dei Ministri per la semplificazione e la pubblica amministrazione Maria Anna Madia e dello sviluppo economico Carlo Calenda ha approvato, in esame preliminare, il decreto legislativo recante attuazione della delega per il riordino delle funzioni e del finanziamento delle Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura.
 
Nello specifico, il provvedimento prevede un piano di razionalizzazione, in un’ottica di efficientamento, di efficacia e di riforma della governance delle Camere di commercio.

Più nel dettaglio, entro 180 giorni dall’entrata in vigore del decreto, il numero complessivo delle Camere si ridurrà dalle attuali 105 a non più di 60 nel rispetto dei seguenti vincoli direttivi: almeno una Camera di commercio per Regione; accorpamento delle Camere di commercio con meno di 75mila imprese iscritte.
 
Al fine di alleggerire i costi di funzionamento delle Camere, il decreto prevede 4 ulteriori azioni che riguardano: la riduzione del diritto annuale a carico delle imprese del 50%; la riduzione del 30% del numero dei consiglieri; la gratuità per tutti gli incarichi degli organi diversi dai collegi dei revisori; una razionalizzazione complessiva del sistema attraverso l’accorpamento di tutte le aziende speciali che svolgono compiti simili, la limitazione del numero delle Unioni regionali ed una nuova disciplina delle partecipazioni in portafoglio.

Il provvedimento introduce quindi maggiore chiarezza sui compiti delle Camere con l’obiettivo di focalizzarne l’attività su attività istituzionali evitando, al contempo, duplicazioni di responsabilità con altri enti pubblici.
 
Viene infine rafforzata la vigilanza del Ministero dello sviluppo economico, che attraverso un comitato indipendente di esperti valuterà le performance delle Camere di commercio.

Nell’ambito di questo piano complessivo di razionalizzazione organizzativa ricade anche la rideterminazione delle dotazioni organiche di personale dipendente delle Camere di commercio con possibilità di realizzare processi di mobilità tra le medesime Camere e definizione dei criteri di ricollocazione presso altre amministrazioni pubbliche.
 
Enti di Ricerca. Inoltre, il Consiglio dei ministri, su proposta dei Ministri per la semplificazione e la pubblica amministrazione Maria Anna Madia e dell’istruzione, università e ricerca Stefania Giannini, ha approvato, in esame preliminare, un decreto legislativo recante norme di semplificazione delle attività degli enti pubblici di ricerca.
 
Nello specifico, per la prima volta gli Enti pubblici di ricerca (Epr) avranno un riferimento normativo comune, che elimina molti dei vincoli gestionali previsti per la PA. Un sistema di regole più snello e più appropriato alle esigenze del settore. Il decreto prevede autonomia gestionale e statutaria per gli Enti, il recepimento della Carta europea dei ricercatori e più libertà nelle assunzioni dei ricercatori. Come accade già per le Università, gli Enti che hanno risorse per farlo potranno assumere liberamente entro il limite dell’80% del proprio bilancio. L’unico vincolo sarà il rispetto del budget.

25 agosto 2016

Piano Anticorruzione 2016

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Piano nazionale Anticorruzione 2016 deliberato lo scorso 3 agosto.

24 agosto 2016

TERREMOTO nell’Italia centrale. Ad Amatrice va giù anche l’ospedale. Ma in Italia le strutture ospedaliere a rischio sono almeno 500 - QUOTIDIANO SANITA'

Il terribile sisma, che ha scosso questa notte molte località a cavallo tra Lazio, Umbria, Marche e Abruzzo, ha messo in evidenza ancora una volta come i nostri ospedali siano a rischio. Del resto solo l’8 per cento di tutti gli edifici ospedalieri italiani è stato progettato dopo il 1983, quando fu adottata la normativa antisismica per la costruzione di edifici.

24 agosto 2016

TERREMOTO: la solidarietà dell'Anaao Assomed

L'Anaao Assomed esprime solidarietà e vicinanza alle popolazioni colpite dal sisma di questa notte e ai colleghi tutti che in queste ore, con il loro straordinario lavoro, stanno garantendo il massimo impegno nelle opere di soccorso.
L'Associazione è a disposizione dei colleghi impegnati sul territorio per far fronte alle necessità che vorranno segnalare.
 

23 agosto 2016

Contratti Pa. Dal Mef ‘semaforo giallo’ agli Atti d’indirizzo di Comparto e Dirigenza medica. “Per ora mancano di compatibilità economica” - QUOTIDIANO SANITA'

Il Ministero dell’Economia evidenzia che i testi “così come formulati non possono essere valutati positivamente sotto il profilo della compatibilità economica”. Dubbi sull’Area delle professioni socio-sanitarie e sulle risorse per il nuovo profilo di carriera della dirigenza. Ok al ‘professionista specialista'. Ma dal Comitato di Settore non fanno drammi e già nelle prossime settimane saranno pronte le risposte alle osservazioni del Mef.

03 agosto 2016

ATLANTE 2: l'Enpam rinuncia

Riceviamo e pubblichiamo la lettera del Presidente ADEPP inviata alle organizzazioni sindacali mediche 

Alle Organizzazioni sindacali mediche e odontoiatriche


Cari colleghi, 

in questi giorni i media hanno dedicato ampio spazio alla vicenda di Atlante2 e all’eventualità di una partecipazione all’iniziativa da parte degli enti previdenziali privati. 

La posizione dell’Enpam, limpida e trasparente sin dall’inizio, è stata condivisa con gli organi di amministrazione e controllo della Fondazione e con i vertici delle altre Casse. Un’ampia informativa è stata data ai componenti dell’Assemblea nazionale Enpam. 

Considero doveroso da parte mia rivolgermi a voi per comunicarvi quanto è accaduto e le ragioni che hanno guidato le nostre scelte. 

Il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, insieme al ministro dell’Economia e delle finanze, Pier Carlo Padoan, e al sottosegretario alla Presidenza del consiglio, Claudio De Vincenti, hanno convocato il Presidente e i vice Presidenti di Adepp lo scorso 21 luglio. Durante l’incontro è stato chiesto l’impegno a sostenere il sistema Italia dal potenziale rischio bancario legato ai crediti deteriorati (NPL), specie del Monte dei Paschi di Siena, tramite un investimento di 500 milioni di euro. 

In quell’occasione, in qualità di presidente di Adepp, mi sono impegnato a convocare il prima possibile l’assemblea dell'Associazione e ho chiesto una circolare ministeriale che autorizzasse eventualmente questa tipologia di investimento, insieme a un comunicato politico di supporto. Su questi punti ho ricevuto la disponibilità di Renzi. 

Di tutto ciò ho dato comunicazione venerdì 22 luglio nel corso del Cda Enpam, durante il quale abbiamo sostanzialmente condiviso di continuare la trattativa politica. 

Lunedì 25 luglio l’assemblea di Adepp ha adottato una delibera di sostegno e di impegno politico all’iniziativa. Ve la riporto di seguito per maggiore comodità:
•    L’assemblea dell’Adepp sottolinea l’importanza di investire a sostegno del sistema Paese nel quale i professionisti operano e valuta con la massima attenzione l’investimento in Atlante2. Considerata la priorità del ruolo dei cda, del rispetto delle asset allocation e delle procedure nelle proprie politiche di investimento, nell’attesa di ricevere le proposte tecniche per le necessarie valutazioni sui rischi e sul rendimento nonché le formali direttive da parte dei ministeri vigilanti in materia di investimenti 
•    
•    DELIBERA 
•    
•    di sostenere l’iniziativa Atlante2. 

Risulta evidente un’assenza: nella delibera non è specificato né l’ammontare né la tempistica dell’investimento. Sarebbe stato impossibile, per una questione di metodo e una di merito. 

Dal punto di vista metodologico, infatti, non avremmo potuto procedere senza un’indicazione ministeriale che, nel ribadire la nostra natura privata, ci avesse esplicitamente autorizzato a fare quel tipo di operazione, qualificando i crediti deteriorati come un investimento a sostegno del Paese. Solo a quel punto saremmo potuti passare a una valutazione di merito, in cui i tecnici analizzando i dati dei business plan (a che prezzo comprare e cosa) avrebbero valutato gli indici di redditività di un’eventuale partecipazione. 

Oggi, nonostante gli impegni presi, non abbiamo ricevuto alcuna autorizzazione metodologica. E i tecnici Enpam ci dicono che ai valori di acquisto comunicati fino a questo momento (32% del valore nominale dei crediti, contro il 36% presente a bilancio del Monte dei Paschi) non può esistere un’aspettativa di redditività. 

Del resto è nostro dovere istituzionale procedere solo a investimenti che abbiano un rapporto tra rischio e rendimento atteso coerente con un profilo prudente e protettivo del capitale impiegato, nella consapevolezza però che se il mondo del lavoro va in difficoltà, è lo stesso flusso di contributi ad andare in crisi. Per cui riteniamo corretto procedere anche valutazioni di sistema e di professione. 

Finora sono mancate le condizioni per tradurre in atti pratici la nostra disponibilità dichiarata ad ascoltare le difficoltà del Paese, e di conseguenza non è stato convocato un Cda straordinario della Fondazione Enpam. Da parte nostra resta vigile l’attenzione verso lo stato di salute del sistema in cui prestano la propria opera i nostri iscritti, ma rimaniamo fermi nella nostra convinzione: non possiamo fare investimenti a fondo perduto perché nessun padre di famiglia assennato ne farebbe.

Cari saluti. 
Alberto Oliveti
 

29 luglio 2016

FONDO ATLANTE 2: la nota del Segretario Nazionale Anaao Assomed

"Credo di potere comunque assicurare, insieme con i rappresentanti delle OOSS rappresentate nel CdA, la massima vigilanza e l’impegno a non permettere che venga danneggiato il futuro previdenziale dei Medici dipendenti, per quanto marginale possa essere il loro coinvolgimento in ENPAM".

28 luglio 2016

PRECARI DELLA RICERCA: varata la stesura finale della proposta di legge

La norma che è stata costruita dovrà risolvere compiutamente la fase delle norme transitorie affinché agli attuali precari, di età media largamente superiore ai 40 anni, venga offerta una prospettiva di lavoro certa, adeguata sul piano economico e dei diritti, evitando rischi prospettici di ulteriore instabilità.

Il 27 luglio, a seguito dell’incontro presso il Ministero della Salute, è stata definitivamente varata la stesura finale, oggetto anche di confronto sindacale, della Proposta di Legge finalizzata alla stabilizzazione dei precari della ricerca biomedica. I contenuti previsti dal testo proposto accolgono larga parte delle richieste che l’Anaao Assomed in questi mesi ha elaborato e proposto. La proposta di legge sarà, fatti i passaggi di rito, inserita nella prossima legge di stabilità. La proposta approvata rappresenta una preliminare risposta ai gravi problemi di un’area da troppo tempo dimenticata, dove ogni forma di tutela del lavoro si è progressivamente dissolta lasciando il posto ad un sistema di sfruttamento capillare, indegno di un paese civile, che non ha nulla da invidiare alle altre forme di lavoro nero o caporalato che dir si voglia.  E’ forse per questa sin troppo lunga storia di degrado e di sfruttamento di un’area vasta di laureati, qualificati ed impegnati a livelli non inferiori ai ricercatori di altri paesi, che questi precari stanno reagendo con diffidenza e con molti dubbi alla preliminare ipotesi formulata dal Ministro della Salute agli Stati Generali della Ricerca. La proposta di legge emersa dal confronto tra Anaao Assomed e Ministero ha consentito però notevoli passi avanti nei contenuti definiti, tali da apparire adeguati ad affrontare la complessità di una situazione che va risolta con soluzioni serie, tali da superare completamente la situazione attuale.

