Consiglio di Stato - parere n. 1962/2017

Incompatibilità del medico a far parte di una farmacia

La legge sulla concorrenza (124/2017) non pone nuovi vincoli alle farmacie. Il Consiglio di Stato, rispondendo ai quesiti del ministero della Salute sull’applicazione della norma ha chiarito infatti anzitutto che la legge consente la proprietà a qualsiasi tipologia di società. Diverso invece il parere sull’incompatibilità della professione medica. Il Consiglio di Stato ritiene “preferibile, nonché più facilmente attuabile, la soluzione che amplia l’ambito di applicazione della detta incompatibilità a qualunque medico, sia che eserciti la professione sia che non eserciti e sia solo iscritto all’albo professionale”.

Consiglio di Stato - Sezione III - sentenz an. 5840/2017

Le funzioni del fisioteapista sono meramente esecutive rispetto a quelle del medico fisiatra

Nel sistema sanitario vigente le funzioni del fisioterapista sono meramente esecutive rispetto a quelle del medico fisiatra, al quale spetta la definizione del programma riabilitativo del singolo paziente e la predisposizione dei singoli atti terapeutici, di cui resta responsabile, anche se la loro esecuzione è frutto del lavoro di un'equipe della quale fa parte anche il fisioterapista.

Consiglio di Stato - Sezione III - sentenza n. 5251/2017

Il diritto alla salute è finanziariamente condizionato

Il diritto alla salute, di cui all'art. 32 Cost., non comporta l'obbligo per il SSR di fornire tutti i prodotti esistenti sul mercato per la cura di una determinata patologia: ciò che l'ordinamento garantisce è che la prescrizione sia funzionale alla necessità terapeutica, ma senza che il sistema sanitario sia gravato da oneri aggiuntivi conseguenti alle dinamiche del mercato.

Consiglio di Stato - Sezione III - sentenza n. 5238/2017

Concorsi: lo svolgimento della prova pratica in forma scritta, non ne muta la natura, rispetto alla regola dell'anonimato

Lo svolgimento della prova pratica in forma scritta non costituisce elemento sufficiente per portare al mutamento sostanziale/ontologico della prova stessa, che da prova pratica si trasformerebbe in una vera e propria prova scritta per il cui svolgimento dovrebbe essere applicata la regola dell'anonimato a garanzia del principio generale di imparzialità.

Consiglio di Stato - Sezione III - sentenza n. 4895/2017

Violazione delle relazioni sindacali: l'attribuzione della retribuzione di posizione

La graduazione delle funzioni e l’attribuzione della retribuzione di posizione, non rientra tra le attività soggette a contrattazione collettiva. Il modulo della concertazione, previsto dall’art. 6, lett. b), del CCNL del 2005 nel caso di specie è stato peraltro rispettato, senza che si ravvisi alcuna violazione delle relazioni sindacali.

Consiglio di Stato - Sezione III - sentenza n. 4879/2017

Direzione di Struttura Complessa: quale Giurisdizione nel caso di riapertura dell'avviso pubblico

Quando si controverte non già direttamente sulla pretesa all’incarico di direttore della Struttura Complessa, bensì sulla scelta, ulteriore e discrezionale, di riaprire la procedura selettiva a nuovi aspiranti, non possono che residuare interessi legittimi la cui cognizione appartiene naturaliter al giudice amministrativo.

Consiglio di Stato - Sezione III - sentenza n. 4800/2017

L'atto di conferimento dell'incarico di direttore di struttura complessa ha natura privatistica

Tutta l'attività svolta presso le Aziende sanitarie è di diritto privato, anche gli atti di macro-organizzazione che, invece, per le altre amministrazioni sono espressione di poteri pubblicistici.

Consiglio di Stato - Sezione III - sentenza n. 4695/2017

Cancellazione elenco dei Medici competenti in assenza comunicazione dell'avvenuto aggiornamento

A seguito dell’entrata in vigore dell’obbligo di aggiornamento, l’Ufficio II della Direzione Generale della Prevenzione sanitaria del Ministero della Salute in data 28 gennaio 2014 ha pubblicato un primo avviso sul portale internet del Ministero, con il quale ha indicato un termine ultimo per comunicare l’avvenuto assolvimento dell’obbligo, nonché un secondo avviso, in data 23 marzo 2015, indirizzato a circa la metà dei medici iscritti in elenco avente ad oggetto l’avvio delle procedure di cancellazione degli inadempienti.

