27 settembre 2018

SAVE THE DATE - GIORNATA DELLA PREVIDENZA. Iniziativa Cosmed a Roma il 27 settembre 2018 alle 10

L'iniziativa della Confederazione mira a fare il punto e approfondire i diversi aspetti legati alla pensione dei  medici e dirigenti sanitari. Si parlerà di cumulo, TFS, previdenza complementare e riforma Fornero. L'evento si svolgerà a Roma presso il salone dell'Enpam in via Torino 38.

la locandina in formato pdf

PROGRAMMA PRELIMINARE

Ore 10 Il cumulo: un'opportunità da conoscere con alcuni aspetti da approfondire

Ore 11 La prescrizione dei contributi versati, allarmismo  o pericolo reale?

Ore 12 Il sequestro del TFS: iniziative in attesa del pronunciamento della Corte

Ore 13 Lunch

Ore 14 La previdenza complementare, quali riforme per la sua diffusione?

Ore 15 I diritti acquisiti in previdenza

Ore 16 Riforma della Fornero: proposte e sostenibilità


La partecipazione è libera fino a raggiungimento della capienza consentita. Si prega pertanto di voler confermare la presenza inviando una mail a segreteria@confederazionecosmed. it

29 giugno 2018

24° CONGRESSO NAZIONALE ANAAO - Le foto

Le immagini dell'inaugurazione e della seconda giornata dei lavori.


Foto di Antonio Celesia

28 giugno 2018

"Il rilancio della sanità sarà la mia stella polare, pronti a riaprire i ‘rubinetti’ degli investimenti”. IL VIDEO - IL TESTO

"Non sono qui per fare promesse, sono pienamente cosciente del compito che ho davanti. Ma il mio impegno sarà massimo". Ai camici bianchi del Ssn ha chiesto partecipazione e anche una rinuncia a posizioni precostituite e pregiudizi per confrontarsi liberamente nell’interesse comune e dare merito al Ssn pubblico. Spazio poi a trasparenza (soprattutto nelle nomine), turnover e tetti di spesa per il personale e formazione. L'intervento del Ministro della Salute Giulia Grillo al Congresso Anaao Assomed.

GUARDA IL VIDEO INTERVENTO

IL TESTO
Cari colleghi, segretario e presidente dell’Anaao,
non nascondo di provare un misto di orgoglio– da ministro, oltre che da medico – per essere qui con voi e insieme di vivo interesse per i lavori del vostro congresso che affrontano in modo propositivo gli aspetti più critici della professione.

La mia presenza qui vuole essere un segno di riconoscimento, di curiosità e insieme di stimolo, per me e per voi. Nei diversi ruoli che ci appartengono. E nella comune appartenenza, professionale e ideale insieme, al Servizio sanitario pubblico e a quell’universalismo, o a quanto ormai ne è rimasto, che dovrebbe caratterizzarlo.

La situazione del nostro sistema sanitario la conoscete anche meglio di me. Troppe le difformità tra una regione e l’altra e tra una parte del paese (il nord) e l’altra (il sud) con il rischio, e tante volte la realtà, di avere da una parte una sanità dei poveri, dall’altra dei ricchi.

Dove a perdere sono sempre i più deboli. Oltre 5 milioni, ha appena stimato l’Istat, sono gli italiani in povertà assoluta, concentrati maggiormente nelle regioni del sud. Sono queste le fasce di popolazione che guardano con maggior speranza ad un reale e concreto universalismo perché loro, più di altri, rinviano o abbandonano le cure.

Ma la sanità pubblica, quella con la S maiuscola, deve ritrovare slancio ed energia a supporto di tutti i cittadini poveri e non. Questo è quanto mi sono ripromessa nel mio mandato di ministro della Salute, la prima e vera stella polare. Per migliorarla laddove serve, e in più casi serve. Ma con tutte le grandi eccellenze che non sono fiori nel deserto, anzi. Quelle eccellenze (le buone pratiche) che di volta in volta intendo visitare e rendere disponibili dove più ce n’è bisogno, comunicandole agli italiani, che magari non le conoscono semplicemente perché non sono mai state loro comunicate.

Già, la comunicazione, altra grande carenza che ci contraddistingue, spesso colpevolmente. Una comunicazione rivolta ai cittadini, diretta, con le nuove tecnologie che possediamo e che dobbiamo tutti imparare a usare e frequentare. Sì, anche noi medici. Tanto più in tempi di iper specializzazione, con tutti suoi pregi ma anche i suoi difetti e storture. 

La trasparenza deve guidarci, in ogni nostro atto. Nelle nomine, nel merito da assegnare alle vere capacità, senza più stare sotto il bastone dei partiti.
 