La norma che è stata costruita dovrà risolvere compiutamente la fase delle norme transitorie affinché agli attuali precari, di età media largamente superiore ai 40 anni, venga offerta una prospettiva di lavoro certa, adeguata sul piano economico e dei diritti, evitando rischi prospettici di ulteriore instabilità.
La piramide del ministro non dovrà ridurre verticalmente la forza lavoro ma consolidarla, ancorché operando le verifiche di percorso previste.
La durata del percorso è stata sostanzialmente ridotta ad una base di dieci anni standard di percorso, tranne che per i periodi di ammortizzazione dei passaggi tra i livelli previsti. La decretazione delegata per concorsualità, profili, verifiche e valutazioni, deve essere pronta in tempi brevi, la collocazione degli attuali ricercatori nel nuovo contratto è auspicabile avvenga entro maggio-giugno del 2017, i nuovi concorsi di accesso potrebbero essere banditi a partire da giugno 2017.
Le modalità previste per le norme transitorie, ovvero la stabilizzazione degli attuali precari ricercatori, l’inserimento di essi in una apposita sezione del contratto della dirigenza medica e sanitaria, la garanzia di accesso al titolo di specializzazione (previsto per la stabilizzazione definitiva a tempo indeterminato) in soprannumero, il modello contrattuale, i criteri di valutazione, configurano nella formulazione ottenuta dall’Anaao Assomed soluzioni sostanzialmente soddisfacenti.
L’Anaao Assomed nell’esprimere apprezzamento al Ministero per la proposta finale, ha auspicato un iter rapido per il provvedimento, e ciò a prescindere dalle ipotesi di cambi di governo/nuove elezioni che potrebbero ulteriormente complicare il quadro.
L’Anaao Assomed, vero motore di questo processo di stabilizzazione dei ricercatori italiani del settore biomedico, ha ribadito che vigilerà e monitorerà i tempi delle fasi del processo avviato.

Eleonora Albanese (Componente Esecutivo Nazionale Anaao Assomed)
Alberto Spanò (Responsabile Nazionale Settore Dirigenza Sanitaria)

26 luglio 2016

IL MINISTRO MADIA CONVOCA LE CONFEDERAZIONI MARTEDI 26 LUGLIO

Il Ministro della PA Marianna Madia ha convocato le Confederazioni tra cui la Cosmed martedi 26 luglio alle 12.00 a Palazzo Vidoni. Ordine del giorno le "questioni connesse al lavoro pubblico".

 

22 luglio 2016

ORARIO LAVORO: la Fems scrive alla Commissione europea chiedendo di sollecitare ulteriormente il Governo italiano per l’applicazione della Direttiva europea

Lo scorso maggio la Commissione europea (DG EMPL / B2 / IV / SK) ha chiesto al Governo italiano informazioni sull’applicazione della direttiva europea 2003/88 / CE.
Nonostante la sollecitazione ricevuta, alla FEMS non risulta pervenuta nessuna risposta da parte delle autorità italiane e per questo ha scritto di nuovo alla Direzione Generale del Lavoro della Commissione europea per chiedere di intervenire contro il Governo italiano.
Leggi la lettera

Leggi la lettera della Commissione europea alle autorità nazionali italiane (maggio 2016)

Leggia la lettera che la FEMS ha inviato alla Commissione europea

20 luglio 2016

FOCUS PRECARIATO - Seconda puntata: la situazione in Emilia Romagna, Lazio e Sicilia

Prosegue su Dirigenza Medica (n. 6/2016) il focus sul precariato. Su questo numero le dichiarazioni di Sandro MACCHIA (Segretario Emilia Romagna), Guido COEN (Segretario Lazio), Pietro PATA (Segretario Sicilia) e Simona BONACCORSO (AG Sicilia)

14 luglio 2016

PENSIONI: la sentenza della Consulta sul contributo di solidarietà

Il contributo di solidarietà è stato imposto dalla crisi ma non può essere ripetitivo

14 luglio 2016

Sindacati. Anaao primo e in crescita per la dirigenza. Cgil al vertice del comparto Sanità ma perde quasi 7mila deleghe - QUOTIDIANO SANITA'

Pubblicati dall’Aran i primi dati relativi all’accertamento della rappresentatività sindacale per il triennio 2016-2018. Crescono le deleghe per l’Area sanità, mentre scendono quelle del comparto con grossi cali per Cgil, Cisl e Uil che in ogni caso occupano però sempre i primi tre gradini del podio. Ma i dati sono ancora provvisori. ACCERTAMENTO RAPPRESENTATIVITÀ SINDACALE 2016-2018

14 LUG - L’Aran ha proceduto all’accertamento della rappresentatività sindacale per il triennio 2016-2018. I dati sono ancora provvisori ma ciò che emerge con maggior forza è che gli iscritti nell’area della dirigenza medica, veterinaria e sanitaria gli iscritti aumentano dell’8% in controtendenza con i dati del 2013-2015che invece segnalavano un ‘abbandono’ del sindacato medico. Calano invece le deleghe per il comparto sanità.

Dirigenza medica 
In totale gli iscritti ai sindacati della dirigenza medica crescono dell’8%: erano 72.689 e ora sono 79.324. L’Anaao, resta comunque il maggior sindacato medico, e passa dalle 14.728 deleghe del 2013-2015 alle 18.542 e la sua rappresentatività passa dal 20,26% al 23,38%. 

La Cimo passa invece da 8.567 deleghe a 8.748 ma cala la sua rappresentatività passando dall’11,79% alll’11,03. Al terzo posto troviamo la Fassid che ha visto crescere le sue deleghe da 5.436 a 8.553 con una rappresentatività che sale dal 7,48% al  10,78%. 

Al quarto posto si trova invece l’Aaroi-Emac con 7.787 deleghe e il 9,82% di rappresentatività (aumentano deleghe ma scende rappresentatività). Stesso trend dell’Aaroi per la Cgil Medici (deleghe passano da 7.198 a 7.383 ma rappresentatività cala: dal 9,9% al 9,31%).

A seguire c’è FVM che vede scendere le deleghe (5.881 contro 5.999 e rappresentatività che era dell’8,25% ed ora del 7,41%). In discesa anche la Fesmed (4.680 deleghe contro le 5.106. E con rappresentatività che dal 7% scende al 5,9%). In discesa anche la Cisl medici che conta 4.617 deleghe contro le precedenti 5.378).
Cali anche per Anpo e Uil che sono gli ultimi sindacati a raggiungere la quota del 5% per potersi sedere al tavolo delle trattative.
 
Comparto Sanità.
Se per l’area della dirigenza medica le deleghe sono in crescita invece per il comparto Sanità esse scendono rispetto all’ultima rilevazione 2013-2015. Per il 2016-2018 le deleghe totali sono 275.913 contro le 278.810.
 
In testa si conferma la Fp Cgil con 67.461 deleghe e il 24,45% di rappresentatività Il numero però segnala un calo netto . Le deleghe Cgil nel 2013-2015 erano 74.270 e la rappresentatività era del 26,6%.
 
In seconda posizione si conferma la Cisl Fp con 66.070 deleghe e rappresentatività al 23,95%. Anche in questo caso il calo è vistoso. Nel 2013-2015 la Cisl Fp contava 71.566 deleghe e rappresentatività al 25,67%.
 
Al terzo posto c’è la Uil Fpl con 48.903 deleghe per il 2016-2018 e una rappresentatività al 17,72%. Anche la Uil fa segnare numeri in discesa (le deleghe nel 2013-2015 erano 46.915).
 
Al quarto posto si trova la Fials con 26.195 deleghe, (poco meno delle 26.401 deleghe del 2013-2015).
 
Sale al quinto posto il Nursind che invece in controtendenza cresce di molto le sue deleghe che nel 2016-2018 sono 19.864 contro le 14.809 della precedente rilevazione.
 
Scende al sesto posto la FSI che aumenta però anche lei le deleghe che arrivano  a 16.177. In crescita anche il Nursing up.
 
Accertamento è però provvisorio. L'articolo 9 del CCNQ per la definizione dei comparti di contrattazione e delle relative aree dirigenziali sottoscritto il 13 luglio 2016 prevede che, entro trenta giorni dalla firma dello stesso, le Organizzazioni sindacali del Comparto Funzioni Centrali, del Comparto Istruzione e ricerca, dell'Area Funzioni centrali e dell'Area Istruzione e ricerca possono dare vita a nuove aggregazioni associative cui imputare le deleghe delle quali risultino titolari, purché il nuovo soggetto succeda effettivamente nella titolarità delle deleghe che ad esso vengono imputate. Inoltre, l'art. 11 del medesimo contratto consente alle organizzazioni sindacali che si avvalgano della suddetta facoltà di modificare la Confederazione di riferimento. Pertanto, il presente accertamento della rappresentatività relativo al triennio 2016-2018 ha carattere provvisorio per i suddetti comparti ed aree, nonché per l'individuazione delle Confederazioni sindacali rappresentative ai sensi dell'art. 43, comma 4, del d.lgs. n. 165 del 2001.

L'accertamento definitivo sarà effettuato a seguito della verifica degli eventuali mutamenti associativi posti in essere dalle OO.SS. che si avvarranno delle citate facoltà di cui agli articoli 9 e 11 del CCNQ  13 luglio 2016.

12 luglio 2016

Il futuro dei medici dopo Brexit: la lettera del Presidente del General Medical Council

Anche se il ritiro dall’Europa avrà inevitabilmente conseguenze sul modo in cui regolamentiamo i medici, sappiamo che il voto a favore dell’uscita dall’UE non dovrebbe ripercuotersi sullo stato di registrazione dei medici non britannici già presenti sul registro. Ma al momento c'è una grande incertezza

Dear colleague,
       
This week’s BMA vote on the revised contract for doctors in training in England has confirmed that a great many of them continue to have concerns about the proposals, and the real depth of feeling of those involved.
   
The GMC recognises those concerns. However, I hope that all parties will seek to resolve outstanding issues through constructive discussion and without further disruption to patients. It is important that the UK Government continues to look at how they can improve the lives of doctors in training and I welcome in particular efforts to seek to end the gender pay gap in the medical profession. This dispute has highlighted a series of other deep-seated issues, such as gaps in rotas and the inflexible nature of the way doctors are trained, which require urgent attention – not just by governments across the UK, but by the profession itself and by those of us responsible for doctors’ education and training. 
   