Consiglio di Stato - Sezione III - sentenza n. 4628/2017

Pensioni di invalidità civile, legittima intesa Inps e struttura commissariale per accertamento requisiti

Non vi sono assolutamente dubbi sul fatto che il recupero di somme in precedenza destinate a remunerare il personale medico impegnati nelle commissioni per l’invalidità civile costituisce un indubbio e diretto risparmio di spesa in quanto i medesimi sanitari potranno ritornare alla loro attività principale della cura dei pazienti evitando ulteriori assunzioni di medici.

Consiglio di Stato - parere n. 2065/2017

La documentazione vaccinale è requisito per accedere a nidi e asili: il parere del Consiglio di Stato

La mancata presentazione della documentazione che comprova l’assolvimento dell’obbligo vaccinale per i bambini tra 0 e 6 anni, secondo l’interpretazione resa dal Consiglio di Stato, rappresenta requisito di accesso ai servizi educativi per l’infanzia e alle scuole dell’infanzia, e si applica già dall’anno scolastico in corso. Inoltre, “La Costituzione […] non riconosce un’incondizionata e assoluta libertà di non curarsi o di non essere sottoposti trattamenti sanitari obbligatori (anche in relazione a terapie preventive quali sono i vaccini), per la semplice ragione che, soprattutto nelle patologie ad alta diffusività, una cura sbagliata o la decisione individuale di non curarsi può danneggiare la salute di molti altri esseri umani e, in particolare, la salute dei più deboli, ossia dei bambini e di chi è già ammalato”.

Consiglio di Stato - parere n. 1939/2017

Via libera del Consiglio di Stato al decreto sulle visite fiscali nel pubblico impiego, ma richiesta di armonizzazione con il regime del lavoro privato

Secondo il Consiglio di Stato il decreto deve essere finalizzato ad “armonizzare la disciplina dei settori pubblico e privato” e chiede quindi l’armonizzazione della disciplina delle fasce orarie di reperibilità fra dipendenti pubblici e dipendenti del settore privato. Osservazioni anche sulla mancata accettazione dell'esito della visita, sulla richiesta diretta di questa dall'Inps e sul rientro al lavoro anticipato.

Consiglio di Stato - Sezione III - sentenza n. 4188/2017

Medico convenzionato e assunzione di personale precario del comparto sanità

La lettura dell'intero DPCM del 6 marzo 2015, relativo alla stabilizzazione del personale precario del comparto sanità, depone nel senso di ritenere che soltanto il personale che ha prestato servizio per cinque anni con contratto di lavoro subordinato a tempo determinato, presso i servizi di emergenza ed urgenza, può accedere alle procedure di stabilizzazione del personale precario.

Consiglio di Stato - Sezione VI - sentenza n. 3513/2017

La consulenza tecnica non rientra tra le limitazioni per "incarichi" extra istituzionali del personale dirigente

L’art. 53 del d.lgs. 165/2001, “Incompatibilità, cumulo di impieghi e incarichi”, ai commi 7, 8 e 9 stabilisce per i dipendenti pubblici un divieto generale di assumere senza autorizzazione dell’amministrazione cui appartengono “incarichi retribuiti che non siano stati conferiti o previamente autorizzati dall'amministrazione di appartenenza”, e corrispondentemente proibisce alle altre amministrazioni, agli enti pubblici economici e ai privati di conferirli senza tale autorizzazione.

Consiglio di Stato - Sezione III - sentenza n. 3358/2017

Incarichi ex art. 18 Ccnl dirigenza medica: confermata la giurisdizione del GO

Manca un’autentica procedura concorsuale; è stata svolta la sola valutazione dei curricula, seppure alla base di criteri predefiniti, all’esito della quale la Commissione, assegnati dei punteggi (peraltro tutti identici, pari a 15, per i tre candidati), ha stilato un elenco degli idonei alla selezione, poi approvato dal Commissario straordinario dell’Azienda Unità Sanitaria Locale.

Consiglio di Stato - Sezione III - sentenz an. 3058/2017

Esiste il diritto al rifiuto del trattamento terapeutico in atto

Deve escludersi che il diritto alla autodeterminazione terapeutica del paziente incontri un limite allorché da esso consegua il sacrificio del bene della vita.