Sarò il ministro di tutti. Dei cittadini ed assistiti, anzitutto. E di tutte le categorie e a tutti i livelli che giorno dopo giorno remano e faticano per tenere a galla e guidare la barca del Ssn. Un ministro medico, ma non un ministro dei medici o meglio, non solo dei medici.
Non sono qui per fare promesse, sono pienamente cosciente del compito che ho davanti. Ma il mio impegno sarà massimo. Nell’ascoltare e cercare di dare un seguito ai problemi, ma anche nel chiedere una partecipazione e supplementi di abnegazione, se necessario. Un’abnegazione che poi è un tratto distintivo della nostra professione.
Se non sarò il ministro dei medici, non per questo, è chiaro, potrei mai trascurare il ruolo della classe medica e il suo supporto cruciale alla salute pubblica. Con i suoi grandi meriti, le sue vaste capacità e la dignità professionale che ci deve contraddistinguere costantemente nella nostra attività.
E nel senso di appartenenza a un Servizio sanitario pubblico che nonostante tutto rappresenta un fiore all’occhiello del nostro Paese e un segno di civiltà scritta a chiare lettere nella Costituzione. Che bello quell’articolo 32 della Costituzione. Ma riempiamolo di contenuti e di fatti, adeguati ai nostri tempi, certo, ma saldo nel pensiero e nell’azione. Celebriamo quest’anno i primi 40 anni del Ssn. Lavoriamo per tenercelo stretto anche per i prossimi 40 e oltre. Facciamolo tutti insieme
Per elencare tutti problemi e spesso le urgenze della vostra attività ci vorrebbero ore, e neppure basterebbero.  Il blocco del turn over che sguarnisce le corsie, rende massacrante il vostro lavoro e rende sempre più difficile l’assistenza.  La norma che regola la spesa per il personale inchiodata ai livelli del 2004 è stata utile nei primi anni per bloccare l’emorragia di una spesa fuori controllo, adesso sta creando gravi danni al sistema. E che dire di un contratto arrivato con anni e anni di ritardo.
Tutto questo ha un prezzo e lo stiamo pagando. Le aggressioni al personale sono sempre più frequenti. Le cosiddette “quote rosa” – che brutto termine –praticamente azzerate, proprio mentre le donne sono ormai la maggioranza della nostra categoria, salvo poi essere tenute lontane dalla plancia di comando e decisionale. 
Gli specializzandi in cerca di riconoscimento, in un campo che necessita di una sterzata e di un intervento di riprogrammazione complessiva. Il rischio professionale che resta una partita aperta, nonostante la nuova legge. E poi, e poi… Non potremmo certo finirla in poche battute. Tutto questo, e tanto altro ancora, è nella mia agenda di lavoro.
Certo, al fondo di tutto, o meglio al principio di tutto, c’è il finanziamento del Ssn, per il quale mi batterò per adeguarlo alle reali esigenze dell’assistenza. Da circa 10 anni nel nostro paese si sono ridotte le risorse destinate alla sanità (tre decimi di punti all’anno – Fonte Relazione Corte dei Conti) cosa non accaduta in altri paesi europei ai quali guardiamo sempre come riferimento – mi riferisco a Francia (+1%) e Germania (1,8%) – che, anzi, hanno visto aumentare le loro risorse.  Per non dimenticare gli investimenti, altro nodo cruciale per il presente e per il futuro del Ssn: i rubinetti sono stati chiusi ormai da troppo tempo, vanno riaperti, certo non per sprecare l’acqua, è chiaro.
 Non sono qui per fare promesse, ho già detto. Ma il mio impegno sarà costante. E altrettanto chiederò a voi. Per migliorare insieme quanto – tanto -  va migliorato Come l’abbattimento delle liste d’attesa, argomento che mi sta molto a cuore, e che deve vedervi protagonisti in positivo. Per non far perdere prestigio al Ssn e dare fiato a chi predica una privatizzazione della salute. Per garantire i diritti degli assistiti. In tutte le parti d’Italia. Costantemente.
“Ci curiamo del futuro”, è il titolo del vostro Congresso. Così deve essere. Ho molto apprezzato la citazione di Federico Caffè riportata in cima all’intervento del vostro segretario Costantino Troise: “Al posto degli uomini abbiamo sostituito numeri e alla compassione nei confronti delle sofferenze umane abbiamo sostituito l’assillo dei riequilibri costanti”. Una frase del 1986, purtroppo sempre più attuale. 
Appena martedì la Corte dei Conti – a proposito di numeri - ha segnalato come “la crisi ha verosimilmente intaccato il benessere dei cittadini, incidendo sulla percezione della qualità della vita e sulle capacità di spesa di ognuno, specie in un settore quale quello della salute ad evidente ed elevato grado di sensibilità”.
Ecco, per salvare il Ssn, e festeggiare davvero i suoi primi 40 anni, dobbiamo fare tesoro di tutto e rimboccarci le maniche. Tutti insieme. Buon lavoro a tutti, ne abbiamo davvero bisogno.