There is much uncertainty just now. Following the other referendum vote, in favour of the UK leaving the EU, there is understandable anxiety among doctors and other healthcare staff who have come from other parts of the European Economic Area (the EU plus Iceland, Liechtenstein and Norway). Although withdrawing from Europe will inevitably have implications for the way we regulate doctors, we understand that the vote to leave the EU should not have any impact on the registration status of any doctor already on the register. 
   
We will also be seeking to address how in future doctors from the EEA will access the UK medical register, how we and other countries can share information about doctors to maintain the integrity of the register, and what the implications are for UK doctors who wish to work in Europe once the UK is no longer a member state.
   
The answers will of course depend on the outcome of the UK’s negotiations about our future relationship with the EU. However one thing is clear – doctors from the rest of Europe have made and continue to make a vital contribution to the UK’s health services and to the medical research for which this country is held in high esteem.
   
There are around 19,000 doctors from the EEA working in the UK, around 8% of doctors licensed to practise here. 
   
Our priority, as ever, will be to make sure that we can provide robust protection to UK patients and accurate, helpful and up to date information for doctors. We will keep you updated as matters develop, and we will work with you to make sure this profession remains one of which we can all be proud.
    
Yours faithfully,
 

Professor Terence Stephenson

DM, FRCPCH, FRCP, FRACP, FRCPI, FRCS, FHKAP, FRCGP, 
FRCA, FCAI, FRCS Edin, FRCOG, FAcadMEd, FRCP Edin

Chair, General Medical Council

05 luglio 2016

In ricordo del prof. Giancarlo Berni

Come componente del Consiglio Nazionale e della Commissione Nazionale per i rapporti fra SSN e Università dell'Anaao Assomed ha collaborato attivamente con il nostro sindacato nello sviluppo del dibattito su questi temi ed è stato fra i primi a tratteggiare la nascita di una nuova realtà dalle Aziende Miste: quella dell’Ospedale d’Insegnamento e della rete formativa, svincolata dalla facile auto referenzialità, fondata invece sull’ottimale organizzazione dei servizi sanitari e sui migliori livelli della ricerca e della formazione.

Il 20 giugno ci ha lasciato il prof. Giancarlo Berni. Lo ha fatto, circondato dall’affetto e dal dolore dei suoi allievi, nella sua creatura, il Pronto Soccorso del suo Ospedale “Careggi” di Firenze nel quale ha fondato la scuola di Medicina e Chirurgia di Accettazione e di Urgenza, e trasformato la cultura e l’organizzazione di questo fondamentale nodo dell’assistenza del SSN.

E’ stato uno dei più importanti esponenti della medicina toscana, e il “maestro” di tanti medici che ricoprono vari incarichi nelle medicine interne e nei pronto soccorso degli ospedali di questa regione. Nonostante questa sua indubbia capacità di fare scuola e la sua libera docenza in patologia medica il professor Berni è sempre rimasto strettamente coerente con la sua essenza di “medico ospedaliero”. Per oltre 20 anni ha rappresentato la colonna portante dei medici ospedalieri nell’antica sfida fra la parte accademica e e quella sanitaria dell’azienda Mista, sostenitore della paritetica importanza del ruolo del medico ospedaliero con quello proprio del medico universitario, e quindi della necessità di una modifica delle assetti legislativi che vincolano i rapporti fra SSN e Università immaginandola non più penalizzate per il ruolo e le aspettative di carriera per i medici ospedalieri.

Come componente del Consiglio Nazionale e della Commissione Nazionale per i rapporti fra SSN e Università dell'Anaao Assomed ha collaborato attivamente con il nostro sindacato nello sviluppo del dibattito su questi temi ed è stato fra i primi a tratteggiare la nascita di una nuova realtà dalle Aziende Miste: quella dell’Ospedale d’Insegnamento e della rete formativa, svincolata dalla facile auto referenzialità, fondata invece sull’ottimale organizzazione dei servizi sanitari e sui migliori livelli della ricerca e della formazione.

 A lui il nostro commosso e grato ricordo, a noi il compito portare avanti il suo raccogliere il testimone di questa lunga militanza.

 

01 luglio 2016

ELEZIONI ONAOSI. Zucchelli: gli elettori confermano la fiducia all'amministrazione uscente.

Dichiarazioni di Serafino Zucchelli, capolista di UNITI PER IL FUTURO DELL’ONAOSI DI TUTTI, la LISTA N. 1.

“Piena affermazione delle liste intersindacali nelle elezioni per il rinnovo del Comitato di indirizzo ONAOSI per il prossimo quinquennio 2016-2021”. Questo il commento di Serafino Zucchelli capolista di UNITI PER IL FUTURO DELL’ONAOSI DI TUTTI, la LISTA N. 1. “Con circa 2/3 dei voti validi gli elettori hanno confermato un’ampia maggioranza alle liste che hanno sostenuto l'Amministrazione nel quinquennio appena concluso”.

Con orgoglio Zucchelli elenca i risultati raggiunti: “É aumentato il numero dei voti a sostegno delle liste intersindacali nonché il numero complessivo dei votanti. E’ la conferma di un percorso comune avviato nel 2011 in seno al Comitato di indirizzo ed al Consiglio di Amministrazione, che ha portato ONAOSI a raggiungere importanti obiettivi sia a livello assistenziale che economico-gestionale con un bilancio che assicura la solidità della Fondazione e dei suoi servizi agli orfani dei sanitari e dei colleghi in condizione di fragilità.

In questi ultimi anni, è stata ampliata l'offerta dei servizi, a sostegno degli orfani dei medici, veterinari e farmacisti ed odontoiatri con l'apertura di nuovi Collegi per studenti, nuovi servizi a favore delle famiglie con disabili, insieme con l'aumento dei contributi a domicilio di tutti gli assistiti.

Mettendo insieme l'orgoglio di contribuire alla crescita della più antica e nobile Fondazione italiana con il dovere morale di andare incontro alle esigenze dei propri contribuenti rinforzando la tradizione Perugina, ma estendendo ad altre parti d’Italia i propri servizi assistenziali”.

“Da oggi i componenti eletti in seno al Comitato di indirizzo, forti della consolidata esperienza acquisita nel corso di questi anni - conclude Zucchelli - perseguiranno con maggiore incisività gli obiettivi contenuti nel programma a cominciare dal varo definitivo del nuovo Statuto che consentirà un ulteriore ampliamento dei servizi e della platea di assistiti ed un potenziamento della rete assistenziale esistente”.

30 giugno 2016

Responsabilità professionale. Nuova formulazione per la responsabilità penale e civile. Ecco gli emendamenti del relatore Bianco - QUOTIDIANO SANITA'

Gli emendamenti 6.100 e 7.100 a firma del relatore Amedeo Bianco (Pd), sono volti al recepimento delle condizioni contenute nel parere della Commissione giustizia. In particolare, viene specificato che nei casi di omicidio colposo e lesioni personali colpose commessi nell'esercizio della professione sanitaria, la punibilità viene esclusa solo nei casi di imperizia, e qualora siano rispettate le linee guida.

leggi l'articolo

GLI EMENDAMENTI

29 giugno 2016

In occasione della festa Patronale del 29 giugno, gli uffici della Segreteria Nazionale Anaao Assomed di Roma e dell'Ufficio stampa rimarranno chiusi.

L'aggiornamento del sito riprenderà giovedi 30 giugno.

28 giugno 2016

Professioni sanitarie. Garavaglia (Regioni): “Contratto in tempi brevi. Strada è ‘professionista specialista’ e attuazione ‘Area socio-sanitaria’” - QUOTIDIANO SANITA'

Messaggio del Presidente del Comitato di Settore Regioni-Sanità Massimo Garavaglia, in cui entra nel merito della proposta di Atto di indirizzo per il rinnovo del  contratto del comparto del personale del SSN, che si sta elaborando con il consenso degli altri Assessori Regionali e del Sottosegretario alla Salute Vito De Filippo componenti il Comitato di Settore Regioni- Sanità.
 

24 giugno 2016

VISITA E METTI UN LIKE ALLE PAGINE ANAAO SU FACEBOOK!

Anaao Assomed, Anaao WebTV, Cosmed.....fai crescere la tua Associazione anche sui social

23 giugno 2016

PRECARI DELLA RICERCA: l’Anaao Assomed chiede soluzioni concrete e risposte immediate 

Nel secondo incontro tra Ministero della salute e sindacati si e delineata una ipotesi che accoglie le proposte dell'Anaao Assomed: i ricercatori degli IRCCS possano accedere, attraverso concorsi aperti a laureati magistrali in possesso di specializzazione o dottorato di ricerca, a contratti di dipendenza a tempo determinato “speciali”

Si è tenuto presso il Ministero Salute il secondo incontro formale tra Ministero e O.O.S.S. in materia di stabilizzazione dei precari della ricerca biomedica. 
Il Ministero ha illustrato con maggiore dettaglio la proposta che, dopo l’inserimento di una norma generale di delega nel DDL Stabilità 2017, sarà oggetto di perfezionamento anche sul versante contrattuale oltre che di normativa specifica. 

L’ipotesi che si va meglio delineando, anche grazie alle proposte di Anaao Assomed, prevede che i ricercatori degli IRCCS possano accedere, attraverso concorsi aperti a laureati magistrali in possesso di specializzazione o dottorato di ricerca, a contratti di dipendenza a tempo determinato “speciali”, a partire da una posizione di base, quindi senior, infine advanced, lungo un percorso di durata decennale prorogabile, scandito da verifiche di merito e risultati acquisiti nella ricerca valutati con metodologie obiettive definite dai direttori scientifici degli IRCCS. Su tale ambito l’Anaao Assomed ha richiesto che le modalità valutative siano tali da garantire da un lato una omogeneità dei criteri principali a livello nazionale, ma nello stesso tempo tali da rendere possibile ambiti valutativi specifici che siano regolati dal singolo IRCCS in base agli ambiti specifici della ricerca. Sul versante economico il trattamento si riferirà ai livelli economici attuali del comparto ricerca, articolati per ciascuna fascia di inquadramento, e sul punto l’Associazione ha invitato il Ministero ad effettuare un preciso monitoraggio dei trattamenti minimi e massimi oggi erogati, per consentire  fasce economiche incentivanti la nuova figura del ricercatore avuto riguardo anche al contesto sanitario in cui tale figura si trova ad operare, in condizioni di stretta interdipendenza con il personale dell’assistenza. 
Alla fine del percorso il ricercatore potrà entrare nell’organico dell’assistenza, se in possesso della specializzazione, o della ricerca. 

Sarà garantito l’accesso in soprannumero alle scuole di specialità per coloro che siano privi dl titolo e vogliano acquisirlo. Anche sul tema l’Anaao Assomed ha richiesto che l’eventuale accesso a tempo indeterminato alla ricerca sia garantito avvenga nello stesso istituto di appartenenza ovvero in altro ente che svolga attività di ricerca in ambiti assimilabili a quelli di afferenza del ricercatore. 