Consiglio di Stato - Sezione III - sentenza n. 3025/2017

Consiglio di Stato conferma la giurisdizione nel caso di conferimento di un incarico dirigenziale Ssn

La controversia in oggetto rientra nella previsione dell'art. 63, comma 1, d.lgs. 165/2001, laddove questo devolve alla giurisdizione del giudice ordinario tutte le controversie del pubblico impiego, incluse quelle concernenti l'assunzione al lavoro, il conferimento e la revoca degli incarichi dirigenziali, a maggior ragione ove si tratti di incarichi dirigenziali delle Aziende Sanitarie Locali, le quali godono di un regime in parte derogatorio rispetto a quello delle altre Amministrazioni.

Consiglio di Stato - Sezione III - sentenza n. 2992/2017

Scelta del medico, ribadita possibilità senza limitazioni territoriali

È illegittima la decisione aziendale di impedire che gli assistiti, residenti in altra zona del territorio regionale, appartenente ad un distretto sanitario diverso da quello nel quale operava il professionista, potessero scegliere quest'ultimo come proprio medico di medicina generale.

Consiglio di Stato - Sezione IV - sentenza n. 2860/2017

Indennità per medici che assistono personale penitenziario

L'appellante, in servizio presso una struttura centrale del D.A.P. con funzioni di medico incaricato, ha chiesto la corresponsione della indennità introdotta dalla L. 26/1991 in favore dei medici che esercitano funzioni assistenziali in favore del personale penitenziario. Tuttavia l'indennità in questione è un compenso ulteriore, destinato ad essere erogato ai sanitari i quali, oltre ad occuparsi della salute dei detenuti, svolgono anche prestazioni in favore del personale di custodia.

Consiglio di Stato - Sezione III - sentenza n. 2778/2017

Specialisti ambulatoriali: impugnazione della graduatoria va proposta innanzi al Go

È dirimente verificare se la procedura descritta dall’Accordo Collettivo Nazionale del 23.03.2005, così come modificato dall’ACN del 29.07.2009, possa sussumersi nell’ambito delle “controversie in materia di procedure concorsuali per l'assunzione dei dipendenti delle pubbliche amministrazioni”.

Consiglio di Stato - Sezione III - sentenza n. 2511/2017

Azienda ospedaliera universitaria, giurisdizione per trasformazione Unità complessa in semplice

Il "Servizio Autonomo di radiologia ad indirizzo senologico" da "struttura complessa" è stato trasformato in "struttura semplice". L'orientamento prevalente della giurisprudenza della Cassazione è condiviso dal Consiglio di Stato, per cui, nello speciale ambito del Ssn, attiene comunque alla sfera propria dell'AGO l'impugnativa della decisione del direttore generale di un'azienda sanitaria locale di modificare una struttura operativa complessa in struttura semplice trasferendola dal servizio sanitario all'ambito universitario.

Consiglio di Stato - Sezione III - sentenza n. 2448/2017

Illegittimo il diniego autorizzazione per la realizzazione di una struttura di radioterapia

Il blocco delle nuove autorizzazioni è giustificato, a condizione che: il fabbisogno non sia ancora stato quantificato, oppure, pur essendo stato quantificato il fabbisogno, le strutture già definitivamente o provvisoriamente accreditate, sommate a quelle autorizzate e già in esercizio e interessate ad ottenere l’accreditamento, appaiano in grado di coprirlo interamente.

Consiglio di Stato - Sezione III - sentenza n. 2171/2017

Annullamento della idoneità conseguita e restituzione borsa di studio

Al medico non era stata contestata alcuna inidoneità, tale da non consentirne l’accesso alle prove o il superamento delle stesse, ma l’esistenza di una situazione di incompatibilità, ai sensi dell’art. 11 del D.M. del Ministero della Salute del 7 marzo 2006, per avere svolto una attività lavorativa al di fuori del corso incompatibile con la frequenza a tempo pieno di questo, con conseguente espulsione del medico tirocinante dal corso stesso.

Consiglio di Stato - Sezione III - sentenza n. 957/2017

Riconosciuto il superiore trattamento economico per le funzioni primariali

Non è ammissibile che, ove esista un posto apicale in una struttura sanitaria, le relative funzioni di guida e responsabilità non vengano esercitate dal medico ospedaliero titolare del posto di responsabilità immediatamente inferiore (nel caso l'aiuto anziano).