27 giugno 2018

24° CONGRESSO NAZIONALE ANAAO ASSOMED
Roma 27-30 GIUGNO 2018 - SAVE THE DATE


LAVORI CONGRESSUALI
mercoledi 27 (mattina) giovedi 28 venerdi 29 sabato 30 giugno
Hotel Sheraton Parco de' Medici, Via Salvatore Rebecchini 145

INAUGURAZIONE
mercoledi 27 giugno ore 14.00
Spazio Novecento, Piazza Guglielmo Marconi 26
 

27 giugno 2018

LA RELAZIONE DEL SEGRETARIO NAZIONALE COSTANTINO TROISE - IL VIDEO E IL TESTO

"L'impegno che ci assumeremo insieme per un Sistema Sanitario (ri) progettato per il futuro, restituire la sanita ai medici ed i medici alla sanità, liberandola dalla supremazia della logica finanziaria ed economica - Come ricorda Atul Gawande, ci sarà richiesto certo “talento e perseveranza”, ma a nulla servirà senza il “coraggio - di un costante impegno morale. Il meglio deve ancora venire. Se metteremo in campo una profonda radicalità nel modo di ripensare le nostre categorie con idee rifondatrici e rigeneratrici, ce la possiamo fare, e ce la faremo. Quelli che resistono non sempre vincono, ma quelli che vincono sono sempre quelli che resistono".

27 giugno 2018

24° CONGRESSO NAZIONALE ANAAO ASSOMED
Dalla natura e governance delle aziende al finanziamento del Ssn. L'anteprima degli argomenti per la disussione congressuale.

Le relazioni di Francesco Longo (CERGAS BOCCONI), Federico Spandonaro (CREA SANITA'), Carlo Lusenti Direttore Dipartimento Urologia Azienda della Romagna, Carlo Palermo, Vice Segretario Nazionale Vicario Anaao Assomed

Natura e governance delle aziende sanitarie - Francesco Longo, Direttore Cergas Bocconi - scarica la relazione
Finanziamento del Ssn - Federico Spandonaro, Presidente Crea Sanità - scarica la relazione
Il triangolo istituzionale - Carlo Lusenti, Direttore Dipartimento Urologia Azienda della Romagna - scarica la relazione
La dirigenza sanitaria: criticità e prospettive - Carlo Palermo, Vice Segretario Nazionale Vicario Anaao Assomed - scarica la relazione

15 febbraio 2018

***EVENTO ANNULLATO***
PRIMA DI VOTARE PENSA ALLA SALUTE! Elezioni 2018: i sindacati interrogano i candidati.
Roma 15 febbraio 2018 ore 14.30

A CAUSA DELL’INDISPONIBILITÀ DELL’ULTIM’ORA DI ALCUNI CANDIDATI, L’EVENTO È STATO ANNULLATO.

08 gennaio 2018

2018
LA PROTESTA DEI MEDICI E DIRIGENTI SANITARI CONTINUA....

Anaao ti tutela
Pronto soccorso medico-legale e assicurativo
Medici in pensione
Informazioni parlamentari
Banca dati normativa in sanita
Anaao Card
Anaao ti assiste
Assistenza legale
Assistenza fiscale
Anaao ti assicura
Copertura tutela legale gratuita
Polizza responsabilità civile professionale "colpa grave"
Polizza unica
Copertura contagio ospedaliero
Servizio Doctor Help Desk
Anaao ti informa
Newsletter
Iniziativa Ospedaliera
Dirigenza medica
Editoria
Segreteria Nazionale sede di Roma
Via XX Settembre, 68 - 00187 ROMA
Telefono 064245741 - Fax 0648903523
segreteria.nazionale@anaao.it
segreteria.nazionale@anaao.postecert.it
Dipartimento Amministrativo
Via Scarlatti, 27 - 20124 MILANO
Telefono 026694767 - Fax 0266982507
segr.naz.milano@anaao.it
segr.naz.milano@anaao.postecert.it
Dipartimento Organizzativo
Via Sant'Aspreno, 13 - 80132 NAPOLI
Telefono 0817649624 - Fax 0817640715
segr.naz.napoli@anaao.it
segr.naz.napoli@anaao.postecert.it
Ufficio stampa
Via XX Settembre, 68 - 00187 ROMA
Telefono 064245741 - Fax 0648903523
ufficiostampa@anaao.it
Coordinamento servizi agli Associati
Via XX Settembre, 68 - 00187 ROMA
Telefono 064245741 - Fax 0648903523
servizi@anaao.it