Per quanto attiene le norme transitorie di accesso degli attuali ricercatori la norma presentata prevederebbe il transito degli attuali precari alle diverse posizioni previste dall’impianto, in base ad anzianità e valutazione, secondo criteri omogenei con quelli previsti nel sistema a regime, dell’attività svolta e dei risultati ottenuti. Ai ricercatori accedenti al nuovo impianto di dipendenza saranno somministrati contratti di durata triennale o quinquennale a seconda della fascia di ingresso. Come requisito transitorio sarà prevista una anzianità almeno triennale in uno dei rapporti flessibili o atipici utilizzati dagli istituti. 

Il processo di stabilizzazione riguarderà anche il personale di supporto alla ricerca, per il quale l’Anaao Assomed ha richiesto un percorso di stabilizzazione con il contratto a tempo indeterminato, non superiore a tre anni di contratto a TD, con meccanismi e modalità simili a quelle previste per il personale sanitario e tecnico amministrativo del comparto. Il Ministero ha annunciato di prevedere una collocazione dei nuovi rapporti all’interno dei contratti del S.S.N. e, accogliendo una richiesta avanzata come irrinunciabile da Anaao Assomed, ha previsto una specifica sezione del contratta dell’Area della Dirigenza Sanitaria, per i ricercatori degli IRCCS e degli IZS. Sul versante degli Istituti Zooprofilattici Sperimentali l’Associazione ha evidenziato con forza la specificità di tali Enti dove prevale la ricerca corrente rispetto alla finalizzata, con volumi economici di gran lunga inferiori e l’attività di ricerca ha caratteristiche peculiari che escludono modalità valutative omogenee a quelle previste per gli IRCCS. Per tali Enti necessita secondo Anaao Assomed un finanziamento diretto del Ministero salute ad incremento della ricerca corrente. 
Il Ministero ha accolto con interesse le richieste dell’Associazione e si è riservato una risposta conclusiva entro fine luglio, garantendo comunque di aver accolto l’invito a rendere rapida la procedura di approvazione delle norme annunciate.

21 giugno 2016

Sulle pensioni la Consulta rinvia al 5 luglio - IL SOLE 24 ORE

E' attesa per questa data la pronuncia della Corte su perequazione e contributo di solidarietà

A data da destinarsi i vitalizi.

16 giugno 2016

LE "LEGGI SPECIALI" CONTRO I DIPENDENTI  DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Tutte le leggi degli ultimi 6 anni hanno previsto penalizzazioni specifiche per i dipendenti pubblici diventati bersaglio fisso. Il dipendente pubblico è diventato un cittadino di serie B: il diritto al lavoro, alla retribuzione, all'equità fiscale e le stesse norme costituzionali non si applicano integralmente ai dipendenti delle Pubbliche Amministrazione".

Ecco le "leggi speciali" contro i dipendenti pubblici scarica il documento in pdf 

16 giugno 2016

ELEZIONI ONAOSI: spedisci subito il plico elettorale....deve arrivare a Perugia entro il 23 giugno!

Vota la lista n. 1 UNITI PER IL FUTURO DELL'ONAOSI DI TUTTI

La scheda di voto per il rinnovo degli organi dell’Onaosi deve pervenire a Perugia entro il 23 giugno 2016.
Chi non avesse ancora inviato la scheda è pregato di farlo al più presto.
Votare per la lista n.1 intersindacale “Uniti per il futuro dell’Onaosi di tutti” significa difendere il patrimonio senza aumentare la quota, proseguire nell’incremento e nel decentramento dei servizi, aggiornare la tipologia delle prestazioni e preservare l’Ente da tentativi di soppressione finalizzati all’acquisizione delle risorse delle Fondazione.
Il programma e la lista sono disponibili sul sito www.unitiperonaosi.it

15 giugno 2016

PATTO PER LA SALUTE: la sintesi del Ministero consegnata ai sindacati

Il Ministero ha sintetizzato in tre cartelle le osservazioni prodotte negli utlimi tre mesi da sindacati, regioni e dallo stesso ministero 

14 giugno 2016

PATTO PER LA SALUTE: i sindacati al ministero mercoledi 15.

E' fissata per domani 15 giugno alle 14.00 l'incontro al ministero della salute per proseguire la discussione sul ddl ex articolo 22.

12 giugno 2016

ANAAO RISPONDE! Scarica anche su IOS l'APP dell'Anaao. Basta un clic per inviare un quesito al consulente legale dell'Associazione. 

Tutte le news e gli aggiornamenti in tempo reale a portata di cellulare! Scarica la app su Android e anche su IOS.
Guarda il nuovo promo

GUARDA IL PROMO




Come navigare nella APP?
Quali sono le sue caratteristiche? (scarica il documento)

 

08 giugno 2016

SPECIALIZZANDI: facciamo chiarezza sui disegni di legge - La circolare informativa del Segretario Nazionale Anaao Assomed

In questi anni - si legge nella nota firmata da Costantino Troise - la strada giudiziaria non ha portato ad una soluzione omogenea e definitiva. Il che ha dato adito ad un “commercio del ricorso” che per tanti medici ha rappresentato solo una spesa aggiuntiva. Gli stessi interventi legislativi, come formulati, rischiano di essere funzionali alla presentazione di ulteriori ricorsi. Eventuali adesioni a proposte di partecipazione, a titolo oneroso, a nuovi ricorsi per il periodo 1993-2006, sono da considerare alla stregua dell’acquisto di un biglietto di una lotteria. 

07 giugno 2016

FOCUS PRECARIATO. CALABRIA: un percorso non ancora espletato, ma siamo fiduciosi. Intervista a Filippo Larussa

Parte dalla CALABRIA, il focus che Dirigenza Medica intende realizzare per capire qual è lo stato dell’arte del precariato e quali sono le azioni che l’Anaao sta mettendo in campo per contrastare il fenomeno. Su questo numero l'intervista al Vice segretario regionale vicarioAnaao Assomed Calabria e componente direzione nazionale dell'Associazione che descrive “una fase di non compiuta e uniforme attuazione e molto a macchia di leopardo”. Anche se qualcosa si sta muovendo

06 giugno 2016

Medici precari, in corsia si apre spiraglio sui contratti atipici. Le Regioni avviano ricognizioni. L'Anaao su DOCTOR33

Dall'applicazione della direttiva sugli orari di lavoro, e dall'obbligo di garantire i livelli essenziali di assistenza, potrebbe arrivare soluzioni concrete anche al precariato di circa 12 mila medici ospedalieri che oggi "sopravvivono" con contratti atipici. La riflessione nasce da una conversazione con Eleonora Albanese, dell'Esecutivo nazionale dell' Anaao Assomed pubblicata su DOCTOR33.

L'obiettivo è far rispettare quanto prescrivono decreto salva precari, norme della Finanziaria e direttive europee.

06 giugno 2016

PATTO SALUTE: parere negativo dell'Intersindacale al medico laureato non specialista proposto dalle Regioni.

Nella lettera inviata al Ministro della salute e al Coordinatore della Commissione salute delle Regioni le organizzazioni sindacali hanno bocciato il modello di una nuova figura professionale sanitaria da inquadrare come categoria non dirigenziale e da ammettere in soprannumero alle scuole di specializzazione. E chiedono al Governo che venga trovata una soluzione per allineare i contratti di formazione al fabbisogno, ma anche di avere risposte sui punti dell'accordo del 9 marzo: rinnovo del contratto, standard di personale, precariato, orario di lavoro.
IL TESTO DELLA LETTERA E LA RASSEGNA STAMPA

30 maggio 2016

ELEZIONI ONAOSI: se non hai ricevuto la scheda elettorale, puoi richiederla entro il 3 giugno.

Se non hai ricevuto il plico elettorale per il voto Onaosi puoi richiedere ENTRO IL 3 GIUGNO il duplicato spedendo l'apposito modulo via Pec o raccomandata. Ti arriverà in tempi utili per esprimere il voto e far sì che arrivi alla sede di Perugia della Fondazione entro il 23 giugno alle 15.00. Segui le indicazioni contenute nell'informativa e scarica il modulo!

AVVERTENZA: QUESTA COMUNICAZIONE RIGUARDA ESCLUSIVAMENTE COLORO CHE NON HANNO GIA' VOTATO PER L'ONAOSI

A seguito di un disguido nella postalizzazione l’indirizzo di 18.077 contribuenti era mancante il numero civico. Pertanto la Fondazione ha prorogato il termine entro il quale deve pervenire la busta preaffrancata dal 17 maggio al 23 giugno 2016.
Anche il termine per richiedere un duplicato è stato prorogato alle ore 13 del 3 giugno 2016. Tali termini sono validi per tutti gli elettori siano essi interessati al disguido o meno.
Infine sono stati rispediti 18.077 plichi agli elettori per i quali non era stato indicato il numero civico nel primo invio. Tali plichi sono in arrivo in questi giorni.
Si raccomanda a quanti hanno già votato di non votare una seconda volta pena la nullità del voto (in quanto la busta, ancorché senza numero civico, può essere ugualmente pervenuta).
Si può scaricare il modulo per richiedere (entro il 3 giugno) l’invio di un duplicato (da trasmettere con fotocopia di un documento di identità) che sarà recapitato per posta raccomandata.

scarica il modulo per richiedere il duplicato del plico elettorale

 

27 maggio 2016

Opzione TFR: via libera al CCNQ per la proroga del termine

Anche gli assunti prima del 2001 potranno iscriversi volontariamente fino al 2020. Adesso occorrono modifiche legislative per incentivare la previdenza integrativa.
L'informativa della Cosmed e il testo dell'accordo

27 maggio 2016

Patto per la salute. Formazione, carriera e graduazione delle funzioni, standard di personale, lea: le richieste dei sindacati sul tavolo della trattativa.

In attesa del 8 giugno, data del prossimo incontro al Ministero della salute, le organizzazioni sindacali hanno inviato al dicastero le loro osservazioni al documento presentato un mese fa dalle Regioni.

23 maggio 2016

Conferenza Fnomceo. Il documento-base per i lavori di Rimini e il video Medincanto "La cura di te".

“Il percorso per orientare e accompagnare l’evoluzione della figura del medico in Italia richiede una prospettiva temporale di medio-lunga durata, un’azione continua caratterizzata da flessibilità e creatività nel cogliere e sviluppare di volta in volta innovazioni e opportunità, una verifica periodica dello stato dell’arte che diventi poi feed back e punto di ripartenza per tutti i protagonisti coinvolti”.

leggi il documento del Centro Studi della Fnomceo che ha fatto da traccia ai tavoli di lavoro
guarda il video realizzato dall'Osservatorio giovani della Federazione
. 
Puoi supportare la campagna #NOICONVOI, per una sanità più sicura, più umana è più vicina al paziente. Acquistando la traccia al prezzo simbolico di 0.99€ sulle principali banche dati musicali contribuirai a rendere realtà il progetto, nell’ambito della promozione della sicurezza ed accessibilità delle cure, giudicato migliore da una commissione composta da medici, giornalisti e rappresentanti dei cittadini.