Consiglio di Stato - Sezione VI - sentenza n. 538/2017

Indennità De Maria va corrisposta fino a tutto il 2008

È vero che l'indennità c.d. De Maria sopravvive rispetto alla data di entrata in vigore del d.lgs. 517/1999, ma non è vero che tale sopravvivenza possa essere per sempre. In verità, l'esaurimento del suo dovere di corresponsione si è già innescato con la stessa entrata in vigore dell'art. 6, co. 4, del decreto delegato n. 517 e la sua definitiva scomparsa non è stata dal Legislatore delegato ancorata ad un termine certo per il fatto che, all'epoca, tale Legislatore non poteva prefigurare entro quanto tempo il nuovo regime di trattamento economico avrebbe trovato una sua realizzazione.

Consiglio di Stato - Sezione III - sentenza n. 430/2017

Lazio. Consiglio di Stato boccia ricorso privati accreditati su "clausola di salvaguardia"

Il Consiglio di Stato ha bocciato il ricorso in appello presentato da alcuni operatori privati accreditati contro la norma contenuta nei contratti che regolano rapporti e prestazioni con il servizio sanitario regionale. La cosiddetta “clausola di salvaguardia” che impedisce di presentare ricorso dopo che si è firmato l’accordo, secondo la suprema magistratura amministrativa, è pienamente valida poiché in linea con la nuova concezione del buon andamento economico finanziario”.

Consiglio di Stato - Sezione III - sentenza n. 344/2017

Mancata ammissione ospedale a finanziamento per funzioni non tariffabili dell'emergenza/urgenza

Quanto alla funzione della "didattica-ricerca", occorre rilevare che le Regioni programmano gli assetti organizzativi e i livelli di assistenza sulla base delle risorse disponibili. Dunque appare logico provvedere inizialmente al finanziamento di quelle strutture, come i Poli Universitari, che hanno un numero preponderante di reparti convenzionati. Del pari deve ritenersi coerente il riservare le residue disponibilità finanziarie alla ricerca professionale svolta dagli IRCCS e non invece alla "ricerca diffusa", implicitamente connessa a tutte le attività sanitarie e quindi anche a quelle praticate dagli Ospedali.

Consiglio di Stato - comm. spec. - 17 gennaio 2017 n. 83

Legge Madia: il Consiglio di Stato da il via libera ai decreti correttivi dopo la sentenza della Corte costituzionale n. 251/2016

Con questo parere, il Consiglio di Stato rileva innanzitutto l’importanza di “portare a termine le previsioni della legge n. 124 a seguito della sentenza della Corte”, anche “per non far perdere slancio riformatore all’intero disegno: i decreti legislativi interessati dalla sentenza costituiscono, infatti, non soltanto misure di grande rilievo di per sé, ma anche elementi di una riforma complessiva, che risulterebbe meno incisiva se limitata ad alcuni settori”.

Anaao ti tutela
Pronto soccorso medico-legale e assicurativo
Medici in pensione
Informazioni parlamentari
Banca dati normativa in sanita
Anaao Card
Anaao ti assiste
Assistenza legale
Assistenza fiscale
Anaao ti assicura
Copertura tutela legale gratuita
Polizza responsabilità civile professionale "colpa grave"
Polizza unica
Copertura contagio ospedaliero
Servizio Doctor Help Desk
Anaao ti informa
Newsletter
Iniziativa Ospedaliera
Dirigenza medica
Editoria
Segreteria Nazionale sede di Roma
Via XX Settembre, 68 - 00187 ROMA
Telefono 064245741 - Fax 0648903523
segreteria.nazionale@anaao.it
segreteria.nazionale@anaao.postecert.it
Dipartimento Amministrativo
Via Scarlatti, 27 - 20124 MILANO
Telefono 026694767 - Fax 0266982507
segr.naz.milano@anaao.it
segr.naz.milano@anaao.postecert.it
Dipartimento Organizzativo
Via Sant'Aspreno, 13 - 80132 NAPOLI
Telefono 0817649624 - Fax 0817640715
segr.naz.napoli@anaao.it
segr.naz.napoli@anaao.postecert.it
Ufficio stampa
Via XX Settembre, 68 - 00187 ROMA
Telefono 064245741 - Fax 0648903523
ufficiostampa@anaao.it
Coordinamento servizi agli Associati
Via XX Settembre, 68 - 00187 ROMA
Telefono 064245741 - Fax 0648903523
servizi@anaao.it