23 maggio 2016

FARE IL MEDICO A LAMPEDUSA. Ce lo racconta il dott. Pietro Bartolo

Tagli alla sanità, condizioni di lavoro disagiate, precarietà, personale ridotto: Pietro Bartolo, medico di Lampedusa e protagonista del docu-film Fuocoammare ci spiega come si vivono questi problemi in terra di frontiera e la sua proposta per migliorare la qualità dell'assistenza sull'isola.
Intervista a cura dell'Ufficio Stampa Anaao Assomed

20 maggio 2016

“GUARDIAMO AL FUTURO: QUALE MEDICO, QUALE PAZIENTE, QUALE MEDICINA NEL SSN?” III Conferenza Nazionale della Professione Medica e Odontoiatrica - Palazzo dei Congressi Rimini 19-21 maggio 2016

All'interno della manifestazione il workshop dal titolo "L'ORGANIZZAZIONE DELL'OSPEDALE".
Le relazioni di Carlo Palermo, Giuseppe Montante, Gabriele Gallone.

19 maggio 2016

Responsabilità professionale e risk management: i prossimi appuntamenti con i corsi della Fondazione. MILANO 8 giugno. Guarda i programma e iscriviti!

La Fondazione è ente di formazione con accreditamento Standard certificato dalla commissione ECM con il numero identificativo 889. L'erogazione dei corsi ECM FAD viene effettuata grazie alla piattaforma Hippocrates 3.0 realizzata da Different Web S.r.l., partner tecnologico di Organizzazione in sanità Fondazione Pietro Paci. Visita anche il sito www.fondazionepietropaci.com

 

16 maggio 2016

PROGETTO H16. FIMEUC: preoccupazioni per riduzione dell'offerta assistenziale nelle ore notturne.

La Federazione Italiana di Medicina Emergenza Urgenza Catastrofi, in una nota chiede che in caso venga realizzato tale progetto, si dovrà prevedere un potenziamento del sistema di emergenza territoriale e dei Pronto Soccorso proporzionale alle esigenze che emergeranno.

10 maggio 2016

Reportage DENTRO LA CRISI. Negli ospedali di Atene che sono rimasti senza bisturi - CORRIERE DELLA SERA

"Non abbiamo i soldi per i letti della terapia intensiva. La spesa sanitaria è scesa di oltre il 60%. Carenze così marcate hanno un costo di vite umane".

L'Associazione dei medici di Atene sostiene che riaprire duecento letti chiusi salverebbe duemila vite l'anno. Ma lo Stato dovrebbe assumere cento medici e quattrocento paramedici al costo di quindici milioni l'anno e non può farlo.

leggi l'articolo sul sito del Corriere della Sera

06 maggio 2016

Dirigenza medica e sanitaria chiede rinnovo contratti e stop precariato.
Cosmed, noi interlocutori del Governo per riforma PA.

L'appello della Cosmed al termine del Convegno sulla Dirigenza Pubblica: chiediamo che il Governo ci convochi per fornire le nostre competenze. Solo così la riforma della PA sarà una riforma 'vera'. Non si fanno le riforme senza la dirigenza di questo paese".

Gasparrini (Presidente Aran): per il rinnovo dei contratti la strada è lunga. Pochi soldi, speriamo qualcosa in più dalla prossima Legge di Stabilità.
La rassegna sulla stampa.

Stop al precariato in sanità, dai co.co.co alle partite Iva, e avvio delle trattative per il rinnovo del contratto. Queste le priorità della COSMED ribadite in occasione del convegno nazionale che si è svolto a roma il 6 maggio. Al centro dell'incontro i possibili contenuti del decreto delegato sulla dirigenza pubblica e sul rapporto di lavoro alle dipendenze della Pubblica Amministrazione in fase di emanazione, come previsto dalla riforma Madia.

"La dirigenza pubblica – dichiara Giorgio Cavallero, segretario generale della Confederazione – ha diritto ad essere interlocutore anche sul piano normativo, nel momento in cui si stanno per predisporre i decreti delegati per al riforma della Pa. Chiediamo che il Governo ci convochi per fornire le nostre competenze. Solo così questa riforma sarà una riforma 'vera'. Non si fanno le riforme senza la dirigenza di questo paese". 

"Ci sono voluti sei anni per definire le aree contrattuali per i comparti della Pubblica Amministrazione, questo la dice tutta su quanto sarà lungo l'avvio delle trattative per il rinnovo dei contratti", tanto più che a pesare è il "macigno dei soldi. Speriamo che dalla prossima legge di stabilità arrivi qualcosa in più". Così Sergio Gasparrini nel suo intervento al convegno."I trecentomilioni di euro previsti dalla legge di Stabilità per il rinnovo dei contratti pubblici", prosegue, "sono oggettivamente pochi, perché al di là degli incrementi retributivi, pur volendoci fare formazione, riqualificazione o welfare  sono abbastanza esigui: si tratta di un aumento dello 0,4% per monte salario, nel recente passato gli incrementi erano del 5-6%, in pratica meno di un decimo. Inoltre non si può dimenticare che questo aumento così modesto arriva dopo 6 anni di blocco contrattuale".

Il convegno è stato ripreso dalle seguenti testate:
ANSA
DOCTOR33
QUOTIDIANO SANITA'

05 maggio 2016

PATTO SALUTE. Le Regioni presentano il documento sulla formazione. Netta contrarietà dell'Anaao.

Delusione dell'Anaao Assomed per una trattativa che non decolla. Il commento di Carlo Palermo che ha partecipato all'incontro e il documento delle Regioni

L’Anaao conferma la netta contrarietà alla proposta delle regioni di un inserimento nel Ssn a tempo indeterminato dello specializzando. «L’ipotesi è infatti a invarianza dei dati economici sulla pianta organica. Il che significa - spiega Carlo Palermo, vicesegretario nazionale vicario Anaao Assomed - che se escono due medici, non si assumono due specialisti ma magari tre specializzandi non dirigenti. Questo crea un primo conflitto tra medici in formazione e giovani specialisti. E introduce una nuova figura di medico che non è uno specialista e che rischia di restare fuori dalla dirigenza per lungo tempo, tra l’altro con caratteristiche contrattuali tutte da definire. Insomma il rischio è che si utilizzi il doppio canale come escamotage per assumere manodopera a basso costo. Poi ci sarebbe anche l’incognita della colllocazione di questa nuova fugura di medico rispetto alle nuove competenze degli infermieri. Insomma una pericolosa zona grigia». Per tornare a discutere, l’Anaao chiede «numeri limitati, contratti a tempo determinato e certezze sul passaggio alla dirigenza».

IL DOCUMENTO DELLE REGIONI

05 maggio 2016

ONAOSI: SI VOTA FINO AL 23 GIUGNO

Prorogato di oltre un mese il termine per recapitare il proprio voto alla sede di Perugia per chi ancora non avesse votato. Viene spostato al 3 giugno il termine per richiedere il duplicato del plico in caso di mancata consegna.

A causa di disguidi nell’invio del plico elettorale riscontrato in diverse zone del Paese , il C.d. A ONAOSI ha prorogato al 23 giugno 2016 ore 15 il termine entro il quale la busta preaffrancata contenente l’espressione di voto dovrà pervenire alla sede di Perugia.
Conseguentemente anche il termine per richiedere un duplicato, con le medesime procedure, è prorogato al 3 giugno 2016 ore 15.
Viene così incrementato il tempo a disposizione  a disposizione di tutti gli elettori , anche quelli che non hanno ricevuto sollecitamente il plico, per esprimere validamente il proprio voto.
La proroga riguarda tutti gli elettori che non hanno ancora espresso il voto.

Di seguito il comunicato della Fondazione Onaosi

DIFFERIMENTO TERMINI PROCEDURE ELETTORALI
La Fondazione ONAOSI ha riscontrato che le posizioni di 18.077 contribuenti contenevano dei dati incompleti. Si è proceduto con l'integrazione degli indirizzi incompleti e si è disposta la trasmissione ai 18.077 contribuenti interessati, dei nuovi plichi elettorali con indirizzo completo, così da garantire la più ampia e consapevole partecipazione al procedimento elettorale. 
Al tal fine con la presente si comunica che il Consiglio di Amministrazione con delibera del 4 Maggio 2016 ha differito il termine generale per la ricezione della scheda contenente l'espressione di voto di ogni elettore - originariamente previsto per le ore 15:00 del 17.05.2016 - al 23 giugno 2016 entro e non oltre le ore 15:00, e, conseguentemente, ha stabilito il nuovo termine del 03 giugno 2016 per poter richiedere un duplicato del plico elettorale nei casi previsti dall'articolo 7 comma 8 del Regolamento Elettorale vigente.

05 maggio 2016

Medici GB: tregua del governo dopo ondata di scioperi

Il governo accetta di sospendere per 5 giorni l'applicazione del contestato testo contrattuale, annunciata unilateralmente a partire da lunedi', laddove i sindacati e la British Medical Association (Bma) si ripresentino al tavolo

Il governo britannico fa retromarcia sull'imposizione minacciata da parte del ministro della Sanità del nuovo contratto di lavoro respinto dalla categoria, in cambio di un ritorno dei camici bianchi al negoziato. Una tregua dopo mesi di vertenza e di scioperi a ripetizione. Il governo accetta di sospendere per 5 giorni l'applicazione del contestato testo contrattuale, annunciata unilateralmente a partire da lunedi', laddove i sindacati e la British Medical Association (Bma) si ripresentino al tavolo. La categoria è in effetti favorevole a una riapertura delle trattative, ma dovrà verificare se le condizioni poste dall'esecutivo, e in particolare il termine di 5 giorni, saranno accolte. Il contratto riguarda i cosiddetti junior doctors, indispensabili nei servizi d'emergenza e nei turni ospedalieri del sistema sanitario nazionale del regno (Nhs), ma notoriamente sottopagati. Secondo i sondaggi, il consenso della gente verso questi medici resta largamente superiore nella vicenda in corso rispetto a quello verso il governo, ma la percentuale è parzialmente dimunita con il moltiplicarsi degli scioperi.
 

04 maggio 2016

Elezioni Onaosi, Zucchelli: no fusioni con Enpam. Tutela non autosufficienti è priorità - DOCTOR33

Nell'intervista rilasciata a Doctor33 il Presidente uscente della Fondazione e capolista di Uniti per il futuro dell'Onaosi di tutti difende un patrimonio cresciuto, conti in ordine, compensi degli amministratori ridotti, n fondo da 300 mila euro per i contributi a figli disabili, uno da 500 mila euro per i fragili, assegni a chi è in condizioni di disagio economico e professionale, nuovi collegi a Torino Milano e Napoli: è il biglietto da visita della squadra che ha governato in questi 5 anni Onaosi.

04 maggio 2016

STABILIZZAZIONE DEL PRECARIATO: le linee guida dell'Anaao Assomed

Il documento, a cura di Eleonora Albanese (Esecutivo Nazionale Anaao Assomed), parte dall'esame dei riferimenti normativi per individuare il campo d'azione e i criteri da seguire per la stabilizzazione del personale.

03 maggio 2016

DIRIGENZA PUBBLICA. I decreti delegati della legge 124/2015 e il nuovo modello contrattuale.
Convegno Nazionale Cosmed - Roma 6 maggio

L’incontro cerca di stabilire il perimetro, gli ambiti di azione ed i possibili contenuti del decreto delegato sulla dirigenza pubblica e sul rapporto di lavoro alle dipendenze della Pubblica Amministrazione in fase di emanazione. Saranno anche esaminate le ipotesi di modello contrattuale per i nuovi contratti del pubblico impiego. Partecipano tra gli altri i sottosegretari alla Funzione Pubblica e alla salute.

03 maggio 2016

REVOCATO LO SCIOPERO NAZIONALE DI MAGGIO

La commissione di garanzia per il diritto allo sciopero ha ravvisato un vizio formale che obbliga a revocare lo sciopero del 26 e 27 maggio

Cari Colleghi,
la Commissione di garanzia ci ha obbligati, ravvisando un vizio formale nei tempi di proclamazione, a revocare lo Sciopero Nazionale di 48 ore previsto originariamente per i giorni 17 e 18 marzo e poi rinviato al 26 e 27 maggio.
Questo non mette fine ad una mobilitazione iniziata da mesi, attualmente alla prova di un confronto con il Governo ed in attesa di confluire nelle questioni di un rinnovo del CCNL che non si preannuncia facile. Come sempre l’Anaao Assomed sarà in prima fila per valorizzare il nostro lavoro attraverso il quale viene garantita la esigibilità di un diritto costituzionale dei cittadini.

Il Segretario Nazionale
Costantino Troise

03 maggio 2016

I prossimi appuntamenti con la Fondazione Pietro Paci
RISK MANAGEMENT IN SANITA': imparare dall'errore.

Il corso si svolgerà a ORISTANO il 25 maggio e a MILANO il 8 giugno. Sono stati assegnati 8 crediti formativi

22 aprile 2016

ELEZIONI ONAOSI: SPEDISCI IL TUO VOTO PER LA LISTA N. 1

La scheda elettorale deve pervenire presso la sede Onaosi di Perugia entro il 23 GIUGNO 2016 alle ore 15.00.

Il plico elettorale per esprimere il voto Onaosi è in arrivo presso il vostro domicilio o probabilmente è già stato consegnato. L’Anaao Assomed è presente nella LISTA intersindacale N. 1 UNITI PER IL FUTURO DELL’ONAOSI DI TUTTI, esprimendo il presidente Serafino Zucchelli, per continuare a garantire i vostri diritti anche attraverso la presenza in questa importante Fondazione. Tutte le informazioni sul programma e i componenti della lista li trovi sul sito www.unitiperonaosi.it

Spedite il vostro voto per la LISTA N. 1 in tempi utili seguendo le indicazioni contenute nello schema, tenendo presente che la busta deve essere recapitata all’indirizzo dell’Onaosi di Perugia entro le ore 15.00 del 23 GIUGNO. Il termine è tassativo. 

22 aprile 2016

Trattamento accessorio e lavoro flessibile: chiesto immediato confronto col Ministro Madia

L'intersindacale medica e sanitaria in una lettera al Ministro della PA chiede che vengano approfondite e risolte le due criticità contenute nell'accordo Governo-Sindacati del 9 marzo. "Chiediamo certezza per quanto riguarda le risorse accessorie già presenti nei fondi contrattuali e l'esclusione della sanità dai rapporti di lavoro cococo, cocopro e i rapporti libero professionali ad ore".

21 aprile 2016

Elezioni ONAOSI 2016.
Intervista a Zucchelli: “In 5 anni conti in ordine e più servizi. Restiamo a Perugia ed Ente continuerà ad essere autonomo” - QUOTIDIANO SANITA'

Il Presidente dell’ONAOSI, Serafino Zucchelli fa il punto dei 5 anni di mandato e rilancia sul futuro rispondendo alle critiche della campagna elettorale (con tanto di querela) che lo vede ricandidato anche per il prossimo quinquennio.

19 aprile 2016

Corte dei Conti: rivedere l'accesso ai servizi anche in sanità. Stipendi PA: tagliati 11miliardi dal 2010

"Anche in sanità - ha precisato il Presidente Raffaele Squitieri davanti alle commissioni Bilancio di Camera e Senato - per salvaguardare il sistema pubblico che offre in media servizi di alta qualità e per rimuovere distorsioni evidenti, non si può prescindere dal rendere più appropriato e mirato l'accesso alle prestazioni, potendo contare oggi sulle crescenti potenzialità dei sistemi informativi".

La Corte nell’audizione parla che della spesa per redditi da lavoro dipendente che “nel 2015 ha registrato una flessione dell’1,1 per cento a fronte di una previsione contenuta nella Nota che ipotizzava un incremento dello 0,6 per cento. In valori assoluti la spesa è risultata pari a 161,7 miliardi con una diminuzione di circa 1,9 miliardi rispetto al 2014. Si conferma, dunque, il trend della spesa per redditi da lavoro dipendente che nel periodo 2010-2015, cioè negli anni di vigenza delle misure restrittive attivate per fronteggiare gli effetti della crisi economica, ha registrato una diminuzione complessiva di oltre 11 miliardi, pari a poco più del 6 per cento”.

Il testo dell'audizione (da pagina 17 i capitoli relativi al contratto nel PI e alla sanità)

18 aprile 2016

E' online la rassegna stampa di lunedì 18 e del we 16/17 Aprile 2016 - A cura dell'ufficio stampa #anaaoassomed.

Nel rispetto della normativa vigente a tutela del diritto d’autore la rassegna stampa è esclusivamente ad uso interno e accessibile solo con login e password

12 aprile 2016

TUTELA LAVORO - Ricongiungimento dei genitori: l'assegnazione temporanea tra pubbliche amministrazioni.

Il legislatore ha previsto, esclusivamente per i dipendenti pubblici, ivi inclusi i dirigenti sanitari, una particolare forma di mobilità temporanea finalizzata al ricongiungimento dei genitori con figli minori di tre anni per garantire a questi la necessaria assistenza materiale e affettiva. I chiarimenti del consulente legale Anaao Assomed, Avv. Vincenzo Bottino (Dirigenza Medica n. 3/2016)

12 aprile 2016

Le criticità del DDL RESPONSABILITA' PROFESSIONALE: il documento dell'intersindacale inviato al Senato

L'intersindacale nel documento inviato alla Commissione Igiene e Sanità del Senato, elenca le criticità del ddl e chiede un testo di legge che, riconoscendo la sicurezza delle cure quale elemento costitutivo del diritto alla salute, attribuisca la responsabilità di eventi avversi a quegli stessi soggetti che sono chiamati a garantire i LEA alleviando la pena, ma non la responsabilità, degli operatori sanitari. Un buon viatico per i processi di innovazione del SSN che appaiono oggi sempre più necessari.

12 aprile 2016

PRONTO, AVVOCATO? Risponde l'ufficio legale Anaao Assomed

Proponiamo una selezione di quesiti posti dagli iscritti all'Associazione in tema di trattamento pensionistico (Dirigenza Medica n. 3/2016)

11 aprile 2016

LA FORMAZIONE ECM AL TOP CON LA FONDAZIONE PIETRO PACI, di Gabriele Gallone (Presidente FPP)

Il Presidente descrive sulle pagine di Dirigenza Medica n. 3/2016 il programma formativo della Fondazione e le novità in campo FAD e e dell'iscrizione online

08 aprile 2016

Risk Management in Sanità: imparare dall'errore. Il nuovo corso della Fondazione Pietro Paci

Si svolgerà a Reggio Emilia il 21 aprile il corso della FPP organizzato in collaborazione con la segreteria aziendale Anaao dell'Arcispedale Santa Maria Nuova.
Scopo dell'evento quello di approfondire la tematica del risk management clinico con la descrizione di termini quali la condizione latente, il near miss, l’evento avverso.

07 aprile 2016

L'ANALISI DELL'ERRORE E L'ASSICURAZIONE DEL RISCHIO IN SANITA' 

A Genova sabato 30 aprile 2016 il nuovo corso della Fondazione Pietro Paci cui sono stati assegnati 8 crediti ECM organizzato in in collaborazione con la segreteria Anaao Regione Liguria e Anaao Giovani Liguria

07 aprile 2016

ELEZIONI ONAOSI 2016
ONLINE IL SITO WWW.UNITIPERONAOSI.IT DELLA LISTA N. 1

Il programma, i componenti della lista, la locandina, l'intervista a Serafino Zucchelli, le modalità di voto.
Ricordiamo che la scheda elettorale che riceverete a domicilio deve essere recapitata via posta a Perugia entro le ore 15.00 del 17 maggio.

04 aprile 2016

AREE E COMPARTI: riprende la trattativa. La COSMED all'Aran il 4 aprile

Si torna a trattare il Ccnq per la definizione dei comparti e delle aree.
La Cosmed è stata convocata, insieme alle altre Confederazioni, lunedi 4 aprile alle 11.00

01 aprile 2016

PATTO PER LA SALUTE: la proposta dell'Intersindacale

In vista dell'incontro al Ministero della salute previsto per martedi 5 aprile, le organizzazioni sindacali hanno messo nero su bianco il loro articolo 22 del Patto per la Salute.

01 aprile 2016

Elezioni OANOSI 2016
Zucchelli: “Raggiunti obiettivi importanti, ora consolidiamoli”

DIRIGENZA MEDICA (n. 3/2016 in uscita) intervista Serafino Zucchelli capolista di UNITI PER IL FUTURO DELL'ONAOSI DI TUTTI in corsa per il secondo mandato da Presidente della Fondazione. Sono tanti, dice, i punti qualificanti del programma della lista, ma in particolare quello della non autosufficienza è un problema che va affrontato anche in collaborazione con altri Enti sanitari di previdenza.

01 aprile 2016

Le condizioni di lavoro dei medici nei sistemi sanitari europei - Genova 8-9 aprile 2016

Due giorni di confronto tra i medici italiani e i colleghi europei di Germania, Inghilterra, Olanda, Francia, Slovenia, Spagna per condividere le difficoltà della professione. Al centro del dibattito i principali temi oggetto di discussione "globale": organizzazione dell'orario di lavoro, responsabilità medica, sviluppo di carriera, salario, libera professione, Ecm, fabbisogno di personale e carichi di lavoro.
Il convegno internazionale organizzato da Anaao Assomed e Snr vede la partecipazione di esponenti delle organizzazioni sanitarie europee. IL PROGRAMMA

29 marzo 2016

L'APPELLO al Ministero della Salute, FNOMCeO, Assessorato Emilia Romagna, Conferenza Stato-Regioni in difesa dei Medici del 118 di Bologna, Piacenza e Modena sospesi dall’Ordine di Bologna

I firmatari dell'appello sottolineano con forza, che questa misura, proprio per il suo carattere punitivo, è il segno evidente di una incapacità ad affrontare i problemi di una società e di una professione in tumultuoso cambiamento che, al contrario, richiederebbe prima di tutto una disponibilità nuova a partecipare insieme e costruttivamente alle grandi sfide in corso nei confronti della nostra professione, del Sistema Sanitario Nazionale, dell’intera popolazione.

23 marzo 2016

AREE E COMPARTI - Contratti statali, "soluzione-ponte" sui nuovi comparti. IL SOLE 24 ORE

 Possibile una fase transitoria entro cui i sindacati potranno aggregarsi per raggiungere le soglie di rappresentatività. La proposta che verrà fatta ai sindacati nell'incontro del 4 aprile prossimo

22 marzo 2016

ATTENTATI A BRUXELLES

21 marzo 2016

La frequenza ai corsi di formazione oltre l’orario di lavoro vale come straordinario - SANITA'24

Le ore che i dipendenti pubblici impegnano frequentando i corsi di formazione voluti dall'ente devono essere considerate a tutti gli effetti come lavorative. Ne consegue che l'eventuale superamento del normale orario giornaliero deve essere equiparato alle prestazioni di lavoro straordinario. È questo un principio di carattere generale che si deve applicare ai contratti collettivi nazionali di lavoro del pubblico impiego, come emerge dalle risposte fornite dall’Aran.

20 marzo 2016

#VERTENZASALUTE #LAMOBILITAZIONECONTINUA
Sciopero rinviato al 26 e 27 maggio 2016

Il rinvio dello sciopero di 60 giorni annunciato subito dopo l'incontro con il Governo del 9 marzo, è stato ufficializzato con la comunicazione alle istituzioni competenti.

18 marzo 2016

Reiscrizione dei medici competenti: i chiarimenti del Ministero

Pronta reiscrizione nell’Elenco dei Medici Competenti per tutti i professionisti che, essendo nelle condizioni di usufruire della “sanatoria” prevista dal decreto Ministeriale del 26 novembre 2015 (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il 10 febbraio scorso), riescano, entro il 30 giugno, a colmare il debito formativo dello scorso triennio, 2011-2013, anche se non ancora “in pari” con i crediti del triennio in corso. A dirlo è il ministero della Salute, in risposta a una richiesta di chiarimenti della Fnomceo.  

 

17 marzo 2016

Orario di lavoro&Specializzandi. L'Anaao richiama Università e Aziende sanitarie al rispetto della legge

Dopo la lettera del dicembre dello scorso anno poco sembra essere cambiato. Gli specializzandi, stando alle numerose segnalazioni, continuano ad essere bersaglio dei Direttori delle Scuole che non applicano la legge sull'orario di lavoro europeo. Da qui l'ulteriore richiamo del Segretario Nazionale Anaao all'indirizzo dei Rettori, Presidi delle facoltà di medicina e dei Direttori generali delle aziende sanitarie affinchè sia rispettata la legge.

17 marzo 2016

L'ANALISI. Italia, la spesa Ssn in coda UE.

L'andamento dei conti e bilanci in Europa prima, durante e dopo la grande gelata. Peggio solo la Grecia, Portogallo, Spagna e Irlanda.
Lo studio di Nicola Quirino (docente di Finanza Pubblica LUISS) su IL SOLE 24 ORE SANITA'

16 marzo 2016

#VERTENZA SALUTE #LAPROTESTACONTINUA
100 ASSEMBLEE IN 100 CITTA'

Parte lunedi 7 marzo la manifestazione itinerante organizzata nell'ambito della vertenza salute, con lo scopo di sensibilizzare medici e cittadini sulla grave situazione in cui versa la sanità italiana. L'iniziativa proseguirà fino al 16 marzo, il giorno prima dello sciopero di 48 ore, con questa modalità: in uno o più ospedali di ogni provincia italiana si svolgerà un'Assemblea in orario di lavoro.
All'intero la nota organizzativa e il calendario con la suddivisione delle province. 

16 marzo 2016

PRONTO, AVVOCATO?

Incompatibilità tra carica sindacale e commissario di concorso; ferie e collocamento in quiescenza; periodo di prova.
L'ufficio legale Anaao Assomed risponde alle domande degli iscritti.

16 marzo 2016

Per i precari della PA rimborsi automatici sui contratti illegittimi - IL SOLE 24 ORE

La sentenza 5072 delle Sezioni riunite della Cassazione

14 marzo 2016

Al via il tavolo sull'articolo 22 del Patto per la salute.

Consegnate ai sindacati la Bozza di disegno di legge delega  in materia di gestione e sviluppo delle risorse umane ex art.22 Patto per la salute del Ministero della salute e MIUR e la proposta della Commissione salute delle Regioni.

Il prossimo incontro è calendarizzato per la prima settimana di aprile.

leggi la proposta Ministero salute/Miur
leggi la proposta della Commissione salute delle regioni

11 marzo 2016

SALUTEMIA: il nuovo piano sanitario per i medici italiani

E' una società di mutuo soccorso dei medici e degli odontoiatri sviluppato dalla Fondazione Enpam che consente di sottoscrivere un piano sanitario su misura per sè e per i propri familiari. L'informativa con le modalità per l'adesione che sarà possibile fino al 31 marzo 2016.

11 marzo 2016

INTERVISTA A BEATRICE LORENZIN "Niente tagli alla sanità, abbiamo già dato. Anzi servono più risorse" - IL SOLE 24 ORE

Pronta la road map della trattativa con i medici. Il Ssn cammina sulle gambe di chi ci lavora"

10 marzo 2016

PATTO PER LA SALUTE ARTICOLO 22: prosegue il confronto Governo-Sindacati

Lunedi 14 marzo alle 10.30 parte il primo tavolo Ministro salute, Regioni e Sindacati per discutere uno degli aspetti messi nero su bianco nell'intesa raggiunta il 9 marzo con il Governo sull'attuazione del Patto della salute 2014/16, dell’art. 22, per ciò che riguarda gli sviluppi professionali di carriera, la valorizzazione delle risorse umane, i rapporti con le altre professioni sanitarie.

L'incontro presieduto dal Ministro della salute, Lorenzin, alla presenza delle Regioni, si svolgerà presso la sede del Ministero di Lungotevere Ripa a Roma.

09 marzo 2016

VERTENZA SALUTE: IL GOVERNO CONVOCA I SINDACATI A PALAZZO CHIGI MERCOLEDÌ 9 MARZO ALLA PRESENZA DEL SOTTOSEGRETARIO DE VINCENTI

L'incontro avrà luogo alle 10.00 alla presenza anche dei Ministri della Salute, Beatrice Lorenzin e della Pubblica Amministrazione Marianna Madia.

09 marzo 2016

***DOPO L'INCONTRO CON IL GOVERNO LO SCIOPERO DEL 17 E 18 MARZO E' RINVIATO DI 60 GIORNI** - La Vertenza Salute prosegue insieme all'iniziativa 100 assemblee in 100 città

09 marzo 2016

****VERTENZA SALUTE: IL COMUNICATO CONGIUNTO GOVERNO-SINDACATI***
SCIOPERO RINVIATO DI 60 GIORNI, MA LA MOBILITAZIONE PROSEGUE

Il comunicato diaramato al termine dell'incontro di questa mattina a Palazzo Chigi fissa gli argomenti dei tavoli: valorizzazione della professione medica; articolo 22 del patto per la salute; percorsi di stabilizzazione del personale precario; riforma del sistema di formazione, pre e post laurea; avvio delle trattative per il rinnovo dei contratti e delle convenzioni; verifica dell'applicazione del comma 236 della legge di stabilità 2016.

03 marzo 2016

FIMEUC: il governo clinico-assistenziale-organizzativo dell'emergenza preospedaliera

Dopo la sospensione di alcuni medici da parte dell'ordine di Bologna, la Federazione Italiana Medicina di Emergenza-Urgenza ha elaborato un documento che sottolinea come Il governo cinico-assistenziale degli interventi debba trovare livelli di controllo che permettano di erogare efficacemente la miglior prestazione utile al paziente coinvolto e auspica che Ministero e Regioni attivino presto i tavoli tecnici dove la questione possa essere definita al più presto.

02 marzo 2016

AREE CONTRATTUALI: COSMED scrive a Governo e Regioni per sottolineare le criticità dell'Atto di indirizzo - Il testo della lettera

In una lettera inviata al Presidente del Consiglio, ai Ministri della salute e pubblica amministrazione e al Coordinatore della Commissione salute delle Regioni, la Cosmed pur apprezzando l'emanazione dell'atto di indirizzo sulle aree contrattuali ne rileva alcune criticità.

29 febbraio 2016

SPECIALE STATALI DE IL SOLE 24 ORE
ECCO TUTTI I NODI DEI NUOVI CONTRATTI.

Con la firma del Ministro Madia dell'Atto di indirizzo all'Aran per chiudere la riforma dei comparti si apre la strada al rinnovo dei contratti per tre milioni di dipendenti pubblici, bloccati da più di sei anni. Sull'operazione pesa la difficoltà di armonizzare regole e livelli retributivi molto diversi.







Speciale a cura di Gianni Trovati

Statali corsa a ostacoli per i nuovi contratti. Le incognite di riduzione dei comparti e "meritocrazia".
leggi l'articolo

L'altro ostacolo. Obbligo di dividere i premi individuali in base a tre fasce di "merito". Nella girandola dei parametri c'è chi rischia di guadagnare meno.
leggi l'articolo

Per i sindacati più piccoli la strada dell'aggregazione. Più difficile raggiungere i parametri per la rappresentatività.
leggi l'articolo

Il caso. Prove di "resistenza" all'unificazione con altre aree. Palazzo Chigi prova a difendere il suo isolamento "dorato".
leggi l'articolo

RIspettare le vere esigenze. L'Analisi di Francesco Verbaro
leggi l'articolo

25 febbraio 2016

Le Regioni incontrano il ministro Madia su PA e contratti. Riunione straordinaria della Stato-Regioni.

L'incontro è in programma questa mattina alle 10.00. Nel pomeriggio Conferenza Stato-Regioni e Conferenza Unificata. Online gli ordini del giorno

Riunione in seduta straordinaria

Il Presidente Stefano Bonaccini ha convocato una seduta straordinaria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome per giovedì 25 febbraio alle ore 10 (Roma, via Parigi, 11).I lavori si apriranno con un incontro con il Ministro, Marianna Madia per una valutazione dei provvedimenti attuativi della Legge 124 del 2015 (Riforma della Pubblica amministrazione) approvati in via preliminare dal Consiglio dei Ministri il 20 gennaio 2016.
La Conferenza delle Regioni esaminerà poi le questioni all’ordine del giorno delle Conferenze Unificata e Stato-Regioni, previste rispettivamente per le ore 14.30 e le 15 (Roma, Via della Stamperia, 8) dello stesso giorno.
Saranno poi affrontati anche altri temi e fra questi:
affari finanziari
- prime valutazioni in merito all'applicazione dell'Intesa e Accordo tra Governo, Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano (articolo 1, commi 680, 682 e 683 della Legge di stabilità 2016), concernenti: il contributo alla finanza pubblica delle Regioni a Statuto ordinario per l'anno 2016; la distribuzione fra le Regioni del contributo per la riduzione del debito;

pubblica amministrazione
- comunicazioni del Presidente del Comitato di Settore, Massimo Garavaglia, in relazione all’ipotesi di accordo quadro per la definizione dei comparti di contrattazione;

sanità
- indicazione della Regione il cui Assessore assumerà la funzione di Coordinatore della Commissione Salute di cui all’art. 7 del Regolamento della Conferenza.

Gli ordini del giorno integrali della Conferenza delle Regioni e della Conferenza Stato-Regioni e della Conferenza Unificata sono pubblicati nella sezione “Conferenze” del sito www.regioni.it .

22 febbraio 2016

COMPARTI E AREE: pronto l'atto di indirizzo del ministro Madia.

Il Ministro della Funzione pubblica emana i criteri direttivi. Confermati i 4 comparti  (Sanità - Regioni e Autonomie locali - Funzioni centrali, Stato, Enti pubblici non economici e Agenzie fiscali - Scuola, Università, Ricerca e Afam). Tema della rappresentatività demandato alla trattativa. Ora l’esame passa al Comitato di Settore delle Regioni per il parere e per gli indirizzi specifici per ogni comparto.

20 febbraio 2016

#LAPROTESTACONTINUA
LA VERTENZA SALUTE PARTE DAL SUD!
NAPOLI 20 FEBBRAIO STAZIONE MARITTIMA

Appuntamento per i colleghi di Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia a Napoli sabato 20 febbraio a partire dalle 10.30.
Scarica la locandina e affiggila nel tuo luogo di lavoro.

20 febbraio 2016

VERTENZA SALUTE: l'intervento di Bruno Zuccarelli, Segretario Regionale Anaao Assomed Campania alla manifestazione di Napoli

19 febbraio 2016

RESPONSABILITA' PROFESSIONALE - L'ANAAO TOSCANA FA IL PUNTO CON L'ON. GELLI E ALTRI ADDETTI AI LAVORI

Guarda il video del convegno "La proposta di legge sulla responsabilità professionale del medico, un'opportunità di appropriatezza ed equità per il Ssn?" organizzato dall'Anaao Assomed Regione Toscana, dalla Segreteria Aziendale Anaao Assomed AOU Pisa e dalla Fondazione Pietro Paci.

Il convegno si svolgerà venerdì 19 febbraio 2016, dalle 9,00 alle 13,00 presso l'Azienda Ospedaliero universitaria Pisana - Aula Dipartimento Cardiotoracico - Edificio 10- Cisanello - Pisa.

Ai lavori parteciperanno rappresentanti delle Istituzioni, avvocati, magistrati e sindacalisti, tra cui l'Onorevole Federico Gelli che presenterà il suo progetto di legge e il Presidente della III Commissione Sanità della Regione Toscana, Stefano Scaramelli che porterà li punto di vista del consiglio regionale toscano.

Per l'Anaao Assomed parteciperanno il Dott. Carlo Palermo, Vice Segretario Nazionale Vicario, il Dott. Flavio Civitelli, Segretario Regione Toscana e il Dott. Gerardo Anastasio, Segretario Aziendale AOU PIsa.

IL PROGRAMMA

LA LOCANDINA

LA DIRETTA STREMING
Durante lo streaming sarà possibile chattare e commentare in diretta (andando sulla pagina you tube alla destra del video)

19 febbraio 2016

I POST-IT DELLA VERTENZA SALUTE

Messaggi via social indirizzati a @matteorenzi e @bealorenzin per sensibilizzare il Governo ai temi della Vertenza salute.





























 

18 febbraio 2016

MANIFESTO PER #LABUONASANITA':  LE RAGIONI DELLA PROTESTA. Il documento dell'Intersindacale

Un Paese che cambia ha bisogno di un Ssn nuovo, centrato sul suo capitale umano, e di nuovi modelli di sviluppo sanitario e sociale. Non intendiamo lasciare il progetto del futuro della nostra salute a interessati liquidatori fallimentari, ma riconquistare uno spazio politico come interlocutori e come soggetto negoziale, parte della soluzione per garantire una assistenza efficace ad un costo minore, e non del problema, rifiutando il ruolo di controparte del cambiamento.

06 febbraio 2016

MODELLI SANITARI EUROPEI A CONFRONTO. Convegno a Catania il 6 febbraio

Come funziona la sanità nei paesi UE? Quali sono le criticità e come vengono affrontate nei paesi d'oltralpe? Quali le difficoltà dei professionisti e quelle dei pazienti? Sono solo alcune domande cui il convegno organizzato dall'Anaao Sicilia, dalla Fondazione Pietro Paci e dalla Fems cercherà di dare risposte grazie agli interventi dei colleghi di Portogallo, Francia, Spagna, Germania, Svizzera, Croazia, Romania e Italia. All'interno trovate il programma dell'evento cui sono stati assegnati 5 crediti ECM e le modalità di iscrizione.

02 febbraio 2016

UN MESSAGGIO ALL'ANNO NUOVO, di Costantino Troise. DIRIGENZA MEDICA N. 1/2016

Il Segretario Nazionale dell'Associazione traccia un bilancio dell'anno appena trascorso e pone le basi per l'attività del 2016 a partire dalla Vertenza Sanità.

01 febbraio 2016

RESPONSABILITA' PROFESSIONALE: Federico Gelli (PD) "Siamo ad un passo da una svolta epocale per la sanità".

Il ddl ha concluso il suo iter in prima lettura alla Camera e al relatore che lo ha fortemente voluto, DIRIGENZA MEDICA ha rivolto alcune domande per approfondire un provvedimento che cambia sostanzialmente la professione medica.

29 gennaio 2016

AREE E COMPARTI: prosegue la trattativa all'Aran

Appuntamento mercoledi 3 febbraio alle 15.30

Si torna a parlare di aree e comparti la cui definizione è un passaggio obbligato per la riapertura del tavolo di trattativa per il rinnovo del contratto.
L'Aran ha infatti convocato le Confederazioni, tra cu ila COSMED, mercoledi 3 febbraio prossimo alle ore 15.30.
Al termine dell'incontro sarà pubblicato il report della Confederazione con l'aggiornamento della trattativa.

21 gennaio 2016

#LAPROTESTACONTINUA
****SCIOPERO NAZIONALE DI 48 ORE IL 17 E 18 MARZO 2016****

La decisione è stata presa oggi nella riunione dell'intersindacale, alla quale partecipano tutte le sigle del settore. Lo sciopero vuole evidenziare il 'malessere' della categoria dei camici bianchi, ribadendo il 'no' ai tagli delle prestazioni erogate ai cittadini e ''all'indifferenza del governo ai problemi della Sanità''. L'obiettivo è ''la salvaguardia del Sevizio sanitario nazionale''.

21 gennaio 2016

La vignetta di VINCINO sullo sciopero dei medici del 17 e 18 marzo (da Quotidiano Sanita')

16 febbraio 2016

RESPONSABILITA' PROFESSIONALE. Inizia esame al Senato - QUOTIDIANO SANITA'

Il Pd Amedeo Bianco sarà relatore: “Salvaguarderemo l’impalcatura del testo approvato alla Camera”

03 maggio 2016

I prossimi appuntamenti con la Fondazione Pietro Paci
RESPONSABILITA' SANITARIA tra rischio, colpa e rivalsa

Il corso si svolgerà a BIELLA il 28 maggio. Sono stati assegnati 7 crediti formativi.

06 luglio 2016

Oltre 9.000 i posti per i corsi di medicina per l'anno 2016/2017

Il Miur in un comunicato stampa rende noto l'aumento di 400 posti rispetto alla tabella provvisoria pubblicata nei giorni scorsi. Quattrocento posti in più, quindi, per un totale di 9.224

E’ stata determinata la programmazione definitiva dei posti per i corsi di laurea magistrale a ciclo unico ad accesso programmato nazionale di area sanitaria per l’anno accademico 2016/2017. Negli scorsi giorni era stata pubblicata una tabella con le disponibilità provvisorie.  
A seguito di un incontro che si è tenuto ieri al Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca è stato definito quanto segue:

  • I posti disponibili per le immatricolazioni ai corsi di laurea in Medicina e Chirurgia sono complessivamente9.224;
  • I posti disponibili per le immatricolazioni al corso di laurea in Odontoiatria e Protesi Dentaria sono complessivamente 908;
  • I posti disponibili per le immatricolazioni al corso di laurea in Medicina Veterinaria sono 655.

Il numero dei posti per ciascun corso di laurea è stato stabilito operando una mediazione tra il fabbisogno professionale espresso per ciascuna professione dal Ministero della Salute, recepito nell’Accordo assunto in sede di Conferenza Stato-Regioni del 9 giugno 2016, e l’offerta formativa deliberata dagli atenei. I numeri programmati per ciascun corso di laurea sono più alti rispetto a quelli determinati in via provvisoria dal decreto dello scorso 30 giugno. Con successivi decreti sarà resa nota la ripartizione delle disponibilità per ciascuna Università.
Alle ore 16.00 del 5 luglio 2016 risultano iscritti al test  5.300 candidati per Medicina e Odontoiatria e 500 candidati per Veterinaria.

04 agosto 2016

FONDAZIONE PIETRO PACI: a settembre apriamo il sipario!

Il nostro network cresce. In autunno lanceremo un nuovo sito interamente dedicato alla gestione del rischio. Troverete un'ampia bibliografia, materiale video e le ultime news. 

30 novembre -1

IL TRTO DELL'ACCORDO SUL PUBBLICO IMPIEGO

Anaao ti tutela
Pronto soccorso medico-legale e assicurativo
Medici in pensione
Informazioni parlamentari
Banca dati normativa in sanita
Anaao Card
Anaao ti assiste
Assistenza legale
Assistenza fiscale
Anaao ti assicura
Copertura tutela legale gratuita
Polizza responsabilità civile professionale "colpa grave"
Polizza unica
Copertura contagio ospedaliero
Servizio Doctor Help Desk
Anaao ti informa
Newsletter
Iniziativa Ospedaliera
Dirigenza medica
Editoria
Segreteria Nazionale sede di Roma
Via San Martino della Battaglia, 31 - 00185 ROMA
Telefono 064245741 - Fax 0648903523
segreteria.nazionale@anaao.it
segreteria.nazionale@anaao.postecert.it
Dipartimento Amministrativo
Via Scarlatti, 27 - 20124 MILANO
Telefono 026694767 - Fax 0266982507
segr.naz.milano@anaao.it
segr.naz.milano@anaao.postecert.it
Dipartimento Organizzativo
Via Sant'Aspreno, 13 - 80132 NAPOLI
Telefono 0817649624 - Fax 0817640715
segr.naz.napoli@anaao.it
segr.naz.napoli@anaao.postecert.it
Ufficio stampa
Via San Martino della Battaglia, 31 - 00185 ROMA
Telefono 064245741 - Fax 0648903523
ufficiostampa@anaao.it
Coordinamento servizi agli Associati
Via San Martino della Battaglia, 31 - 00185 ROMA
Telefono 064245741 - Fax 0648903523
servizi@anaao.it